QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il COVID-19 non aumenta il rischio di aborti ricorrenti

Il COVID-19 non aumenta il rischio di aborti ricorrenti

Editoriale sui fatti medici / Janine Budding 12 febbraio 2024 – 22:05

La ricerca del LUMC mostra che le donne che hanno avuto in precedenza un aborto spontaneo a causa del coronavirus non hanno un rischio maggiore di avere un altro aborto spontaneo o di partorire un feto morto. Inoltre, i farmaci preventivi non sono più necessari durante la gravidanza.

Le conseguenze a lungo termine degli aborti causati da COVID-19 non erano precedentemente note. Marie-Louise van der Hoorn, ginecologa della LUMC, spiega l'incertezza che ciò ha creato: “I genitori hanno pensato: 'Non mi succederà più, vero?' E i medici hanno pensato: 'Diamo farmaci immunosoppressori così possiamo sperare la placenta sopravviverà e funzionerà correttamente.” Mentre questi farmaci causano anche tutti i tipi di effetti collaterali.

Niente ossigeno

Ecco perché l'indagine è stata avviata a Leida. Nel 2021, i ricercatori della LUMC e dell’Erasmus MC hanno scoperto un legame tra Covid-19 e perdita di placenta. Lotti van der Meeren, patologo della LUMC, spiega cosa succede quando il coronavirus si insedia nella placenta: “La placenta è una specie di albero che contiene tutti i tipi di trucioli. Il virus si attacca a quei chip. Confrontalo con un albero pieno di bruchi della processionaria della quercia. Solo il bruco è il coronavirus. Quando l'intero albero è pieno, lo scambio di ossigeno non è più possibile. Quindi la placenta si rompe letteralmente. Se la placenta è danneggiata, le cose andranno male anche per il bambino.

Malattia placentare cronica

Malattie infettive come la malaria, il citomegalovirus (CMV) e la listeriosi possono causare malattie della placenta. Sappiamo che la possibilità che la malattia si ripresenti in una gravidanza successiva è molto ridotta. “Ma esiste anche una variante rara, in cui la possibilità di recidiva è molto alta.”

READ  Notevole; Sono tornati..., firma

Obiettivo Nuovo studio Lo scopo era quello di studiare la recidiva della patologia placentare associata a COVID-19. Tra questi figurano i genitori colpiti dalle conseguenze del virus.

Delle 19 nuove gravidanze, 17 si sono concluse con un parto vivo. Secondo Van der Hoorn i due aborti avvenuti furono il risultato di altre cause.

Bene

Lo studio è piccolo, ma bello, dice van der Hoorn. “Avete eliminato molte incertezze, non c’è più bisogno di farmaci, e che bel momento è quando i genitori possono tenere il loro bambino tra le braccia, sano e vegeto”.

Fonte: LUMC

Editoriale sui fatti medici / Janine Budding

Siamo specializzati in notizie interattive per gli operatori sanitari, in modo che gli operatori sanitari siano informati ogni giorno sulle notizie che potrebbero essere rilevanti per loro. Entrambi presentano storie e notizie specifiche per operatori sanitari e prescrittori. Social media, salute delle donne, tutela dei pazienti, empowerment dei pazienti, medicina personalizzata, assistenza sanitaria 2.0 e social sono alcuni dei punti chiave a cui dovrei prestare maggiore attenzione.

Ho studiato fisioterapia e gestione aziendale sanitaria. Sono anche un difensore dei clienti indipendente registrato e un intermediario di sponsorizzazione informale. Ho molta esperienza in diverse posizioni nei settori sanitario, sociale, medico e farmaceutico a livello nazionale e internazionale. Ho una vasta conoscenza medica della maggior parte delle specialità sanitarie. e le leggi sanitarie in base alle quali l’assistenza sanitaria è regolata e finanziata. Ogni anno partecipo alla maggior parte delle principali conferenze mediche in Europa e in America per aggiornare le mie conoscenze e tenermi al passo con gli ultimi sviluppi e innovazioni. Attualmente sto conseguendo la laurea magistrale in psicologia applicata.

READ  Gli strumenti digitali aiutano i bambini a livello cognitivo

I miei messaggi su questo blog non riflettono la strategia, la politica o la direzione del mio datore di lavoro, né sono gestiti da o per un cliente o datore di lavoro.