QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’economia belga è in buona forma.  Finora

L’economia belga è in buona forma. Finora

Come sta andando l’economia belga?

Meglio del previsto, in realtà. Si prevede che quest’anno l’economia crescerà dell’1,5%. Questo valore è inferiore a quello degli anni d’oro, ma è il doppio della media dell’Eurozona. In un contesto europeo lento, i belgi stanno ancora reggendo abbastanza bene. Nei prossimi anni la crescita si manterrà stabile intorno allo stesso livello moderato dell’1,3%, come prevede la Banca nazionale nelle sue previsioni.

Lo scorso anno la crescita è stata sostenuta principalmente dai consumi interni. Poiché il potere d’acquisto è rimasto ragionevolmente stabile durante la crisi del Corona e quella energetica, anche i belgi sono stati in grado di continuare a spendere soldi. Questo quadro è leggermente cambiato nel 2023. Ora sono gli investimenti aziendali a guidare maggiormente la crescita. Ciò sorprende un po’ anche gli economisti della Banca nazionale, che definiscono la crescita degli investimenti (+8,6% nel 2023) assolutamente “sorprendente”. Nello scenario classico, ci si aspetterebbe che gli investimenti diminuiscano in un momento in cui i tassi di interesse aumentano. Il balzo degli investimenti è in conflitto anche con la fiducia delle imprese, che rimane bassa.

Per molte aziende ci sarà un momento “ora o mai più”. C’è un urgente bisogno di investire nella digitalizzazione e nell’ecologizzazione, e ora che i costi salariali sono in aumento e il mercato del lavoro rimane teso, è un buon momento per molte aziende per investire nella produttività. Il governatore della Banca nazionale Pierre Wunsch sottolinea inoltre che molte aziende dispongono di riserve sufficienti per sostenere questi costi.

Bello – buono. Ma cosa mi resta?

È noto che grazie all’indicizzazione automatica dei salari, il potere d’acquisto in Belgio è rimasto più protetto che nei paesi vicini. L’inflazione dei prezzi che determina l’utilizzo dell’indicatore è ora rallentata in modo significativo e lo scorso mese è addirittura diventata negativa (i prezzi a novembre erano in media dello 0,7% inferiori rispetto al livello del 2022). La Banca nazionale prevede che l’anno prossimo l’inflazione salirà nuovamente al 4% e negli anni successivi diminuirà.

L’indicizzazione verrà ripetuta l’anno prossimo, cosa che lascerà in difficoltà molti responsabili del personale. La Banca nazionale non risolve il problema dei costi salariali. Negli ultimi due anni i salari in Belgio sono cresciuti più velocemente che nei paesi vicini, ma si prevede che nei prossimi tre anni accadrà il contrario, vale a dire che la differenza sarà pari a zero entro la fine del 2026. Gli aumenti salariali dovrebbero essere previsti immediatamente, nei prossimi anni, se l’attuale legge sui salari verrà attuata.

Nonostante i rinnovati appelli della VBO per eliminare l’indicizzazione automatica, il governatore Wunsch non crede che ciò accadrà. “Indicizzazione Qui per restareLo ha detto in una conferenza stampa. “Ogni Paese ha le sue caratteristiche economiche e queste sono le nostre. Non c’è una maggioranza politica che possa cambiare la situazione. Anche l’indicizzazione ha funzionato, ma siamo stati fortunati. Se i prezzi dell’energia avessero continuato a salire per un periodo più lungo e l’inflazione fosse rimasta molto alta, le nostre aziende avrebbero avuto seri problemi con l’indicizzazione dei salari”.

Ci sono anche settori che vanno meno bene?

Uno di questi spicca in senso negativo: la costruzione. Gli investimenti nell’edilizia abitativa sono diminuiti drasticamente. Il settore delle costruzioni sta attraversando un momento difficile. I materiali da costruzione stanno rapidamente diventando più costosi, ma anche la rigidità del mercato del lavoro gioca un ruolo importante. Inoltre, le banche hanno aumentato drasticamente i tassi di interesse sui mutui immobiliari e gli investitori hanno iniziato a ritirarsi dal settore meno sicuro in cerca di rendimenti. Ciò a sua volta rallenta la domanda di nuove case. “Gli ultimi dati sulle licenze edilizie e sulle richieste di mutui dimostrano che questo raffreddamento è lungi dall’essere terminato”, afferma l’economista Geert Langnos della Banca nazionale. Ci sarà una certa ripresa solo nella seconda metà del prossimo anno.

C’è anche una luce lampeggiante durante l’esportazione. Il blocco salariale (temporaneo) colpisce il Belgio, ma esiste anche un problema europeo più ampio, ovvero la bassa quota di mercato nel commercio.

Nel complesso non ci sono nubi temporalesche. Perché così tanti economisti sono ancora pessimisti riguardo al Belgio?

Nel breve termine, l’economia sta andando bene, ma nel medio termine, le fragili finanze pubbliche creano incertezza. Il governo belga dovrebbe chiudere l’anno con un deficit pari al 4,3% del prodotto nazionale lordo. Se la politica resta invariata, raggiungeremo già il -5,2% nel 2026. Pierre Fonche: “Solo per mantenere il deficit ai livelli attuali, il prossimo governo dovrà puntare a un totale di 10 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni: 1 miliardo di dollari all’anno per gli anziani e 1 miliardo di dollari in costi per interessi”.

Funch descrive la situazione come “insostenibile a lungo termine”. Soprattutto perché nessun cambiamento è ancora iniziato. Il Belgio, insieme a Slovacchia e Francia, è uno dei paesi in fondo alla classifica dell’UE che non riesce a controllare il bilancio e registra un deficit crescente. Questo è un problema perché sappiamo già con certezza che il governo dovrà affrontare nuovi costi, come l’invecchiamento della popolazione e il cambiamento climatico.

READ  Riconvocato il vertice di governo sull'uscita dal nucleare