QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il piano segreto di Putin per annettere la Bielorussia entro il 2030

Il piano segreto di Putin per annettere la Bielorussia entro il 2030

Una moneta unificata, forze russe sul suolo bielorusso, niente più comando militare, passaporti russi gratuiti e una nuova “Unione di Russia e Bielorussia” entro il 2030. Un documento segreto del Cremlino, ora trapelato, spiega in dettaglio come la Russia vuole controllare la vicina Bielorussia passo dopo passo nei prossimi anni.

Tommy Theges

Il documento di 17 pagine è intitolato “Obiettivi strategici della Federazione Russa in Bielorussia”, che descrive passo dopo passo come affrontare il vicino russo nei prossimi anni. Un consorzio di ricerca di media di opposizione tedeschi, americani, svedesi e bielorussi, tra gli altri, ha potuto visionare e analizzare il documento. Fonti dell’intelligence occidentale ne hanno confermato l’autenticità.

Per tre date, 2022, 2025 e 2030, vengono descritti in particolare obiettivi economici, sociali, umanitari, culturali e militari. Le leggi devono essere armonizzate in modo che entrambi i paesi diventino sempre più uguali. Ad esempio, dovrebbe esserci gradualmente una guardia di frontiera unificata, ma anche una maggiore cooperazione tra le istituzioni culturali bielorusse e russe (Guarda la scatola). L’obiettivo finale è creare un nuovo stato unificato tra Russia e Bielorussia.

Alcune misure del piano

2022

• Opposizione collettiva all’espansione della NATO e ai preparativi militari in Polonia e nei Paesi Baltici
• Estensione dell’accordo per il libero utilizzo delle basi russe in Bielorussia
• Manovre tattiche militari congiunte delle forze armate di Russia e Bielorussia
• Rimozione delle barriere commerciali e proibizione della discriminazione nei confronti delle aziende e dei produttori russi in Bielorussia

2025

• Introduzione di una procedura semplificata per il rilascio di passaporti russi ai cittadini bielorussi
• Migliorare la posizione dei media russi in Bielorussia
• Integrazione dei sistemi energetici, di trasporto e di comunicazione

READ  L'ambasciatore del Myanmar in Cina è morto all'improvviso: il suo quarto ambasciatore a Pechino dal 2021 è morto all'estero

2030

• Attuazione di una politica di frontiera comune e di una politica estera di difesa coordinata
• Uno spazio culturale e un approccio comune al passato storico
• Introdurre un sistema monetario comune, un’area doganale e fiscale comune e un sistema unificato di controllo delle esportazioni

I piani sono già stati fatti per l’estate del 2021 da Direzione presidenziale per la cooperazione transfrontaliera, un servizio russo creato cinque anni fa come parte del governo del presidente Vladimir Putin. Il servizio è composto principalmente da funzionari dell’intelligence e della sicurezza e ha il compito di esercitare il controllo sui paesi che la Russia vuole che rimangano nella sua sfera di influenza. Oltre alla Bielorussia, si applica anche agli Stati baltici di Estonia, Lettonia, Lituania, Ucraina e Moldavia.

Di questi sei paesi, la Bielorussia è l’unico che ha tenuto d’occhio la Russia post-sovietica all’inizio degli anni ’90. Soprattutto negli ultimi anni, il presidente Alexander Lukashenko, che è al potere dal 1994 ed è colloquialmente definito “l’ultimo dittatore d’Europa”, è diventato sempre più dipendente dal suo grande vicino. Le proteste post-elettorali del 2020 possono essere represse con la violenza solo con l’aiuto delle forze di sicurezza di Mosca. Migliaia di persone sono state incarcerate e membri dell’opposizione sono stati deportati.

Nell’estate del 2020, il popolo bielorusso si è ribellato contro i risultati delle elezioni presidenziali, che hanno consegnato a Lukashenko un’altra massiccia vittoria. Le proteste alla fine furono represse in modo sanguinoso.foto dell’APE

resa

Secondo Martin Cragg, uno dei principali ricercatori dell’Istituto svedese per gli affari esteri di Stoccolma, che ha avuto accesso al documento, il piano russo è del tutto in linea con le politiche di Putin degli ultimi due decenni. “Fondamentalmente significa che la Bielorussia si sta integrando in Russia”, dice al quotidiano svedese. passaggio. “In ogni ambito della politica, la Bielorussia deve sottomettersi alla Russia e diventare sempre più dipendente da essa. La Russia, tra l’altro, aveva lo stesso obiettivo con l’Ucraina. Vent’anni fa, la Russia ha già cercato di avvicinare quel paese alla sua sfera di influenza. Solo quando questo fallì Putin ricorse alla forza militare.

Un importante mezzo di integrazione, secondo il documento trapelato, è la distribuzione dei passaporti dal 2025, una strategia che la Russia ha implementato dal 2014 nel Donbass, nell’Ucraina orientale. Concedendo ai residenti la cittadinanza russa in gran numero, il Cremlino potrebbe dire che deve difendere i diritti dei suoi cittadini che sono stati presumibilmente oppressi.

ritardo

Una serie di misure sembra essere stata ritardata dalla guerra in Ucraina, mentre altre sono state accelerate. Ad esempio, i due paesi stanno già collaborando ampiamente oggi in campo militare e l’esercito russo ha utilizzato la Bielorussia il 24 febbraio 2022 come trampolino di lancio per invadere l’Ucraina settentrionale e la capitale Kiev.

Lukashenko al momento non sembra disposto a partecipare formalmente alla guerra, data la sua scarsa popolarità tra la popolazione. Ufficialmente, sembra che la Russia non abbia mai chiesto al suo vicino di inviare truppe e che la Bielorussia entrerà in guerra solo se verrà attaccata.

Tuttavia, la tensione è alta e questa mattina il ministero della Difesa bielorusso ha accusato l’Ucraina di “provocazioni militari” che hanno rappresentato una “minaccia diretta” per il Paese. Ci saranno “misure appropriate” contro il “grande accumulo di forze ucraine al confine”. Il numero di esercitazioni militari congiunte salirà a 150 quest’anno.