QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La situazione attuale sul fronte ucraino

La situazione attuale sul fronte ucraino

I combattimenti lungo il fronte ucraino lungo 1.600 chilometri sono molto diversificati. Tuttavia, ciò che accade in una regione si ripercuote sempre su altri settori. Panoramica in cinque carte.

Marco Santora

Lungo il corso meridionale del fiume Dnepr, le forze ucraine stanno effettuando attacchi anfibi contro le posizioni russe oltre il fiume intorno alla città di Kherson. Ciò costringe la Russia a schierare unità estese per impedire all’Ucraina di prendere piede sulla sponda orientale.

A circa 1.600 chilometri a nord, sono i russi ad attaccare, formando quello che l’esercito ucraino chiama un “pugno pugno”, con decine di migliaia di soldati ammassati vicino alle città di Kubyansk e Krymina. Ciò ha spinto l’Ucraina a schierare alcune delle sue unità aviotrasportate più esperte per riconquistare le posizioni perse quest’estate.

Mentre le forze ucraine continuano ad avanzare lungo molteplici linee offensive nella campagna offensiva più ambiziosa e pericolosa in quasi un anno, è chiaro che ciò che accade in un settore influisce sempre sugli altri. “Una persona che si limita a leggere le notizie non le vede né le sente”, ha detto questa settimana Hanna Malgar, viceministro della difesa ucraino. Può sembrare che tutto richieda molto tempo, “ma credetemi, non sembra così per le persone che combattono. In realtà è un processo molto dinamico e attivo”.

Per comprendere meglio come sta andando la battaglia sul fronte, è utile osservare alcune delle aree chiave in cui Russia e Ucraina hanno concentrato le loro forze.

Nord-est del paese

Dopo che l’Ucraina ha espulso le forze russe da quasi tutta la regione di Kharkiv lo scorso autunno, l’offensiva si è bloccata nelle foreste di pini che dominano il paesaggio della regione. Questo settore è lungo circa 100 chilometri e comprende città come Kubyansk e Kremina. Qui la linea del fronte va avanti e indietro da mesi: ora gli ucraini guadagnano qualche chilometro di territorio, poi di nuovo i russi. Questa è l’immagine comune in questa guerra. Gli ucraini affermano che ciò che distingue il nord-est del paese è che è uno dei pochi luoghi in cui le forze russe si impegnano in operazioni offensive a lungo termine e ottengono piccole vittorie tattiche.

Finora i russi non sono riusciti a sfondare le linee ucraine, secondo gli analisti militari e i soldati intervistati durante l’estate. Tuttavia, non vi sono segnali che la pressione russa possa attenuarsi. L’Ucraina ha avvertito la scorsa settimana che Mosca aveva ritirato le sue forze di terra dalla Bielorussia per partecipare alle operazioni offensive nella regione.

Oleh Matveychuk, comandante di battaglione di 49 anni, afferma che i russi hanno due obiettivi principali. Il primo era spingere gli ucraini oltre il fiume Uskil, una barriera difensiva naturale che ha svolto un ruolo importante nei combattimenti. Il secondo è costringere l’Ucraina a schierare le sue forze qui in modo che non possano essere dispiegate altrove.

Data la sua vicinanza al confine russo, i russi non devono affrontare le stesse sfide logistiche che altrove. L’area è stata a lungo un’area di sosta per le forze russe che partecipano alla campagna nell’est, e il Cremlino ha ammassato nella zona circa 100.000 soldati e più di 500 carri armati, secondo i funzionari ucraini. Non è però chiaro se verrà utilizzato in questo settore o altrove.

Bashmut

La Russia ha dichiarato “vittoria” nella battaglia di Bashmut a maggio, dopo una lunga campagna che ha visto alcune delle battaglie più sanguinose della guerra. La città fu rasa al suolo, ma i combattimenti non cessarono mai. Quasi immediatamente, le forze ucraine tentarono di espellere i russi dalle aree a nord e a sud di Bashmut. Le vittorie possono sembrare piccole, ma gli ucraini hanno continuato ad avanzare lentamente e costantemente.

Durante una recente visita alle posizioni ucraine intorno alla città, i soldati hanno affermato di sapere di non essere la punta di diamante della controffensiva, poiché la maggior parte delle armi e del personale migliori sono schierati nel sud. Ma aiutano lo sforzo bellico costringendo i russi a dedicare risorse alla difesa di Bakhmut. Malgar ha detto lunedì che l’Ucraina ha ripreso il controllo di circa 49 chilometri quadrati attorno alla città.

I combattimenti sono feroci, con entrambe le parti che lanciano attacchi e contrattacchi. Nel corso dei mesi, l’Ucraina ha compiuto progressi graduali a sud della città, dentro e intorno al villaggio di Klyshchevka. Inoltre, Kiev ha lanciato una serie di attacchi coordinati questa settimana, dicono i funzionari militari, e hanno verificato i filmati della battaglia.

Nel frattempo continuano i combattimenti intorno alle città di Avdiivka e Majinka, a sud di Bakhmut. L’Ucraina ora spera di sfruttare eventuali lacune nella difesa locale mentre la base delle truppe russe si estende sempre più lungo la linea del fronte. Malgar ha detto che l’esercito ucraino continua ad avanzare lentamente sul fronte orientale, dove ha riconquistato parte dell’insediamento di Obitny a sud di Avdizhievka.

Le truppe dell’80a Brigata d’assalto aerea ucraina lanciano un lanciarazzi multiplo Grad contro obiettivi russi in direzione di Bakhmut.Foto di Tyler Hicks/New York Times

Completamentedar

Intorno alla città mineraria di Fuhldar sono in corso combattimenti devastanti. È qui che si incontrano il fronte orientale e quello meridionale, a pochi chilometri dalle vitali linee logistiche russe che riforniscono le forze russe nell’Ucraina meridionale. La città riveste quindi un’importanza strategica cruciale.

I russi bombardarono Voledar per diversi mesi. Foto del drone New York Times Gli effetti devastanti riflettono l’intensità dei combattimenti. I soldati ucraini in quest’area affermano che la loro missione principale è quella di mantenere posizioni chiave e, se si presenta l’opportunità, di approfittare delle forze russe disposte in prima linea per ottenere posizioni migliori per impadronirsi di un vitale hub logistico russo a 17 miglia a sud-est. Per attaccare.

Una veduta aerea della devastazione della città mineraria di Fulidar.  Foto di Tyler Hicks/New York Times

Una veduta aerea della devastazione della città mineraria di Fulidar.Foto di Tyler Hicks/New York Times

Sud

Dopo un inizio incerto con pesanti perdite, l’esercito ucraino nel sud si è raggruppato e ha modificato la propria tattica. Le forze penetrarono quella che consideravano la prima linea di difesa russa lungo due linee di attacco verso sud. Uno di questi attacchi ha portato alla riconquista del villaggio di Robottaine, il successo più significativo del contrattacco fino ad oggi. Così l’Ucraina ha creato le basi per un’ulteriore avanzata verso sud.

Domenica l’esercito ucraino ha dichiarato di aver recuperato altri 1,5 chilometri quadrati intorno a Robotyn. Espandendo la loro testa di ponte lì, le forze ucraine sperano di ridurre la pressione sulle loro operazioni logistiche in modo da poter intensificare i loro attacchi intorno al villaggio di Verbov, a circa 9 miglia (14 chilometri) a est.

La successiva linea di posizioni difensive russe nella regione è leggermente meno fitta della prima, dando all’Ucraina “l’opportunità di manovrare attrezzature e forze”, ha detto Oleksandr Shtubun, portavoce delle forze armate ucraine nella regione. Stubon afferma che la Russia ha schierato unità aviotrasportate per scopi difensivi, cosa che normalmente non fa. “Questo perché i russi li considerano forze d’élite. Se lanciano la cosiddetta élite in battaglie difensive, qualcosa andrà storto per loro”, ha detto Stuboin.

La seconda strada a sud per le forze ucraine si trova a est, lungo una tortuosa strada di campagna che attraversa la valle del fiume Mokry-Yuri. La strada porta alla città costiera occupata di Mariupol, ma non è chiaro quale sia l’obiettivo degli ucraini. Secondo alcuni analisti è possibile che la città di Berdyansk, situata sul Mar d’Azov, venga liberata. Se l’Ucraina riuscisse ad avanzare, potrebbe inviare le sue forze in quella direzione o addirittura virare bruscamente a ovest per cercare di aggirare le forze russe.

Quando le forze ucraine riconquistarono il villaggio di Orogan a metà agosto, sfondarono quella che consideravano la prima linea di difesa della Russia in questa direzione. Il prossimo grande villaggio sulla mappa è Staromlenivka, e gli ucraini bombardano le posizioni russe con l’artiglieria da oltre una settimana.

I soldati ucraini affermano che se riescono a sfondare le difese sulla strada da percorrere e scacciare i russi dal villaggio, i campi minati diventeranno meno densi e avranno più opzioni per colpire la prossima volta. I marines che combattono nella valle dicono che devono avanzare di altre 12 miglia – e mantenere quella posizione – per minacciare seriamente le linee di rifornimento russe lungo la costa.

Cherson

Dopo che in autunno l’Ucraina ha espulso le forze russe dalla regione occidentale di Kherson, il fiume Dnepr è diventato la nuova linea del fronte. I combattimenti da allora in poi furono in gran parte caratterizzati da bombardamenti attraverso il fiume e scaramucce sulle isole nella vasta foce del fiume a sud di Cherson. Anche se l’Ucraina non pianificasse un attacco anfibio su larga scala, ciò costringerebbe la Russia a schierare risorse e soldati per difendere la regione.

È difficile valutare l’importanza e il significato dei combattimenti qui, date le informazioni limitate rilasciate da entrambe le parti. Non ci sono indicazioni che l’Ucraina sia sul punto di sfondare le posizioni russe radicate tra Kherson e Crimea.

Secondo l’intelligence militare britannica, dall’inizio di giugno gli ucraini sono riusciti a mantenere una piccola testa di ponte al di là del fiume. I combattimenti principali delle ultime settimane hanno avuto luogo intorno al villaggio di Kozachey Lahiri, a nord-est di Kherson, che l’Ucraina ha invaso con successo prima di ritirarsi, secondo gli analisti militari occidentali.

Il ponte Antonevskij sul Dnepr, distrutto dalle forze russe in ritirata, a Cherson.  Foto di Finbar O'Reilly/New York Times

Il ponte Antonevskij sul Dnepr, distrutto dalle forze russe in ritirata, a Cherson.Foto di Finbar O’Reilly/New York Times

© New York Times

READ  L’Ucraina fa un altro passo avanti verso l’adesione all’UE: l’Ungheria smette di resistere ai negoziati di adesione