QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Israele può anche andare avanti da solo”: il primo ministro Netanyahu non si lascia commuovere dalle pressioni degli Stati Uniti per annullare l’attacco a Rafah

“Israele può anche andare avanti da solo”: il primo ministro Netanyahu non si lascia commuovere dalle pressioni degli Stati Uniti per annullare l’attacco a Rafah

Il presidente Biden ha chiarito che non fornirà più armi offensive a Israele se Israele lancia un attacco di terra sulla città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza. Si dice che attualmente più di 1,3 milioni di persone si stiano rifugiando lì per sfuggire alla violenza della guerra. Gli americani temono da tempo questi piani: un attacco porterebbe ad un bagno di sangue, dicono gli americani. Anche altri paesi occidentali hanno chiesto a Israele di abbandonare i suoi piani.

Ma Israele non vuole cedere alle pressioni internazionali. Secondo il governo, nella città si nascondono migliaia di combattenti di Hamas. Inoltre, vi sono indicazioni secondo cui a Rafah sarebbero detenuti diversi ostaggi israeliani. Pochi giorni fa, i carri armati israeliani hanno preso il controllo del valico di frontiera tra l’Egitto e la Striscia di Gaza. L'esercito ha inoltre intensificato gli attacchi aerei sulla città.

In precedenza era stato annunciato che una spedizione di armi dagli Stati Uniti era stata ritardata. Successivamente è stato annunciato che Washington aveva sospeso il pacchetto a causa delle preoccupazioni su Rafah. Ieri si è detto che altre spedizioni di armi vengono ora “riviste”. Biden ha indicato ieri che le bombe americane sono in parte responsabili delle vittime civili nella Striscia di Gaza. Dall’inizio della guerra sono stati uccisi quasi 35.000 palestinesi.

READ  Piogge torrenziali, tra gli altri, fanno crollare le dighe in Grecia: persone e cani bloccati sui tetti, recuperato il quarto morto | al di fuori