QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La polizia sospetta il movente della sparatoria al Texas Mall |  al di fuori

La polizia sospetta il movente della sparatoria al Texas Mall | al di fuori

L’uomo che sabato ha ucciso otto persone in un centro commerciale ad Allen, in Texas, aveva idee neonaziste ma sembrava scegliere le sue vittime a caso, hanno detto le autorità statali. L’etnia, il sesso o l’età non hanno giocato un ruolo decisivo, ma il movente del 33enne Mauricio Garcia rimane avvolto nel mistero. L’uomo non era nei radar delle agenzie investigative.

Il direttore della sicurezza dello Stato del Texas, Hank Sibley, ha detto che Mauricio Garcia aveva tre pistole acquistate legalmente e altre cinque nella sua auto quando ha iniziato a sparare alle persone in un centro commerciale ad Allen sabato. Tre bambini erano tra gli otto uccisi nella sparatoria. Inoltre, altre dieci persone, di età compresa tra i 5 e i 61 anni, sono risultate contagiate.

KIJK. Le immagini mostrano come l’uomo armato ha aperto il fuoco sul centro commerciale

Tatuaggi nazisti

In precedenza, si è saputo che le simpatie neonaziste e di estrema destra di Garcia, che è stato ucciso dalla polizia dopo il suo atto, erano oggetto di indagine. Aveva tatuaggi nazisti e pubblicava messaggi razzisti online esprimendo il suo disgusto per le donne, gli ebrei e la diversità. Ha anche un account su un canale di social media russo dove avrebbe annunciato il suo attacco in privato. L’uomo non parla russo.

Garcia ha precedentemente lavorato come guardia di sicurezza, un lavoro per il quale ha ricevuto addestramento sulle armi. Il suo permesso è scaduto nel 2020, riferisce la CNN. A causa di problemi psicologici, è stato nominato nell’esercito alcuni anni fa.

READ  Putin vuole tassi di interesse più alti per l'inflazione

© Getty Images

Immagini Getty
© Getty Images