QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il marchio cinese di telefoni Honor lascia l’India dopo l’escalation delle tensioni

Il CEO Zhao Ming ha affermato nella dichiarazione che Honor è attivo nel paese da diversi anni, ma ora se ne sta andando “per ovvi motivi”. Giornale mattutino della Cina meridionale. I Local Honor Partners saranno ancora attivi, ma saranno “molto attenti”.

L’India ha recentemente inasprito più volte le regole per le società di telecomunicazioni nel paese e sta conducendo diverse indagini su società come Huawei. Ad esempio, di recente lo stato ha iniziato a utilizzare l’elenco delle “fonti attendibili” per la fornitura di apparecchiature di comunicazione.

Huawei Venduto Sua sorella minore Honor nel 2020 per un’altra azienda cinese, Shenzhen Zhixin New Information Technology, tra i timori di sanzioni dagli Stati Uniti. Il gigante delle telecomunicazioni aveva sperato che Honor rimanesse attivo all’estero con un tale successo.

“Mancato rispetto dei requisiti”

Il coordinatore indiano della sicurezza informatica ha affermato all’inizio di quest’anno che aziende cinesi come Huawei e ZTE non sono ancora nell’elenco delle fonti attendibili perché “non soddisfano ancora i requisiti”. Tempi economici. Cosa intendesse con questo non era chiaro.

Huawei insiste sul fatto che l’azienda ha rinunciato a tutto ciò di cui ha bisogno per fornire apparecchiature al Paese. Nel frattempo, le aziende europee, americane e nazionali stanno ottenendo consensi da tempo. Inoltre, molte app cinesi sono state bloccate in India.

Fantastiche relazioni

Queste decisioni arrivano dopo un gelo nelle relazioni tra India e Cina. Da maggio 2020, i soldati combattono regolarmente al confine tra i due paesi, perché non sono d’accordo su dove sia quel confine.

Sale la tensione anche nel settore delle telecomunicazioni. L’India ha fatto irruzione nelle aziende cinesi Vivo e Oppo all’inizio di questo mese con l’accusa di evasione fiscale. Queste azioni sono seguite a un raid simile su Huawei a febbraio e alla confisca di 710 milioni di euro in valuta locale a Xiaomi.

READ  Recensione di Google Pixel 6 e Pixel 6 Pro