QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La formazione olandese è allo sbando dopo le dimissioni di Peter Omtzgut?

La formazione olandese è allo sbando dopo le dimissioni di Peter Omtzgut?

Non sorprende che Peter Omtzgut del partito Nuovo Contratto Sociale abbia abbandonato i difficili negoziati olandesi sulla formazione. “Era chiaro fin dall'inizio che aveva delle riserve sulla formazione di una coalizione di maggioranza con il Partito della Libertà”, dice Sarah de Lange, professoressa di scienze politiche (Università di Amsterdam). Se il Partito per la Libertà di Geert Wilders vincerà o perderà come risultato di questa svolta degli eventi è oggetto di dibattito.

Barbara De Busschere

La Umtsigt non vuole proseguire il dialogo con i tre partiti che dal 19 dicembre sono in trattativa per la formazione: il Partito della Libertà di estrema destra guidato da Geert Wilders, il Partito della Libertà guidato da Dylan Yesilgosz e il BBB guidato da Caroline van der Plas. . In un talk show ha detto di essere turbato dal fatto di aver appena appreso che l'informatore Ronald Blasterk aveva ricevuto 21 lettere dai ministeri sulle loro finanze dalla fine del mese scorso. Umtzigt avrebbe voluto vederli prima perché solo ora ha scoperto che la situazione finanziaria era molto peggiore di quanto si aspettasse. Poiché non vuole fare agli elettori promesse che non possono essere mantenute, si dimette.

Quanto è sorprendente questa tendenza?

“Non era una cosa inaspettata, perché era chiaro fin dall’inizio che aveva delle riserve su una coalizione di maggioranza con il Partito della Libertà. Ciò riguardava più o meno la misura in cui il partito di Wilders rispettava la costituzione e la più ampia fiducia che doveva essere creata tra FPO, FRD, BBB e NSC. Sembra che Umtzigt stesse cercando da un po’ il momento buono per uscire”.

Scienziata politica Sarah de Lange (Università di Amsterdam)Foto di Jerry Bowler

Ma non è questo un conflitto fondamentale?

“No. Omtzigt si dimette perché Plasterk lo avrebbe informato troppo tardi. Sorprendentemente, se si sapesse che i maggiori ostacoli tra i due partiti riguardano le posizioni incostituzionali del Partito della Libertà. Ci si aspetterebbe che la formazione crolli dopo di ciò.”

Cosa sappiamo di queste tensioni fondamentali?

Wilders ha già fatto delle concessioni ritirando alcune fatture. Ha fermato la messa al bando del Corano e la chiusura delle moschee, come previsto nel suo programma. Ha inoltre ritirato circa la metà delle proposte precedentemente presentate alla Camera dei Rappresentanti, ritenute incostituzionali. Ciò include visitare le scuole islamiche o considerare il possesso del Corano un crimine punibile dalla legge.

“Il grande problema è come Wilders interpreta la libertà religiosa. Il VVD vuole garanzie anche su questo tema. Umtzigt aveva già annunciato di non sentirsi a suo agio in questa coalizione. Dall'inizio dei colloqui ci sono stati molti punti critici. Le finanze potrebbero sono state la goccia che ha fatto traboccare il vaso per Umtzigt”.

La leader del partito VVD Dilan Yeşilgoz.  foto dell'ANB

La leader del partito VVD Dilan Yeşilgoz.foto dell'ANB

Quali sono gli esempi eclatanti di questo disaccordo?

“Legge sulla distribuzione (Che ora può obbligare i comuni ad accettare i richiedenti asilo, BDB) È stato approvato dal Senato con l'aiuto della fazione VVD al Senato, mentre il PVV era contrario. Oppure si consideri il recente conflitto tra NSC e BBB a seguito delle minacce degli agricoltori ai politici. Van der Plas ha rifiutato di condannarlo. Wilders rimane anche il politico populista di estrema destra che distribuisce puntini sulla X ai capi del partito con cui discute. Ad esempio, ha definito Yeşilgoz “aspro”.

L'acqua è semplicemente troppo profonda?

“Non necessariamente. Non è ancora chiaro quanto sia vicino il reale riavvicinamento su queste questioni costituzionali. Per questo motivo dobbiamo attendere il rapporto sulla composizione che Blasterk presenterà al Sejm. Ciò che colpisce è che PVV, VVD e I BBB reagiscono quasi contemporaneamente e con lo stesso messaggio. Tutti e tre sono sorpresi e delusi.” “Spero nell'uscita di Omtzigt. Ciò indica che ora c'è una buona intesa.”

Il leader del Partito della Libertà Geert Wilders.  foto dell'ANB

Il leader del Partito della Libertà Geert Wilders.foto dell'ANB

Ritorno a Umtzigt. C'è stata una precedente controversia sulle finanze del paese?

“Sapevamo già all'inizio della formazione che NSC e VVD volevano impegnarsi per un deficit non superiore al 3% del PIL, mentre PVV e BBB consideravano più importanti gli investimenti. Ma non è nemmeno la discussione su questo che causa il fallimento del la formazione.”

Wilders è sorpreso e sgomento, ma allo stesso tempo un sondaggio d'opinione condotto da Maurice de Honde mostra che il suo partito è diventato più grande. Oggi otterrà 50 seggi, mentre alle elezioni ne ha ottenuti 37. Trae beneficio dai problemi di configurazione?

Questo non si può dire con certezza, perché c’è solo un sondaggio che mostra un aumento così forte. L'altro grande sondaggio riguarda lo show televisivo Uno oggi, Non appare. Diamo più importanza a questo perché il metodo è noto e sappiamo che è scientificamente robusto. È possibile che ci siano elettori dell'NSC e del FFP che sono insoddisfatti dell'esitazione nei confronti del FFP e quindi votano per il FFP nel sondaggio.

La leader della BBB Caroline van der Plas.  foto dell'ANB

La leader della BBB Caroline van der Plas.foto dell'ANB

E adesso? Wilders ora risponde che spera che Umzigt non aiuti Frans Timmermans (di GroenLinks-PvdA) a salire in sella prendendo il comando.

“In teoria è già possibile formare un governo di sinistra. Ma i partiti di destra hanno già detto con fermezza che non lo vogliono e che ciò è estremamente improbabile.

Ciò vale anche per il nuovo scenario elettorale. Perché tutti i partiti, tranne il Partito della Libertà, perderanno. I sondaggi d’opinione mostrano che formare una coalizione resterà altrettanto difficile. L’opzione più logica ora è che PVV, VVD e BBB continuino come trio a formare un governo di minoranza sostenuto a distanza in alcuni punti dal Consiglio di Sicurezza Nazionale. Anche Omtzigt suggerisce questo. Nota che per lui questo round è finito, ma è pronto a continuare un'altra discussione sulla costruzione dopo che il rapporto Plasterk sarà discusso in Parlamento.

READ  Triste che non sia più MPV?