QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Ho solo 31 anni e bevo già acqua” — Storia — Social.Net

“Ho solo 31 anni e bevo già acqua” — Storia — Social.Net

Una generazione viziata

I Millennial – le persone nate tra il 1980 e il 1999 – hanno aspettative irrealistiche e stabiliscono troppi limiti. La generazione Z – nata tra il 1997 e il 2012 – è pigra, demotivata e non sa cosa sia la lealtà. Sono interessati solo a se stessi. Se per un momento non gli piace il posto di lavoro, se ne vanno.

“Quando accendo il telefono dopo le vacanze, mi si bagnano sempre le mani.”

Entrambi i gruppi si lamentano molto, sono una generazione viziata, non sanno cosa significa lavorare duro e non vogliono impegnarsi. Si bruciano alla minima cosa. Fiocchi di neve. Lupi affamati di soldi che vogliono arricchirsi senza fare nulla e alzarsi dal letto solo per ottenere il grande premio.

Si dice che ci sia la segreteria telefonica

Ecco alcune delle affermazioni che colpiranno i giornali, gli studi e le reazioni, soprattutto delle generazioni più anziane, sui social media.

Ne ho mille.

Quando accendo il telefono dopo le vacanze, le mie mani diventano sempre sudate. In passato, una volta mi sono trovato nel mezzo di una crisi nel giro di un’ora che era già iniziata la settimana prima. Centinaia di messaggi di testo da parte di un cliente disperato che non voleva un’alternativa, chiedendo una dozzina di azioni che dovevano essere eseguite subito, mi hanno fatto sudare all’istante.

Ancora peggiore fu il silenzio dopo un’altra vacanza, quando morì il mio cliente.

Inoltre, ho dozzine di e-mail, un intero messaggio vocale e del lavoro che ho lasciato indietro perché la persona a cui ho chiesto non poteva (o non voleva?) riceverlo. E c’era già tanto da “riprendere durante le vacanze”.

tutti. Eccezionale. Occupato

Tornare in silenzio di solito non è un’opzione. Ogni ora del giorno, una persona diversa richiede un approccio diverso e qualità diverse. Rilassarmi in bici è impossibile a causa della fretta costante di arrivare in tempo all’appuntamento successivo. Nella mia mente cerco di prepararmi per il prossimo appuntamento e di aggiornare la mia lista di cose da fare. Mi dimentico di scriverlo nel trambusto della giornata, il che significa che sono costantemente alla ricerca di fatti.

READ  Nessun accordo ancora sulla politica della corona olandese: "lockdown light" con chiusure anticipate, ristorazione e negozi in preparazione all'estero

Parte di questo siamo io e il mio pasticcio. In parte abbiamo proprio tutto. Eccezionale. Occupato.

Nuovo giorno

Quando sono arrivato sul sito non ho ricevuto chiamate da persone che non rispondevano più. Una volta tornato a casa dovevo ancora fare amministrazione, in un sistema completamente diverso da quello precedente, al quale mi ero appena abituato. Ma non ne posso più. Domani è un altro nuovo giorno.

“Ogni ora che lavori dovrebbe essere significativa e responsabile.”

Quel nuovo giorno di domani, il più delle volte, non arriverà prima della prossima settimana. O uno dopo. Non merita un premio di bellezza, ma è la verità.

La situazione è insostenibile

Ogni ora che lavori dovrebbe essere utile e responsabile. UN Editoria Il centro di conoscenza olandese Movisie sugli oneri amministrativi e organizzativi indica che gli assistenti sociali dedicano in media il 37% del loro tempo a questo. Anche questo.

Non occorre essere matematici per pensare che stiamo creando una situazione del tutto insostenibile. La pressione è insopportabile da tutte le parti, ma non ci sono risorse per assumere un nuovo collega. Se appare all’improvviso, il posto vacante dovrà attendere diversi mesi a causa della mancanza di candidati.

Siamo riluttanti ad andare in vacanza, perché poi un collega deve occuparsi di tutto. La cura deve essere continuata. Concedi il congedo parentale al tuo collega, ma questo significa che ottieni anche i suoi clienti.

Ho solo 31 anni e sono al limite.

Nessuna prospettiva di carriera

Lo stress da lavoro è una parolaccia di questi tempi. Tuttavia, lancerò alcuni numeri.

film Descrivere Lo Stato del lavoro sociale nei Paesi Bassi mostra che oltre il 60% degli assistenti sociali deve affrontare un carico di lavoro da elevato a molto elevato. Solo il 40% di noi afferma che lavoreremo ancora come assistenti sociali tra cinque anni, il 40% non ne è sicuro e il 18% non è sicuro. Quasi il 90% è intrinsecamente motivato ad apprendere sul lavoro, ma il 35% afferma di non avere abbastanza tempo per svilupparsi ulteriormente e il 46% non vede alcuna prospettiva di carriera.

“È ora di tirare il freno di emergenza da qualche parte.”

È stato riferito che la pressione lavorativa, l’elevato turnover dei dipendenti e la conseguente mancanza di stipendio sono tra le principali ragioni per abbandonare la professione. Viene fondata l’organizzazione professionale “Sociaal Werk Nederland”. Numeri delle assenze Tra gli assistenti sociali. Nel 2022, il tasso di assenza dal lavoro per malattia ha raggiunto il picco del 7,5%. Questa tendenza non sembra destinata ad invertirsi nell’immediato: nel primo trimestre del 2023 avevamo già il 7,9% di assenteismo per malattia.

READ  Notizie di dubbi su Joe Biden, nonostante la sua pubblica insistenza sul fatto che “nessuno lo eliminerà” dalle elezioni

bandiere rosse

Questi numeri sono enormi segnali d’allarme. È ora di tirare il freno d’emergenza da qualche parte. Professionisti esperti che sono sul mercato da tempo non vogliono più farlo, in parte a causa della pressione lavorativa, dell’elevato turnover del personale, della mancanza di opportunità di carriera e, non ultimo, della valutazione finanziaria inferiore alla media.

Questo gruppo è ulteriormente diminuito dall’assenteismo e dal deflusso. Puoi sperare in un pool di giovani talenti desiderosi di colmare questa lacuna. Attrarre e formare questa nuova generazione è la missione.

“Queste nuove generazioni sono radicalmente diverse dalle loro predecessori”.

Ma queste nuove generazioni sono fondamentalmente diverse dai loro predecessori. Con credenze, desideri e aspettative diverse. Con una prospettiva diversa su come avere una carriera di successo e una vita preziosa.

Ambizioso con i limiti

Più della metà dei Millennial e della Gen Z prevede di cercare una nuova sfida nel prossimo anno. Il loro impegno nei confronti dell’organizzazione per cui lavorano è molto inferiore a quello dei loro predecessori. Una percentuale maggiore di loro afferma che lascerebbe il lavoro se avesse migliori opportunità altrove. Essi Ambizioso, ma fissa dei limiti.

Tipico di queste generazioni più giovani è l’equilibrio tra lavoro e vita privata. Società di revisione e consulenza Deloitte Descrivere Questo gruppo in particolare guarda in modo critico al posto che il lavoro occupa nella loro vita. Attribuiscono grande importanza alla flessibilità, poiché nella sfera sociale prevale ancora la mentalità dall’orario di lavoro dalle nove alle cinque.

“L’equilibrio tra lavoro e vita privata è naturale per queste generazioni più giovani.”

Queste sono le generazioni stressate in cui le lamentele di burnout sono comuni, il che significa che la salute mentale è in cima alla loro agenda. Vogliono continuare ad apprendere e svilupparsi. Vogliono sicurezza e protezione, sotto forma di contratto a tempo indeterminato, ma anche in collaborazione con i colleghi. Inoltre, sono molto preoccupati Il loro costo della vita.

READ  Frecce di metallo ritrovate nei corpi di civili morti in Botja: “Quest'arma è stata usata in massa durante la prima guerra mondiale” | Guerra tra Ucraina e Russia

Niente di pazzesco

Perché anche quello stipendio è una cosa. Vogliamo comprare una casa, ma semplicemente non possiamo. Dopo la giornata di lavoro, torno semplicemente nel mio piccolo studio, dove ci sono 15 gradi in inverno e 40 gradi in estate, senza balcone e sopra un bar. Non è molto motivante, ma almeno ho ancora un tetto sopra la testa.

“Aiutare è un mestiere nobile, ma perché non farlo tuo?”

È tutta colpa dei social media, ma viviamo in un’epoca in cui ci viene costantemente ricordato che tutto è possibile e che nulla è troppo folle. Chiamatelo egoismo, lavorare per vivere. Sostengo questo principio anche – o forse soprattutto – in ambito sanitario. Fornire assistenza è una professione nobile, che abbiamo scelto di cuore, ma perché non trarne vantaggio anche tu?

Essere più forti

I Millennials e la Generazione Z trovano molti ambiti importanti in cui la sfera sociale attualmente non sta andando bene. I giovani non vogliono più lavorare sodo per qualcun altro, solo per sentirsi bene a caro prezzo. Si prevede che anche il legame più forte prima o poi si spezzerà.

Spesso questi problemi sono ancora visti a livello individuale e devi essere più forte e imparare a sbarazzartene, devi imparare a pianificare meglio e devi essere soddisfatto. È meglio considerare tutte queste questioni individuali come un problema collettivo e il risultato di un sistema che non è più in grado di tenere il passo.

Qualcosa deve succedere. Lo dobbiamo gli uni agli altri e al futuro del lavoro sociale.