QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Israele ha ottenuto dettagli sull’impero finanziario di Hamas nel 2018, ma non ha fatto nulla per fermare il flusso di denaro  Il conflitto israelo-palestinese

Israele ha ottenuto dettagli sull’impero finanziario di Hamas nel 2018, ma non ha fatto nulla per fermare il flusso di denaro Il conflitto israelo-palestinese

L’intelligence israeliana ha ottenuto informazioni dettagliate sull’impero finanziario di Hamas nel 2018, ma non ha fatto nulla. Lo rivela il quotidiano americano “The New York Times”, che ha potuto visionare i documenti segreti. Ha detto: “Tutti parlano degli enormi errori commessi dai servizi segreti il ​​7 ottobre, ma non di come non abbiano mai fermato il flusso di denaro verso Hamas”.

I documenti sensibili sono stati rubati dal computer di un membro senior di Hamas nel 2018. Includono dettagli di un fondo di private equity che si dice che il gruppo terroristico abbia utilizzato per finanziare le sue operazioni.

Secondo il New York Times si tratta nello specifico di “allevamenti di polli controllati da Hamas, imprese di costruzione stradale in Sudan, due grattacieli negli Emirati Arabi Uniti, un promotore immobiliare in Algeria e una società immobiliare quotata alla Borsa turca. ” Il valore del fondo dovrebbe raggiungere circa 500 milioni di dollari.

I terroristi di Hama prendono in ostaggio un israeliano a Gaza durante l’attacco a sorpresa del 7 ottobre. © AP

Secondo il giornale, i documenti sarebbero stati fatti circolare tra le autorità israeliane e americane. Le informazioni segrete hanno dato a Israele l’opportunità di isolare Hamas dai suoi finanziatori e di sabotare tutti i piani del gruppo terroristico. Ma in realtà non è successo nulla.

“Il denaro ha reso possibile l’attacco.”

I funzionari israeliani ora sostengono che queste somme di denaro hanno effettivamente aiutato Hamas a costruire la sua infrastruttura militare, gettando così le basi per il massacro del 7 ottobre.

“Tutti parlano degli errori commessi dai servizi segreti il ​​7 ottobre, ma non di come non abbiano mai fermato il flusso di denaro verso Hamas”, ha detto Udi Levy, ex capo della divisione di guerra economica del Mossad. Afferma che “è proprio il denaro che ha reso possibile tutto questo”.

READ  Il ministro della Difesa tedesco è sotto accusa per il suo angosciante video di Capodanno

Aspetto. Centinaia di manifestanti scendono nelle strade di Tel Aviv dopo che l’esercito israeliano ha sparato “accidentalmente” a tre ostaggi

Questa rivelazione arriva in un momento inappropriato per Israele. Dopotutto, da settimane i servizi segreti israeliani e il primo ministro Benjamin Netanyahu ricevono pesanti critiche. Gli esperti sostengono che Israele avrebbe potuto respingere o prevenire l’attacco più mortale nella storia del paese se le autorità avessero preso sul serio tutti gli avvertimenti. Ad esempio, il New York Times ha rivelato all’inizio di questo mese che Israele aveva appreso un anno fa che Hamas stava pianificando un attacco.

Il primo ministro Netanyahu non ha ancora risposto a queste notizie.