QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I polacchi non vogliono che l’Ucraina diventi una seconda Bielorussia

I polacchi non vogliono che l’Ucraina diventi una seconda Bielorussia

Gli alleati Polonia e Ucraina scendono per le strade, litigando per le consegne di grano e armi. “La minaccia del primo ministro Mateusz Morawiecki era insensata”, afferma Pawel Wronski del quotidiano polacco Gazeta Wyborcza.

È stato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj a arrabbiarsi a parlare all’Assemblea generale delle Nazioni Unite la scorsa settimana. Gli “amici” senza nome – tutti sapevano che si riferiva alla Polonia – si sarebbero impegnati in un “teatro politico” con “le pillole come punto di partenza per un thriller” che alla fine avrebbe avvantaggiato solo il nemico russo.

L’Ucraina ha minacciato di intentare causa presso l’Organizzazione mondiale del commercio contro Polonia, Ungheria e Slovacchia. Questi sono i tre paesi che continuano a vietare l’importazione e la vendita di grano ucraino, anche se l’Unione Europea ha revocato il divieto di importazione. Gli agricoltori polacchi temono che il grano ucraino, economico e abbondante, farà scendere i prezzi dei loro cereali.

Sono proprio questi agricoltori polacchi che fanno parte degli elettori tradizionali del partito nazionalista al potere Diritto e Giustizia. A sole due settimane dalle elezioni parlamentari previste per il 15 ottobre, il governo è ovviamente preoccupato di offendere questi elettori contadini.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha reagito duramente allo sfogo di Zelenskyj. “Con la presente interrompiamo la fornitura di armi polacche all’Ucraina. Ne abbiamo bisogno per difenderci”, ha detto durante un’intervista televisiva. Quindi tra Polonia e Ucraina succedono molte cose. Quanto seriamente dovremmo prendere la questione? Secondo i politici l’analista Pawel Wronski del quotidiano polacco di qualità Gazeta Wyborcza I leader polacchi vogliono apparire decisivi al loro pubblico. Ma c’è sicuramente un problema con i cereali ucraini. Subito dopo l’inizio della guerra di Putin, la Polonia ha promesso di aprire i suoi confini ai prodotti ucraini il prima possibile. Ciò ha portato al riempimento dei silos con grano ucraino. I prezzi dei cereali in Polonia sono già in caduta libera.

La Confederazione di destra ritiene che la Polonia sostenga troppo l’Ucraina.

All’inizio di questo mese, la Polonia ha ricevuto un ritardo dall’Unione Europea nell’aprire il proprio mercato ai cereali ucraini. Varsavia alla fine dovrà sottomettersi all’Unione Europea?

Paolo Wronski: Polonia e Ucraina si trovano in una situazione difficile. Per l’Ucraina il grano è un tesoro nazionale. Per secoli il paese è stato conosciuto come il “granaio d’Europa”. La storia gioca un ruolo in questo, oltre all’orgoglio nazionale e agli interessi economici. È una questione difficile anche per la Polonia. Le elezioni parlamentari sono previste per il 15 ottobre. Gli agricoltori sono diventati più riluttanti di prima a dare il loro sostegno al partito di destra al potere, Diritto e Giustizia. Anche il Partito tradizionale dei contadini (PSL) e il partito di estrema destra Confederacja pescano nello stesso stagno. La CNT è l’unico partito in Polonia che sfrutta il risentimento storico della Polonia contro l’Ucraina, un riferimento ai patrioti ucraini di destra che uccisero migliaia di polacchi alla fine della Seconda Guerra Mondiale (opera dell’esercito guerrigliero dell’Alleanza Progressista Unita guidato da masse l’assassino Stepan Bandera). , signor dottor). La CNT ritiene che la Polonia sostenga troppo l’Ucraina e che questa stia crescendo nei sondaggi d’opinione. Il Partito Diritto e Giustizia ha il fiato caldo sul collo e per questo grida: “La Polonia non si arrenderà ai dettami del trio europeo Berlino-Kiev”. (Lui ride) Un eurodeputato del PiS è addirittura andato in televisione a dire che Berlino e Kiev stanno lavorando insieme contro la Polonia. Questo è completamente folle, ma alcune persone vogliono crederci.

READ  Gli americani aspettano ancora i risultati delle elezioni finali: "Che diavolo sta succedendo?" | All'estero
C’è una disputa tra il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki. ©Getty

Finora la Polonia figurava tra i principali fornitori di armi, dopo gli Stati Uniti e il Regno Unito. Gli ha già fornito, tra l’altro, 14 aerei da combattimento, 12 elicotteri e 460 carri armati. L’aeroporto, situato vicino alla città orientale di Rzeszow, è un centro logistico completo per le spedizioni di armi dall’Occidente. Quanto si sentirebbero male al fronte se la Polonia interrompesse il sostegno militare?

Vronskij: Penso che le forti dichiarazioni di Morawiecki non piacciano all’opinione pubblica polacca, per non parlare del fatto che la sua minaccia è semplicemente insensata. Il portavoce del governo ha dichiarato subito dopo che il primo ministro era stato frainteso. La Polonia è stata uno dei paesi più veloci a fornire armi all’Ucraina, in particolare carri armati T-72, obici Crab di fabbricazione polacca e aerei MiG-29. All’inizio della guerra queste armi fecero la differenza. Ora l’Ucraina guarda principalmente all’Occidente per le armi moderne.

C’è preoccupazione per la guerra nel campo occidentale. Il contrattacco ucraino procede lentamente e ora c’è questa disputa diplomatica. Vedete questo come un primo segnale del crollo della solidarietà in campo occidentale?

Vronskij: No, penso che gli ucraini siano vittime della loro stessa propaganda. All’inizio della guerra, non solo resistettero al massiccio esercito russo, ma ottennero anche successi militari. Siamo tutti arrivati ​​a vederli come eroi, ma anche gli eroi a volte hanno difficoltà a stare in prima linea. Adesso, ad esempio, con il contrattacco ucraino si vede che i russi sono ben preparati. Con i loro campi minati e le loro trincee, non è facile espellerli. E anche perché gli ucraini non dispongono di una potenza aerea significativa per infastidire il nemico. Tutto ciò è deludente, ma non è un motivo per cui l’Occidente smetta di sostenerlo, anzi. Gli ucraini combattono e muoiono per i nostri ideali. Se pensiamo che ci vuole troppo tempo, dovremmo pensare soprattutto a coloro che vivono effettivamente sotto i bombardamenti.

I polacchi si rendono conto che l’Ucraina li protegge.

Il 15 ottobre i polacchi eleggeranno un nuovo parlamento. Negli ultimi otto anni il paese è stato governato dal Partito nazionalista di destra Diritto e Giustizia di Jaroslaw Kaczynski. L’immigrazione è un tema caldo nella campagna. Varsavia rifiuta di assorbire gli immigrati (musulmani) dal Medio Oriente e dall’Africa, ma ha bisogno di portare nuovi lavoratori per sostenere la crescita economica ad un tasso del 5% annuo. Ecco perché il governo ammette 400.000 lavoratori ospiti temporanei provenienti da paesi come Bangladesh, Iran, Pakistan, India ed Emirati Arabi Uniti. Ma quel programma ora ha subito un duro colpo a causa dello scandalo dei visti. Le persone pagano diverse migliaia di dollari per questi visti. Possiamo dire che il conflitto con l’Ucraina sia diventato utile come strumento per prevenire questo scandalo dei visti?

READ  Un esperto militare teme che le linee ucraine non reggeranno: “L’esplosione interna è imminente” | Guerra Ucraina-Russia

Vronksy: Naturalmente! Vedete, il governo sta facendo tutto il possibile per distogliere l’attenzione e mantenerla il più piccola possibile. Nessuno conosce la portata dello scandalo: l’opposizione parla di 200mila visti in due anni e mezzo, il governo di 200 casi. (Lui ride) Licenziano qua e là qualcuno coinvolto, dando l’impressione che la situazione sia sotto controllo. Nel telegiornale dell’emittente pubblica TVP, che può essere descritto solo come un canale di propaganda governativa, in due settimane non è stato dedicato esattamente un secondo allo scandalo. Chi è al potere ha sempre promesso che situazioni come quelle di Lampedusa non si ripeteranno in Polonia. Il Partito Legge e Giustizia ha un solo obiettivo: rimanere al potere. E secondo i sondaggi sembra che funzioni ancora. Il partito continua a ricevere tra il 32 e il 40%, mentre l’opposizione liberale tra il 26 e il 29%.

I treni che trasportano grano dall'Ucraina aspettano al valico di frontiera polacco a Dorohosk.
I treni che trasportano grano dall’Ucraina aspettano al valico di frontiera polacco a Dorohosk. ©Getty

Ogni giorno circa 30.000 persone attraversano ancora il confine polacco. La Polonia ha già accolto più di 10 milioni di ucraini. La stragrande maggioranza di loro si reca in Occidente, soprattutto in Germania. Ma la Polonia ha anche una numerosa popolazione ucraina, stimata in 1,3 milioni di persone. Il governo ha reso loro più facile trovare lavoro, hanno ricevuto trasporti pubblici gratuiti e i bambini sono stati accolti nelle scuole polacche. Questa solidarietà rimane intatta dopo un anno e mezzo di guerra?

Vronskij: Vedo segnali che la solidarietà non è cambiata. E nel grande magazzino dove faccio acquisti, il carrello della spesa per le donazioni all’Ucraina è ancora ben pieno. Può essere aneddotico, ma dice qualcosa. Un altro esempio: in Occidente ci sono persone che non desiderano altro che la fine della guerra da parte dell’Ucraina, ma in Polonia questa opinione è quasi inesistente. In Polonia molte persone capiscono che l’Ucraina ci protegge. La Polonia guarda con sospetto alla Bielorussia: un vicino ostile e instabile, che vede il dittatore Alexander Lukashenko come un burattino di Putin e della Russia. Per noi è sufficiente avere uno di questi vicini e non vogliamo che l’Ucraina diventi simile.

READ  Fotograaf valt en sterft door onverschillige voorbijgangers

Chi ti aspetti che vinca le elezioni del 15 ottobre?

Vronskij: Il PiS potrebbe vincere, ma è anche possibile che il partito formi una coalizione con i postfascisti della CNT. È anche possibile che nessuno riesca a formare un governo stabile e presto si andrà verso nuove elezioni.

“Il carrello della spesa per le donazioni all’Ucraina rimane ben pieno.” ©Getty

L’atmosfera nella politica e nei media polacchi è molto accesa e polarizzata. Non è facile lavorare come giornalista, soprattutto nei media critici nei confronti del governo. Ad esempio, ci sono denunce contro il giornale per cui lavori, Gazeta WyborczaIn precedenza aveva intentato circa un centinaio di cause legali, la maggior parte delle quali per diffamazione e diffamazione. Anche tu sei vittima di questo tsunami di operazioni?

Vronskij: Ogni giorno l’avvocato del giornale presenta una nuova serie di cause legali. Gli avvocati avversari cercano sempre di gestire quattro, cinque o sette fascicoli contemporaneamente. In questo modo guadagnano di più. (Lui ride) Finora ho avuto tre cause legali contro di me. Per tre volte l’accusa è stata di aver dato soldi ai miei intervistati perché dicessero quello che volevo sentire e mentissero. Sono stato assolto tre volte.