QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Thailandia prevede di introdurre la castrazione chimica degli autori di reati sessuali | All’estero

La Thailandia è un passo avanti verso l’introduzione della castrazione chimica nella lotta contro i crimini sessuali. Dopotutto, il parlamento e il Senato thailandesi hanno approvato un disegno di legge che conferisce ad alcuni autori di reati sessuali il diritto di scegliere la procedura in cambio di una riduzione della pena.

Il disegno di legge è stato approvato alla Camera dei Comuni a marzo e 145 senatori hanno appena dato il via libera, con solo due astenuti. Ora serve un terzo voto alla Camera dei Rappresentanti e poi il Royal Assent.

Dei 16.413 reati sessuali condannati rilasciati dalle carceri thailandesi tra il 2013 e il 2020, 4.848 hanno commesso reati, secondo i dati della prigione thailandese.

Secondo la nuova legge, gli autori di reati sessuali ritenuti a rischio di criminalità potranno ricevere iniezioni che abbassano i livelli di testosterone in cambio di una pena detentiva più breve, a condizione che ottengano anche il via libera da due medici. Saranno quindi monitorati per dieci anni e dovranno indossare un braccialetto alla caviglia.

Se la legge verrà approvata, la Thailandia si unirà a un piccolo gruppo di paesi che hanno anche introdotto la castrazione chimica, tra cui Polonia, Corea del Sud, Russia ed Estonia, oltre ad alcuni stati degli Stati Uniti.

“Voglio che questa legge venga approvata rapidamente”, ha dichiarato martedì il ministro della Giustizia Somsak Tipsothin. “Non voglio vedere altre notizie su cose brutte che accadono alle donne”.

Secondo Jadeed Shuilai, direttrice del Progressive Women and Men’s Movement, un’organizzazione non governativa che si occupa di violenza sessuale, tra le altre cose, la castrazione chimica non aiuta ad affrontare i crimini sessuali. “I detenuti devono essere riabilitati cambiando il modo in cui pensano durante il periodo in prigione”, dice. “L’uso di punizioni come l’esecuzione o la castrazione per iniezione rafforza l’idea che l’autore del reato non può più essere riabilitato”.

READ  "E' una legge non scritta: questo non lo fai": la foto con il premio più alto è ora sotto il fuoco pesante