QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il pubblico ministero chiede il carcere e una grossa multa per i viaggiatori con false … (Zaventem)

© BELGA

zaventem

La Procura della Repubblica di Halle Vilford martedì ha chiesto sei mesi di carcere e una multa di 1.600 euro a sedici persone che nei mesi scorsi avevano fornito un falso certificato di un test PCR negativo all’aeroporto di Bruxelles quando volevano partire con un volo. Dodici di loro erano assenti. Nelle prossime settimane e mesi, circa 140 persone dovranno dare la risposta per lo stesso motivo in tribunale.

belgaFonte: belga

La Procura della Repubblica di Halle Vilford martedì ha chiesto sei mesi di carcere e una multa di 1.600 euro a sedici persone che nei mesi scorsi avevano fornito un falso certificato di un test PCR negativo all’aeroporto di Bruxelles quando volevano partire con un volo. Dodici di loro erano assenti. Nelle prossime settimane e mesi, circa 140 persone dovranno dare la risposta per lo stesso motivo in tribunale.

“Questo si riferisce al comportamento antisociale di persone che fingono che Corona sia un problema per gli altri”, ha detto il procuratore generale. “Come parquete, abbiamo tolleranza zero per questo.”

richiesta di servizio alla comunità

Una donna ha ammesso di aver presentato una falsa testimonianza e, tramite il suo avvocato, ha richiesto il servizio civile. Un’altra donna ha indicato di aver già sostenuto diversi test negativi nei giorni precedenti la sua partenza, e che il test che aveva fatto in aeroporto era scaduto solo da poche ore. Ha anche richiesto un ordine di servizio alla comunità.

Poi un uomo ha detto che aveva preso un test negativo, ma aveva perso il suo aereo. “Non avevo soldi per un altro test e sono dovuto andare al funerale di mia madre”, ha detto. Poi ho falsificato la data del test. Sono disposto a svolgere un servizio alla comunità”.

Un’ultima donna ha insistito di aver già fatto un test PCR valido. “Sono andato all’ufficio del medico a Sint-Joost-ten-Node, dove è stato fatto il test. Il giorno dopo sono andato a ritirare un documento con il risultato e l’ho presentato all’aeroporto. Ho fatto qualcosa di sbagliato”.

“Il documento che ho presentato proveniva da un test già sostenuto nel 2020”, ha detto l’ufficio del procuratore generale. “Abbiamo indagato sullo studio medico a cui si riferiva la signora, ma lì non era affatto conosciuta”.

La corte emetterà le sue sentenze il 5 gennaio.

READ  Trova una casa presso un fornitore di maschere per la bocca del governo