QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Guarisce, dà energia e trasforma la vita.”

“Guarisce, dà energia e trasforma la vita.”

A chi e cosa ringrazia? Questa può sembrare una domanda semplice su cui riflettere, ma non sempre riusciamo a risolverla. Tuttavia, la ricerca mostra quanto sia importante la gratitudine, non solo per sentirla, ma anche per esprimerla.

Cristina Karon

“Nell’anno 2022, tutta la sua vita è stata sconvolta”, afferma Stacy Patten.

Suo marito è morto di cancro e suo padre è morto dopo una lunga battaglia contro il morbo di Parkinson. A sua madre è stato diagnosticato un cancro. Se n’è andata dopo aver venduto la casa in cui aveva vissuto per 26 anni.

Nella sua angoscia, scopre che è meglio cercare i bei momenti in ogni giorno. Così ho preso un grande barattolo di vetro e l’ho trasformato in un “barattolo della gratitudine” e ora è sul tavolo accanto al suo letto.

Ogni sera, scrivi alcune cose per cui sei grato su un pezzo di carta e mettile lì. Spesso è semplice come “Ho incontrato un nuovo vicino” o “Ho portato mamma e il cane a fare una passeggiata”.

“La tristezza è ancora lì, ma scrivere quelle note quotidiane ha aiutato”, dice Patten, 56 anni.

Due decenni fa, uno studio pionieristico condotto dallo psicologo Robert Emmons ha cercato di capire in che modo le persone traggono beneficio dalla gratitudine, una questione che gli scienziati avevano raramente esplorato fino ad allora.

La gratitudine guarisce

Le scoperte di Emmons, che suggerivano che la gratitudine può migliorare la salute mentale, hanno ispirato una raffica di ulteriori ricerche. Ad oggi, molti studi hanno dimostrato che mostrare gratitudine, “contare le proprie benedizioni” ed esprimere gratitudine agli altri può avere effetti positivi sulla nostra salute emotiva e sulle relazioni personali e sentimentali.

La meditazione sulle tue benedizioni fa bene al corpo e alla mente.Foto di Francesco Sicolella/The New York Times

Inoltre, alcuni studi, ma non tutti, hanno dimostrato che la gratitudine può giovare alla salute fisica. “La gratitudine è curativa, energizzante e cambia la vita”, afferma Emmons. “È la prospettiva attraverso la quale guardiamo alla vita in termini di doni, donatori, bontà e grazia”.

Ma cos’è esattamente la gratitudine? Sono sentimenti positivi che possono derivare dal riconoscere che hai del buono nella tua vita e che altri – o poteri superiori, se ci credi – ti hanno aiutato a raggiungerlo. In altre parole, le fonti delle cose buone “risiedono almeno in parte al di fuori del sé”, dice Emmons.

Ad esempio, puoi sentirti grato quando qualcuno è gentile con te. Ma “sentirlo è solo metà della questione”, afferma Philip Watkins, professore di psicologia alla Eastern Washington University e autore di Ringraziamento e buona vita. Dice che esprimere gratitudine è importante tanto quanto raccogliere i frutti di quei sentimenti.

In che modo ti gioverà?

Molti studi hanno chiesto ai partecipanti di scrivere note di ringraziamento o elencare cose positive nella loro vita e quindi misurare gli effetti di tali azioni.

I risultati hanno mostrato che svolgere questo tipo di attività ha benefici per la salute mentale. Pertanto, riducono i sintomi della depressione e dell’ansia e aumentano l’autostima e la soddisfazione per la vita quotidiana.

Diversi studi hanno anche dimostrato che esprimere gratitudine a conoscenti, colleghi, amici o partner romantici può dare una “spinta relazionale” e “aiutarci ad avvicinarci gli uni agli altri”. Così dice Sarah Algo, psicologa dell’Università del North Carolina a Chapel Hill che ha studiato come la gratitudine aiuta le relazioni.

La gratitudine non solo migliora il benessere di chi dona e chi riceve, ma può giovare anche a chi ne è testimone: assistere a un atto di gratitudine tra due persone può far sentire più calore e familiarità per entrambi.

Basta un attimo al giorno

Gli studi sulla gratitudine non indicano quanto spesso dovremmo esprimere gratitudine o il modo migliore per praticarla. Ma molti esperti ritengono che una piccola dose di gratitudine una volta al giorno sia l’ideale.

“Penso che i benefici delle attività di gratitudine siano davvero visti attraverso abitudini a lungo termine”, ha detto Joel Wong, professore di psicologia presso l’Indiana University College of Education che studia se esprimere gratitudine in un programma di gruppo di sei settimane aiuta le persone con depressione. aiuta.

Per sviluppare un’abitudine duratura alla gratitudine, prova ad abbinare la tua pratica di gratitudine a una routine già radicata, dice Wong. Sceglie di pensare a ciò per cui si sente grato al mattino. “Cerco di farlo la prima volta che accendo il computer al lavoro.”

Infine, mentre molti studi hanno dimostrato il valore di scrivere una lettera di apprezzamento, non deve essere lunga o richiedere molto tempo. Potrebbe essere sufficiente una rapida e-mail o un messaggio di testo.

Sii specifico

Immagina che il tuo partner ti ringrazia per aver pulito la cucina dopo cena. Quale affermazione vorresti sentire? “Grazie!” Oppure: “Sono così felice che tu abbia assunto il comando stasera e abbia fatto tutto il lavoro in cucina. Adoro il modo in cui facciamo a turno per concederci una piccola pausa.

È importante essere specifici, “perché approfondisce la nostra esperienza di gratitudine”, afferma Wong. “Intensifica i nostri sentimenti e pensieri di gratitudine.”

Che tu stia ringraziando qualcun altro o facendo un elenco delle cose per cui sei grato nella tua vita, Wong ha preparato un elenco di 100 domande che possono essere utili per pensare alla gratitudine in modo più specifico. Se stai facendo questo esercizio, Wong suggerisce di farlo con carta e penna.

“La scrittura rallenta il nostro processo di pensiero e ci consente di pensare in modo più consapevole”, afferma Wong. “Scrivendo, teniamo un registro permanente delle benedizioni che abbiamo ricevuto: possiamo tornare al nostro diario mesi o anni dopo per ricordare per cosa siamo stati grati”.

© Il New York Times

READ  Il modo più efficace per coltivare cannabis