QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“I miei figli possono decidere ogni giorno l’ora in cui andare a dormire.”

“I miei figli possono decidere ogni giorno l’ora in cui andare a dormire.”

Vuoi anche tu che i tuoi figli siano a letto ogni sera alle 8:30? Questa mamma ha un approccio diverso: i suoi figli possono decidere da soli quando andare a letto. “Almeno così sono molto stanchi e poi si addormentano subito”.

“Fa parte della routine quotidiana di tutti: mettere a letto i bambini. In realtà non lo facciamo. A casa nostra, i miei figli possono scegliere a che ora andare a letto. Invece di seguire un programma rigido, abbiamo adottato un approccio più flessibile , e ha avuto benefici sorprendenti.

L'approccio tradizionale all'ora di andare a dormire dei bambini è spesso determinato da fattori esterni come gli orari scolastici, gli orari delle attività o le aspettative dei genitori. Ciò può creare un programma rigido che non sempre è in linea con le esigenze individuali del bambino. Quindi, a casa nostra, abbiamo deciso di dare ai nostri figli maggiore indipendenza riguardo ai loro orari del sonno, con la nostra guida e il nostro supporto. Solo loro possono decidere da soli quando si sentono stanchi e vogliono dormire. Proprio come facciamo noi adulti. Non troppo pazzo, vero?

Uno dei motivi principali alla base della nostra scelta è il fatto che spesso i bambini hanno esigenze di sonno diverse. Mentre un bambino ha bisogno di otto ore di sonno, un altro bambino può averne bisogno di molto di più o di molto di meno. Lasciando che decidano da soli quando andare a letto, imparano a riconoscere i segnali del proprio corpo e ad assumersi la responsabilità del proprio benessere.

Scopri a che ora vanno a letto

Inoltre, questo approccio aiuta a costruire fiducia e autodisciplina nei nostri figli. Invece di imporre loro un programma rigido, li incoraggiamo a sperimentare da soli le conseguenze delle loro scelte. Se scelgono di restare alzati fino a tardi e si sentono stanchi il giorno dopo, stanno imparando il valore di una buona notte di sonno in modo più pratico. È così che imparano davvero: se sono stanchi, spieghiamo loro che dovrebbero andare a letto presto. Imparano a leggere meglio l'ora e poi indicano che vogliono andare a letto presto.

READ  Cosa dovresti (soprattutto non) mangiare se hai l'influenza?

Naturalmente, questo non significa che lasciamo i nostri figli completamente a se stessi. Come genitori, rimaniamo coinvolti e forniamo guida e supporto quando necessario. Discutiamo regolarmente con loro dell'importanza del sonno e li aiutiamo a sviluppare abitudini di sonno sane. Inoltre, siamo sempre disponibili ad ascoltare qualsiasi preoccupazione o problema che abbiano riguardo al loro sonno. E ovviamente non giocano fuori fino alle 21:00. Colorano o giocano tranquillamente nella loro stanza e poi si infilano automaticamente nel letto. Si risparmia un sacco di litigi su “Vai a dormire adesso!”.

Capisco che questo approccio non è adatto a tutti. Ogni famiglia e ogni bambino è diverso e ciò che funziona per noi potrebbe non funzionare per gli altri. La cosa più importante è che i genitori trovino un approccio adatto ai loro bisogni e valori e a quelli dei loro figli. Ne siamo contenti. Nel complesso, riteniamo che lasciare decidere ai nostri figli a che ora andare a letto abbia avuto un impatto positivo sulla loro autostima, senso di responsabilità e benessere generale. Coinvolgendoli nel processo decisionale e supportandoli nello sviluppo di sane abitudini di sonno, ci auguriamo che comprendano il valore del sonno e mantengano questa visione per tutta la vita.