QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“In preda alla frenesia per l'influenza aviaria a bassa patogenicità.”

“In preda alla frenesia per l'influenza aviaria a bassa patogenicità.”

Siamo già a quattro mesi dall’inizio del 2024. Ciò che sembrava andare bene a gennaio si è rivelato non del tutto giusto. A fine gennaio ho ricevuto una chiamata dal Ministero della Salute. Si scopre che il sangue di pollo contiene sostanze che influenzano l'influenza aviaria.

I campioni sono stati inviati al laboratorio nazionale. L'Autorità olandese per la sicurezza alimentare e dei prodotti di consumo (NVWA) è immediatamente venuta a prelevare tamponi faringei e cloacali dai polli in tutte le stalle. La tensione ovviamente era altissima. I risultati sono arrivati ​​rapidamente. AI a bassa patogenicità in una delle cinque stalle. Ma per fortuna non abbiamo dovuto sbarazzarci del pollo.

Le nuove regole prevedono che vengano monitorati fino a quando i polli non saranno completamente malati. Quindi ho prestato particolare attenzione alla pulizia e NVWA è venuta a fare scambi ogni settimana. Le uova provenienti da stalle con polli non infetti possono essere vendute normalmente. I polli colpiti sono stati raccolti separatamente e inviati all'industria.

Ci sono volute tre settimane. Con gli swap, la stessa scuderia risultava positiva all’IA ogni settimana. Gli altri sono rimasti esenti dall'influenza aviaria. Per noi la situazione era ancora sotto controllo. Le galline delle altre stalle non si sono ammalate e la loro produzione è stata buona. Resta emozionante, perché il virus può mutare in una variante altamente patogena e altamente contagiosa. Quindi si sperava ogni settimana che restasse in questa stalla. Fortunatamente siamo stati dichiarati guariti dopo tre settimane. Che sollievo!


Nel giro di una settimana abbiamo visto un aumento delle perdite nell'altra scuderia

Andy Simmons, allevatore di pollame a Rosendale, nel New Jersey

READ  AMERICA LATINA E VIRUS DEI CARAIBI - Il Suriname Herald supera il milione di morti

Ma quella si è rivelata la calma prima della tempesta. Nel giro di una settimana abbiamo notato un aumento delle perdite e una significativa diminuzione del mangime e della produzione nell'altra stalla, dove finora non si erano verificate infezioni. Quindi ci siamo subito consultati con il veterinario e con la NVWA, abbiamo preso gli scambi e li abbiamo ritirati. Il giorno dopo abbiamo appreso che anche questa stalla era stata infettata dalla forma a bassa patogenicità dell'IA.

Tuttavia, il quadro era completamente diverso; Aumento delle perdite, diminuzione del mangime e diminuzione della produzione fino al 23%. Questo avviene nei polli all'età di 44 settimane. Quindi torniamo allo stesso tour. Mantieni i tuoi scambi e le uova NVWA separati ogni settimana. Anche questo è durato tre settimane e ora le altre stalle restano esenti dal virus.

Poi abbiamo fatto tutto il possibile per aumentare nuovamente la produzione di questa stalla. Sfortunatamente questo non ha avuto successo. Le galline mangiavano e bevevano, ma le uova non uscivano. Quindi abbiamo deciso di sbarazzarci di questa coppia alla settimana 50.

Ora abbiamo di nuovo una stalla pulita e siamo pronti ad accogliere nuove galline. nuovo inizio. Non è stato un periodo facile e voglio ringraziare tutti per il supporto! Aspettiamo ancora.