QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le impostazioni poco chiare sulla privacy di Apple confondono anche gli accademici

Le impostazioni poco chiare sulla privacy di Apple confondono anche gli accademici

I ricercatori hanno analizzato le impostazioni sulla privacy delle app Apple predefinite. Hanno concluso che le impostazioni sono spesso poco chiare, confuse e scarsamente documentate e che in pratica gli utenti non sanno veramente cosa sta realmente monitorando Apple.

Apple presenta la privacy degli utenti come uno dei suoi punti di forza rispetto alla concorrenza e utilizza anche l'argomento per mantenere il proprio ecosistema il più chiuso possibile. Dopotutto, le app di terze parti potrebbero mettere a rischio i dati dei clienti, mentre Apple si presenta come un affidabile protettore dei dati.

ricerca dell’Università Aalto in Finlandia rivela una verità che contraddice tali affermazioni. I ricercatori di quell’università hanno esaminato il modo in cui Apple gestisce i dati degli utenti in otto app standard. Hanno inoltre analizzato il modo in cui gli utenti regolano le impostazioni e la qualità con cui viene documentato l'utilizzo dei dati. Conclusione: le impostazioni sono confuse, le procedure non sempre producono i risultati attesi e la documentazione non solo è confusa ma anche incompleta. Un campione qualitativo ha inoltre dimostrato che gli utenti sono sorpresi da ciò che Apple sta facendo con i loro dati.

Innanzitutto ci sono le applicazioni standard. Spegnerlo completamente rimane molto difficile. Chi ringrazia Siri durante il processo di installazione del proprio dispositivo probabilmente non sa che l'app continua a raccogliere dati in background. Per disabilitare completamente la raccolta dei dati per Siri, i ricercatori hanno scoperto che è necessario esplorare cinque diversi sottomenu di impostazioni.

Se vuoi sapere come avere il pieno controllo sulle tue impostazioni sulla privacy, rimarrai deluso. Secondo i ricercatori i documenti sono difficili da reperire e incompleti.

READ  Veiling van grootste zwarte diamant ter wereld, zou uit de ruimte komen

Per quanto riguarda Safari in particolare, gli utenti sono rimasti sorpresi dal fatto che le impostazioni predefinite consentissero la condivisione dei loro dati con Apple. Ciò si riferisce agli argomenti che trovano interessanti, alle ricerche e alla posizione. I ricercatori hanno scoperto che l’effettiva trasparenza sull’argomento lascia molto a desiderare.

Inoltre, non è chiaro cosa faccia esattamente Apple con i dati raccolti. Quando vengono regolate determinate impostazioni, è difficile conoscere l'effetto esatto. In generale, i partecipanti al sondaggio hanno trovato difficile navigare nelle impostazioni della privacy.

Opaco

Nel complesso, lo studio mina in qualche modo la percezione di Apple come esperto di privacy. Nota: i ricercatori non sostengono che Apple stia segretamente abusando dei dati. Il problema è la mancanza di trasparenza e il quadro sfocato, che rende difficile per gli utenti personalizzare le impostazioni secondo i propri desideri. Il fatto che i clienti Apple siano sorpresi dal comportamento dell'app dopo aver impostato l'impostazione predefinita illustra il punto.

Leggi anche

Gli Stati Uniti prendono di mira Apple in un importante caso antitrust

L’indagine arriva in un momento difficile per Apple, che si trova ad affrontare importanti cause legali antitrust. L'esperienza dell'azienda in materia di privacy è sempre uno degli argomenti principali per mantenere un ecosistema chiuso e dovrebbe compensare le scarse opportunità competitive per terzi. Il documento finlandese ora conferma che la politica sulla privacy di Apple non è così trasparente e facile da usare come il produttore vuole descriverla.