QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Parlamento europeo è preoccupato per l’ingerenza russa  Notizia

Il Parlamento europeo è preoccupato per l’ingerenza russa Notizia

In seguito alle rivelazioni dei media sui legami di un deputato lettone con l'intelligence russa, giovedì il Parlamento europeo a Strasburgo ha chiesto un'indagine interna su altri possibili casi di ingerenza di Mosca.

I membri del Parlamento europeo hanno votato con 433 voti favorevoli, 56 contrari (18 astenuti) a favore di una risoluzione che esprime “profonda preoccupazione” per i tentativi russi di minare la democrazia in Europa. Il motivo sono le recenti rivelazioni dei giornalisti investigativi su Tatiana Zhdanuka, che avrebbe collaborato con i servizi segreti russi FSB dal 2004 al 2017.

La presidente Roberta Mitsola ha immediatamente deferito la questione al comitato consultivo del codice di condotta. Tuttavia, i deputati segnalano anche altri casi di colleghi “che servono consapevolmente gli interessi russi”. Ritengono che “sia necessario condurre immediatamente un'indagine interna approfondita per esaminare tutti i possibili casi di ingerenza straniera da parte della Russia e altre interferenze dannose nel Parlamento europeo”.

La nostra democrazia è forte tanto quanto il suo anello più debole di fronte all’influenza straniera

Hilda Footman, apri VLD/Rinnova

“Dobbiamo rimanere vigili”, afferma Hilde Votmans (Open VLD/Renew). “La signora Zhdanuka era una dei 13 parlamentari che non hanno condannato l’invasione russa dell’Ucraina. È noto che la Russia mantiene contatti con partiti di estrema sinistra ed estrema destra che promuovono le posizioni russe. La forza della nostra democrazia si misura dalla forza del suo anello più debole di fronte all’influenza straniera.

“Non criminalizzare le scelte politiche”.

Nella risoluzione, i deputati riconoscono l'importanza del giusto processo, dello Stato di diritto e dei diritti fondamentali. Sottolineano inoltre che le scelte politiche non dovrebbero essere criminalizzate e che i membri del Parlamento non dovrebbero essere soggetti a ulteriori restrizioni nell’esprimere le proprie opinioni nell’esercizio del loro mandato.

READ  Lula vince il primo turno delle elezioni presidenziali brasiliane | All'estero

Anche Zdanuka è intervenuto all'inizio di questa settimana durante il dibattito sull'ingerenza russa. Si è definita “una lavoratrice per la pace, per un'Europa libera dal fascismo e per un'Europa unita da Lisbona agli Urali”. E ha aggiunto: “È impossibile risolvere il conflitto ucraino se l’Unione Europea agisce contro la Russia. Zdanuka ha detto che il mondo sta perdendo un'opportunità per la pace. Lei non ha commentato le accuse pubblicate dai media.