QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’aumento dei costi energetici è stato un segnale per tutte le aziende per aumentare i loro margini di profitto

L’aumento dei costi energetici è stato un segnale per tutte le aziende per aumentare i loro margini di profitto

Paul de Grauwe è professore alla London School of Economics. La sua rubrica appare ogni due settimane.

Paolo DGrawee

Quando l’inflazione è salita troppo in alto, molti economisti hanno temuto una spirale di salari e prezzi. Ciò garantisce che se i prezzi aumentano, anche i salari aumenteranno, costringendo le imprese a trasferire l’aumento dei costi salariali a prezzi più alti. Una spirale infernale porta a un nuovo giro di aggiustamenti salariali e aumenti dei prezzi. Molti economisti temono che questa dinamica renderà l’inflazione più radicata nell’economia e più difficile da combattere.

Sorprendentemente, questa spirale non ha ancora avuto alcun ruolo. Nella maggior parte dei paesi europei (ad eccezione del Belgio), i salari reali sono diminuiti, in altre parole: gli aumenti salariali sono rimasti indietro rispetto agli aumenti dei prezzi. Invece di una spirale di salari e prezzi, abbiamo assistito a una spirale di profitti e prezzi. L’aumento dei costi energetici ha spinto molte aziende ad aumentare i propri margini di profitto. Pertanto, hanno addebitato un supplemento per l’aumento dei costi energetici, in modo che i prezzi dei prodotti finiti aumentassero più rapidamente dei prezzi dell’energia stessa. Una nuova spirale ha sostituito la spirale dei salari e dei prezzi.

Questa non è una storia isterica di economisti di estrema sinistra. La Banca centrale europea, dove lavorano gli economisti con una formazione economica tradizionale, ha pubblicato uno studio due settimane fa che ha corroborato questa storia. Secondo gli economisti della Banca centrale europea, i due terzi dell’aumento dell’inflazione lo scorso anno sono stati dovuti alla spirale dei profitti e dei prezzi. Solo un terzo della spirale salariale – prezzo. Inoltre, secondo gli economisti della BCE, questo fenomeno non si è limitato a pochi settori (come quello energetico) ma si è esteso a quasi tutti i settori. Nel 2023, l’agricoltura, l’industria e il settore dei servizi hanno beneficiato dell’aumento dei costi energetici per incrementare i loro margini di profitto.

READ  Jeff Bezos e Lauren Sanchez deridono il servizio fotografico "imbarazzante" per "Vogue" | celebrità

Si tratta ovviamente di medie. Ci sono senza dubbio aziende in tutti questi settori che non sono riuscite ad aumentare i loro margini di profitto. Ma l’azienda media ce l’ha. Questo ci porta a chiederci come sia stata possibile questa cosa. Ecco un tentativo di risposta.

Il primo elemento della risposta è il cambiamento dell’equilibrio di potere tra datori di lavoro (azionisti) e dipendenti sia negli Stati Uniti che nell’UE. Dagli anni ’80, abbiamo notato un aumento della concentrazione delle imprese. Questo fenomeno è stato ampiamente tracciato in numeri da due economisti fiamminghi, Jan de Lucker e Jan Eckhot, tra gli altri. Allo stesso tempo, notiamo la diminuzione dell’influenza dei sindacati. Questo passaggio di potere dai lavoratori ai datori di lavoro ha consentito margini di profitto più elevati e una quota inferiore dei salari sul PIL nella maggior parte dei paesi.

In questo contesto storico, possiamo comprendere i recenti sviluppi inflazionistici. Shock energetico creato nel 2021-22 finestra di opportunità Per aumentare i margini di profitto. Di solito non è così semplice: se l’azienda A aumenta il suo margine di profitto e l’azienda B non lo segue, l’azienda A rischia di perdere quote di mercato. Tuttavia, il massiccio aumento dei costi energetici è stato un segnale per tutte le aziende per aumentare i propri margini di profitto. Se lo fanno tutti insieme, scomparirà anche l’effetto negativo della quota di mercato. Questo meccanismo è stato facilitato perché la maggior parte dei settori è più focalizzata rispetto a prima.

Pertanto, l’inflazione ha rivelato una lotta per il valore economico del paese. Sembra che questa battaglia sia a favore di imprenditori e azionisti.

READ  Hotline olandese in preparazione al lavoro minorile da parte di giovani influencer | Internet

Cosa si può fare al riguardo? La Banca centrale europea continua la sua politica di riduzione della domanda aggregata di beni e servizi aumentando i tassi di interesse, al fine di stroncare l’inflazione sul nascere. Avrai successo. Ma c’è un costo: la recessione con la miseria non può essere esclusa.

La BCE non ha le risorse per affrontare le cause della spirale dei profitti e dei prezzi. La crescente concentrazione del settore può essere affrontata solo attraverso una vigorosa politica di concorrenza. Ciò significa che il governo sta frenando in modo aggressivo gli accordi sui prezzi, limitando fusioni e acquisizioni e forse costringendo gruppi molto grandi a dividersi. Ma qui è dove pizzica la scarpa. La volontà politica di farlo si è erosa nel corso degli anni. La politica della concorrenza non compare più da nessuna parte nelle piattaforme dei partiti politici.