QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Jan Breidel potrebbe essere perseguitato”: Nicky Hain resta fiducioso nonostante la prima sconfitta

“Jan Breidel potrebbe essere perseguitato”: Nicky Hain resta fiducioso nonostante la prima sconfitta

Anche Nicky Hayne potrebbe perdere. L'allenatore del Club Brugge ha perso per la prima volta alla sua nona partita, quando ha fatto visita alla Fiorentina. Alla fine il club ha subito un altro gol e si è quindi spostato verso Jan Breidl con un deficit minimo. Heine ha guardato la prestazione della sua squadra con sentimenti contrastanti: “Abbiamo venduto la nostra pelle a caro prezzo”.

Cartellino rosso e svantaggio per 2-1. Nicky Hayne ha firmato il 3-2 in quel momento? “Avrei preferito segnare il 2-2, peccato che l'ultima palla sia comunque finita in rete. Anche se c'era molta pressione e loro avevano occasioni, in quel momento eravamo in una posizione migliore”. Spirito combattivo“.

“L'ultimo gol è stato un po' facile e avremmo dovuto concentrarci su quello. D'altra parte il ritorno è stato salvato e un Jan Breydel tutto esaurito poteva fare paura”.

“Pensavo che avessimo iniziato male – ha detto Hayne -. Avevamo avvertito che le loro ali sarebbero arrivate e avrebbero tirato. Questo è successo alcune volte nel primo tempo e non abbiamo giocato bene”.

“Poi ritroveremo l'equilibrio e giocheremo un calcio migliore dopo la ripresa. Dopo quello sfortunato cartellino rosso, sai che sarà difficile, e per fortuna siamo comunque riusciti a fare 2-2. Dobbiamo cercare di sfruttare quegli spazi nella loro difesa”.

Odio perdere, mi fa sentire triste.

Nikki Hine

Igor Thiago era l'uomo più forte del club, come ha affermato Heine: “Thiago è molto utile alla squadra, anche quando non segna. Mette pressione sulla difesa e crea spazi per i compagni”.

READ  Persa la prima finale di Coppa dei Campioni, rivincita e due pareggi: Anderlecht e Steaua hanno una lunga storia | Lega Conferenza

“Un attaccante si giudica sempre dai gol, ma vedi cosa succede se continui a dare fiducia”.

Il tecnico si aspetta che la Fiorentina sia più difensiva nel ritorno? “È una squadra che vuole sempre giocare a calcio, quindi ci aspettiamo anche questo. Anche se a volte puoi vederli indietreggiare un po', pensiamo comunque che sia una squadra che cercherà di aumentare il proprio vantaggio”.

“Vogliamo finire la gara di ritorno in casa, qui siamo già riusciti a salvarla. Con la genialità di Jan Breydel possiamo sempre fare qualcosa in più e su questo contiamo”.

“Odio perdere, è brutto”, ha detto Hein, “Soprattutto al 91', abbiamo venduto caro la nostra pelle”.

Imparentato: