QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La relazione tra stare seduti molto e sviluppare la demenza

La relazione tra stare seduti molto e sviluppare la demenza

A proposito dell’episodio

Dopo aver studiato i dati di 50.000 persone di età superiore ai 60 anni, i ricercatori americani hanno messo in guardia da un legame tra un comportamento eccessivo seduto e un aumento del rischio di demenza.

I risultati sono coerenti con quelli di altri studi, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per dimostrare una relazione causale.

L’americano medio trascorre circa 9,5 ore al giorno seduto. Dietro una scrivania, sul divano davanti alla TV o alla guida di un’auto: tutto conta. Questa ricerca mostrerà che gli adulti sopra i 60 anni, un gruppo che probabilmente supera le 9,5 ore, potrebbero quindi essere maggiormente a rischio di sviluppare demenza.

Si basano sull’analisi dei dati della Biobanca britannica. Nello specifico, un gruppo di 50.000 persone di età superiore ai 60 anni che non soffrivano di demenza all’inizio della misurazione e che hanno indossato un monitor da allenamento per una settimana.

Hanno poi confrontato queste misurazioni con i dati dello stesso gruppo sei anni dopo, per considerare la diagnosi di demenza. Ciò includeva 414 persone. Su questa base credono di poter dimostrare che con un tempo medio di seduta di 10 ore o più, il rischio di sviluppare demenza aumenta notevolmente. Non è irrilevante il fatto che il tempo totale trascorso seduti sia molto più importante della distribuzione durante la giornata.

Detto questo, sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo. E anche per vedere se il contrario – meno tempo sedentario e più esercizio fisico – riduce effettivamente il rischio in questo gruppo.

Maggiori informazioni sulla ricerca qui: Uno studio ha dimostrato che trascorrere molto tempo seduti è associato ad un aumento del rischio di demenza nelle persone anziane

READ  Il virus del raffreddore sta facendo il suo apice nel reparto pediatrico dell'ospedale di Bravis