QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Kanye West pubblica una strana poesia su Instagram: “Noi uomini non dovremmo piangere” | celebrità

“Nessuno voleva dirmi che ero morto e le uniche persone che volevano parlare con me erano nella mia testa”, si legge nella poesia. “Nessuno vuole dirmi che sono morto e che solo le persone che mi hanno amato mi avrebbero visitato nei loro sogni”.

(Leggi di più in fondo al post)

Anche il resto della poesia sembra piuttosto oscuro. Nella didascalia, West spiega i suoi sentimenti: “Sono davvero sconvolto dal fatto di dover capire come sto lavorando dopo oltre 20 anni passati a fare arte e contribuire al pianeta. Vedo anche la necessità di assicurarmi che noi come specie possiamo ancora sentire tutto.” Gli uomini non dovrebbero piangere e le celebrità non dovrebbero piangere. Non spiegherò questo nuovo pezzo. L’arte è soggettiva. L’arte funziona solo se la verità assoluta dell’artista. La verità di qualcuno potrebbe essere la bugia di qualcun altro. Non dobbiamo sentirci tutti allo stesso modo, perché non siamo la stessa cosa”, dice.

Le poesie seguono Kanye nel controverso video musicale per il comico sepolto “Easy” Pete Davidson, che sta uscendo con Kardashian, vivo nel cartone animato. Il rapper ha ricevuto molte critiche, ma lui stesso ha sottolineato di non avere cattive intenzioni. “L’arte è terapia, l’arte è protetta come libertà di espressione”, ha scritto in un post Instagram già cancellato.

READ  Gerard Juling si è trasferito in un altro ospedale