QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il francese Jonathan Fornell vince il 20 ° Queen Elizabeth Piano Competition

Il quarto posto è andato al giapponese Tomoki Sakata. Il russo Vitaly Starikov è il quinto vincitore. Il russo Dmitry Sen si è classificato al sesto posto. Mai prima d’ora un pianista ha vinto un primo posto in un concorso della Regina Elisabetta con il concerto di Johannes Brahms II. Sono passati almeno 30 anni da quando il francese ha vinto la competizione: nel 1991, Frank Braley, che quest’anno ha accompagnato i semifinalisti con l’Orchestre Royal de Chambre de Wallonné, è stato premiato come capitano.

Jonathan Fornell è artista residente presso la Queen Elisabeth Music Chapel sotto Louis Laurette dal 2016. In semifinale, ha suonato una recitazione dell’azione forzata “Nocturne” di Pierre Godlovsky, accanto al brano Nocturne n. 17 “di Fryderyk Chopin e” Variazioni e fuga su un tema di Handel “di Johannes Brahms. Come concerto, ha scelto il 18 ° Concerto di Wolfgang per Amadeus Mozart.

Prepararsi per la finale

Dopo le semifinali, ai finalisti è stata concessa una settimana per studiare un lavoro obbligatorio e inedito nella Queen Elizabeth Musical Church: “D’un jardin férique” è stato composto da Bruno Mantovani, compositore francese e direttore del Conservatorio di Parigi. Al Brussels Centre for Fine Arts, i sei concorrenti – separatamente, dal lunedì al sabato – hanno eseguito l’opera obbligatoria e un concerto di loro scelta. Erano accompagnati dall’Orchestra Nazionale Belga e dal Direttore Musicale Hugh Wolf. Sabato, nell’ultima giornata della finale, è stata la volta di Fornell.

Tre mesi dopo che era scoppiato un incendio sul tetto del Centro di Belle Arti, Henri Le Beauvais era pronto per la competizione. Un palco, il palco anteriore, è stato aggiunto al palco in modo che i membri dell’orchestra potessero sedere a una distanza di sicurezza. Era una versione speciale del concorso Queen Elizabeth, principalmente a causa della mancanza di pubblico. Oltre al mecenate della regina Mathilde, in sala erano presenti anche l’autore dell’azione obbligatoria Bruno Mantovani, il presidente della giuria Gilles Lidor e membri della Ten International Jury. A differenza degli anni precedenti, i membri della giuria potevano applaudire.

misure di sicurezza

Il concorso, che inizialmente doveva svolgersi per l’anno 2020, alla fine ha vinto 58 candidati tra i 74 selezionati. Provengono da tutto il mondo, ma non dal Belgio. Per consentire lo svolgimento della 20a edizione della Queen Elizabeth Piano Competition quest’anno, sono state prese alcune precauzioni di sicurezza. Il numero dei semifinalisti era limitato a dodici, invece dei soliti 24 semifinalisti. In finale c’erano solo sei candidati, invece dei soliti dodici. Un’altra novità di quest’anno sono stati i flussi di mani dei pianisti durante la finale, che possono essere guardati su VRT NU e il sito web del concorso Queen Elizabeth, e gli stream del concerto finale su Twitch di RTBF.

READ  L'ex Mole Elizabeth fa un annuncio importante ...