QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Pakistan inizia l’espulsione di massa dei rifugiati afghani e decine di migliaia di rimpatriati restano bloccati al confine

Il Pakistan inizia l’espulsione di massa dei rifugiati afghani e decine di migliaia di rimpatriati restano bloccati al confine

A Torkham, il principale valico di frontiera tra Afghanistan e Pakistan, c’è una coda lunga un miglio di rifugiati afghani che cercano di partire prima che giovedì (2/11) inizino le deportazioni su larga scala di stranieri senza documenti di residenza. Circa un mese fa, il governo pakistano ha annunciato queste deportazioni. Le Nazioni Unite temono che questa misura colpirà soprattutto più di due milioni di afgani clandestini.

Maria Flaskamp

Il governo pakistano vuole sbarazzarsi di questi afghani perché spesso partecipano ad attacchi suicidi da parte di gruppi estremisti come il ramo afghano dello Stato islamico, ISIS Khorasan. Il Pakistan impoverito sente anche il peso economico imposto da oltre quattro milioni di profughi di guerra afghani fuggiti nel vicino Pakistan negli ultimi decenni.

Temendo la deportazione, nelle ultime settimane 140.000 afgani se ne sono andati da soli. Mercoledì decine di migliaia di afgani che volevano partire all’ultimo minuto sono rimasti bloccati ai valichi di frontiera affollati. Già allora le autorità pakistane permettevano a chi rientrava volontariamente in Afghanistan di portare con sé 170 euro e i propri effetti personali: dovevano essere lasciati bestiame, masserizie e beni aziendali. Tuttavia, chiunque venga catturato in Pakistan dopo la scadenza di giovedì perderà tutto.

L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni e l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati hanno messo in guardia da un’imminente “catastrofe dei diritti umani”. Ragazze e donne afghane, attivisti, artisti, giornalisti, minoranze e funzionari del governo estromessi dai talebani nel 2021 sono a rischio di arresto, reclusione e tortura dopo il rimpatrio forzato.

Il quartiere afghano è stato raso al suolo

Per paura dell’arresto e della deportazione degli studenti, diverse scuole per bambini afghani della capitale Islamabad hanno chiuso i battenti martedì, hanno riferito gli insegnanti all’Agence France-Presse. Anche un quartiere afghano contenente centinaia di case di fango autocostruite è stato raso al suolo lì. Mercoledì le autorità afghane hanno arrestato gli afghani nella città costiera di Karachi, prima della scadenza del termine per la partenza volontaria. I detenuti sono trattenuti nei centri di detenzione. I media statali pakistani hanno affermato che mercoledì sono stati aperti quasi 50 centri di detenzione in tutto il paese.

Secondo il governo talebano di Kabul, i campi saranno costruiti sul lato afghano del confine vicino a Torkham, dove gli afghani che ritornano, che non hanno un posto dove andare, potranno rimanere per un massimo di un mese. Ha condannato la campagna di deportazione del Pakistan, prima dell’inizio dell’inverno, e l’ha definita “crudele”.

Islamabad afferma che le deportazioni verranno effettuate “gradualmente” e che i primi a partire saranno gli immigrati clandestini con precedenti penali. Il governo ha promesso di non deportare i rifugiati riconosciuti, ma non è chiaro quante persone possano contare effettivamente sulla protezione. Le stime sul numero di rifugiati afghani con documenti di residenza variano, ma secondo i dati delle Nazioni Unite, 1,3 milioni di afgani hanno lo status di rifugiato in Pakistan e altri 880.000 afgani hanno un documento di residenza valido.

Il Pakistan non è parte della Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati. Le procedure di asilo e la registrazione come rifugiato presso l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati sono complesse. Molti afghani che vivono in Pakistan da decenni, o addirittura sono nati lì, non sono mai stati sottoposti a queste procedure.

Posizione eccezionale

Tra i gruppi di spicco ci sono decine di migliaia di afghani che lavoravano per le potenze occidentali prima che i talebani prendessero il potere nel 2021. Devono attendere il reinsediamento in Pakistan. Il governo degli Stati Uniti sta cercando di negoziare con le autorità pakistane uno status eccezionale per 25.000 afgani che hanno lavorato in Afghanistan come interpreti, autisti o guardie di sicurezza per l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e stanno aspettando in Pakistan di ottenere il visto americano.

L’UNHCR ha offerto al governo pakistano assistenza tecnica e finanziaria per identificare gli afgani a maggior rischio di deportazione in Afghanistan. Secondo il gruppo per i diritti umani Amnesty International, queste persone devono ancora ricevere protezione in Pakistan con denaro e assistenza da parte della comunità internazionale. Non è chiaro se il governo pakistano abbia qualche sostegno a questo piano.

READ  La moglie di Zelenskyj: "Senza l'aiuto dell'Occidente gli ucraini rischiano di morire" | al di fuori