QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Commissione europea indaga sulle fake news su Facebook e Instagram: “La Russia cerca sempre più di interferire nelle elezioni”

La Commissione europea indaga sulle fake news su Facebook e Instagram: “La Russia cerca sempre più di interferire nelle elezioni”

Secondo la Commissione Europea, la propaganda russa e le fake news compaiono molto facilmente su Facebook e Instagram. Per questo motivo la Commissione avvia un'indagine presso la società madre Meta per scoprire come può evitare ciò prima delle prossime elezioni europee.

Le elezioni europee previste per il 6 giugno, secondo la Commissione Europea, sono il momento giusto per colpire i divulgatori di fake news in Russia. La Commissione ritiene che Meta, la società dietro Facebook, Instagram e WhatsApp, ad esempio, non stia facendo abbastanza per fermare tutto ciò.

È importante agire adesso

L'esperto di intelligence Willemijn Aerdts ritiene che sia ragionevole che la commissione si preoccupi. “Le agenzie nei Paesi Bassi, ma anche in altri paesi europei, vedono che la Russia cerca sempre più di interferire per influenzare i risultati di quelle elezioni”.

Ecco perché crede che sia importante agire adesso. “Non vuoi che un altro Paese finisca per influenzare i risultati delle tue elezioni.”

informazione

Legge sui servizi digitali

Per reprimere piattaforme come Meta, lo scorso anno la Commissione europea ha introdotto il “Digital Services Act”. Questa legge dovrebbe, tra le altre cose, combattere l’inganno sui social media.

Questa legge consente alla Commissione di valutare se piattaforme come Instagram stanno facendo abbastanza e rispettando le regole. Se non lo fanno, verranno multati. Se dall’indagine emergesse che Meta non rispetta le regole, la società potrebbe essere multata di 7,5 miliardi di euro.

La Russia come grande potenza

“Vuoi che le persone nell'UE o nei Paesi Bassi votino per la persona che pensano: 'Voglio votare per quello, è così che dovrebbero essere le cose'”, dice Aerdts “E non è diretto da un altro paese che trae vantaggio dalla destabilizzazione dell’Ue”.

READ  I paesi esportatori di petrolio concordano per un leggero aumento della produzione a settembre | Economia

Lei dice che la Russia sta facendo questo per rompere alleanze come la NATO o l’Unione Europea. “Vogliono davvero vedersi di nuovo come una grande potenza, e non possono avvalersi di un'Unione Europea o di una NATO forti per raggiungere questo obiettivo”, ha aggiunto.

“Vediamo molta disinformazione.”

La Russia lo fa anche in molti altri modi, oltre alle fake news sui social media, dice l’esperto di intelligence. “Ciò potrebbe essere fatto finanziando partiti politici o attraverso think tank o istituti che pubblicano studi che cercano di spostare l’opinione pubblica in una certa direzione”.

E continua: “Ma anche organizzando manifestazioni filo-russe per controllare il sentimento nei confronti dell'Ucraina”. “E vediamo molta disinformazione. E video che non sono reali si diffondono solo per farci dubitare nuovamente.”

Copie dal Guardian

Questi tipi di video, articoli e foto sono ciò a cui il comitato è principalmente interessato. Succede spesso anche al di fuori dei social media. Negli ultimi sei anni sono stati creati una sessantina di siti che diffondono fake news. Come le versioni di The Guardian o Fox News, ma con contenuti diversi, ad esempio, sui richiedenti asilo o sull’economia.

Un altro esempio è Voice of Europe. Un sito web di notizie è stato chiuso lo scorso marzo quando i servizi di intelligence hanno scoperto che stava diffondendo propaganda filo-russa in Europa. Si dice che diversi politici di paesi europei, compresi i Paesi Bassi, siano stati pagati dalla piattaforma per esprimersi a favore della Russia.

READ  Una banda giovanile curda impegnata in un conflitto di strada con armi pesanti: “La situazione è peggiorata dopo un incontro accidentale sul sito di“ chat ”| Instagram VTM News

Valutare da soli le fake news è complicato

Secondo Aerdts è necessario che la Commissione europea indaghi se Meta rispetta le regole. “Se si osserva l'afflusso di informazioni che si ricevono ogni giorno, si tratta di una quantità enorme”, afferma. “Giudicare se stessi è complicato.”

“Quindi la Commissione europea sta solo cercando di rendere le cose più facili per tutti noi”, afferma l'esperto di intelligence. “Costringendo anche questo tipo di grandi aziende tecnologiche a svolgere un ruolo in questo.”

Riproduzione audio

La Commissione europea indaga sulle fake news su Facebook e Instagram: “La Russia cerca sempre più di interferire nelle elezioni”

Chiede? Chiediglielo!

Hai qualche domanda o vorresti delle risposte? Mandaci un messaggio qui nella chat. Ogni giovedì nella newsletter Get Involved ti diciamo cosa stiamo facendo con tutte le risposte. Lo vuoi nella tua email? Allora registrati qui.