QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Le Pen ha vinto in Francia e la Meloni in Italia

La Le Pen ha vinto in Francia e la Meloni in Italia

I sostenitori del Rassemblement National hanno risposto al sondaggio

Novità del NOSModificato

Nelle elezioni europee, i partiti di estrema destra sembrano ottenere guadagni significativi in ​​Germania, Italia e soprattutto Francia.

In Italia Secondo un exit poll dell’emittente pubblica RAI, Fratelli d’Italia del primo ministro Meloni è diventato il più grande con il 26-30% dei voti. Nel 2019 il suo partito ha ottenuto solo il 6,4%, ma nelle elezioni nazionali del 2022 ha ottenuto il 26%. Questo buon risultato sarà sicuramente consolidato.

Al Parlamento Europeo Fratelli D’Italia è allineato con la fazione conservatrice dell’ECR. Il gruppo ha annunciato stasera di essere pronto a collaborare con la presidente della Commissione europea von der Leyen. È un membro dei democratici cristiani, che avranno ancora una volta il gruppo più numeroso al Parlamento europeo.

Il PPV di Geert Wilders e il partito di Marine Le Pen appartengono all’ala di estrema destra IT.

In risposta, il presidente Macron ha indetto nuove elezioni parlamentari per il 30 giugno.

Il Rassemblement National (RN) di Le Pen ottiene dal 31,5 al 33% dei voti in vari exit poll, più del doppio del Partito Rinascimentale di Macron, che ottiene circa il 15%.

Nelle precedenti elezioni europee, i partiti di Le Pen e Macron erano più o meno allo stesso livello, con il 24% per RN e il 22% per En Marche, quando il partito di Macron era stato invitato.

In una prima risposta, il leader del partito europeo della RN ha chiesto nuove elezioni nazionali. “Siamo pronti a guidare la Francia verso un altro governo”, ha detto Bartella.

Bartella vince le elezioni francesi: stasera ha soffiato il vento della fiducia

I socialdemocratici se la sono cavata relativamente bene e sono diventati il ​​terzo partito con il 14%.

L’AfD è il secondo partito tedesco

E l’AfD di estrema destra Germania I cristiano-democratici hanno vinto alla grande in Germania. Sembra che il partito sia diventato il secondo partito lì. Grossa perdita per Green.

Secondo il sondaggio l’AfD ottiene il 16,5% dei voti. Nel 2019 era dell’11%. L’AfD ha vinto nonostante i recenti scandali che hanno perseguitato il partito.

AfD felice: “La gente è diventata troppo eurocritica”

Come cinque anni fa, i democristiani CDU e CSU hanno ottenuto il 29,5% dei voti.

Hanno perso i partiti di governo SPD, Verdi e FDP. Secondo gli exit poll il socialdemocratico SPD del cancelliere Scholz si attesta al 14%. Si tratta di una perdita minore rispetto a cinque anni fa, ma da allora il partito ha già ottenuto i peggiori risultati della sua storia.

Il Partito dei Verdi ha fatto bene cinque anni fa ed è arrivato secondo con il 20% dei voti. Questa volta sono indietro del 12%.

Il crepuscolo è la festa più grande in Polonia

Secondo i sondaggi, la Piattaforma Civica del Primo Ministro Dusk è in testa alle elezioni europee in Polonia. Tusk ha condotto una campagna per l’Europa e ha sottolineato che la Polonia è al centro dell’UE. Si è opposto all’opposizione nazionalista Legge e Ordine (PiS), che spesso si è scontrata con Bruxelles.

Si prevede che la coalizione di Dusk otterrà il 38,2% dei voti e il PiS il 33,9%. I risultati finali dovrebbero essere pubblicati domani.

Piccoli cambiamenti in Spagna

Durante il periodo elettorale Spagna I cambiamenti sono alquanto minori. Sorprendentemente, il Partido Popular dell’opposizione di destra è diventato leggermente più grande del partito socialdemocratico al governo del Primo Ministro Sánchez, il PSOE.

L’estrema destra VOX passa da 4 a 6 seggi al Parlamento europeo.

L’FPÖ austriaco è enorme

Durante le elezioni europee Austria Il partito di estrema destra FPÖ sembra essere diventato il partito più grande con il 27-30% dei voti. L’Austria è il primo paese a lanciare oggi un sondaggio.

Il leader del partito FPÖ Wilimski dopo il voto

Al Parlamento europeo il partito conservatore ÖVP e il socialdemocratico SPÖ, affiliati ai cristiano-democratici, hanno ottenuto ciascuno il 23% dei voti. In termini di posti, l’FPÖ finisce con 6, mentre l’ÖVP e l’SPÖ finiscono entrambi con 5.

Cinque anni fa l’ÖVP era il più grande con il 34,5% dei voti, seguito dall’SPÖ con il 23,9%. Il vincitore di oggi, l’FPÖ, è arrivato terzo con il 17,2% dei voti.