QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Tailandia è sulla buona strada per legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso, essendo il terzo paese in Asia

La Tailandia è sulla buona strada per legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso, essendo il terzo paese in Asia

Nell’emendamento alla legge proposto dal Ministero della Giustizia, i termini “marito e moglie” sono stati sostituiti da “persone fisiche” e “coniugi”. Ciò darebbe al matrimonio tra persone dello stesso sesso pari diritti nel diritto civile. In particolare, il diritto di creare una famiglia e di adottare bambini rappresenta una grande vittoria per la comunità LGBTQ in Thailandia. Secondo un portavoce del governo, il prossimo passo sarà includere le coppie omosessuali sposate nella legge sulle pensioni.

Il primo ministro Sritha Thavisin, entrato in carica ad agosto, ha annunciato martedì che il Parlamento dovrebbe discutere la proposta il 12 dicembre. La firma del re Maha Vajiralongkorn segna l’ultimo ostacolo prima che la Thailandia diventi il ​​primo Paese del sud-est asiatico e il terzo dell’intero continente a offrire alle coppie dello stesso sesso l’opportunità di sposarsi ufficialmente.

In Thailandia, le persone della comunità LGBTQ+ hanno una libertà relativamente ampia di esprimersi, soprattutto rispetto alla maggior parte dei paesi della regione. Il paese in particolare ha una comunità transgender molto ampia e visibile, che rappresenta una grande attrazione per uomini e donne transgender provenienti da altri paesi asiatici. Molti turisti sono attratti anche dalla vita notturna gratuita, ma finora la crescente accettazione non si è tradotta nei libri di legge.

Una promessa elettorale

Nel 2021, la Corte Costituzionale ha stabilito che l’attuale legge sul matrimonio era compatibile con la Costituzione e ha messo la palla al Parlamento per sancire i diritti LGBT nella legislazione. L’anno scorso era sul tavolo un disegno di legge simile, ma nonostante l’accoglienza positiva della maggior parte dei deputati, non è stato votato prima delle elezioni. Il partito Pheu Thai, al potere, come molti partiti rivali, durante la campagna elettorale aveva promesso di riportare la questione all’ordine del giorno.

Il mese scorso, il primo ministro Thavisin ha annunciato su Channel “È una questione urgente e deve essere affrontata rapidamente”, ha affermato il Primo Ministro. Thavisin ha anche espresso il desiderio che la Thailandia organizzi il World Pride nel 2028.

Si tratta di una delle prime riforme sociali che Thavesen ha chiesto da quando è entrato in carica ad agosto. Finora ha scelto di concentrarsi principalmente sulle riforme economiche ed evitare riforme sociali che sono molto desiderate, ma da molti più sensibili.

Le generazioni più giovani e la classe media urbana hanno votato in massa a maggio per il partito progressista PETA Limjaronrat Move Forward, e quindi contro l’influenza dei militari e della famiglia reale in politica, ma il sistema esistente ha emarginato il Limjaronrat. Alla fine Thavisin divenne leader di una coalizione di undici partiti, senza fare alcun passo avanti. È costretto a collaborare con i suoi nemici: i partiti degli ex generali dell’esercito.

READ  Il padre ha pubblicato le foto di una famiglia morta dopo aver tentato di scappare: "Il mondo intero ha bisogno di saperlo"