QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’esercito ucraino ha attaccato un deposito ferroviario nella città occupata di Melitopol

L’esercito ucraino ha attaccato un deposito ferroviario nella città occupata di Melitopol

La Russia ha occupato la città dall’inizio della guerra.© Afp

Mercoledì l’esercito ucraino ha attaccato un deposito ferroviario nella città di Melitopol. La città è stata in mano russa dall’inizio della guerra ed è importante per l’approvvigionamento delle forze russe.

Nick Winvinfonte: Nu.nl, CNN, Euractiv

Il sindaco di Melitopol in esilio Ivan Fedorov ha dichiarato tramite Telegram che ci sono state diverse esplosioni in città. Di conseguenza, l’elettricità è stata interrotta a Melitopol e nei villaggi circostanti. Secondo l’agenzia di stampa statale russa borsa Non ci sono stati feriti o morti a seguito dell’attacco.

Non si sa quali armi abbia usato l’Ucraina per attaccare la città. Sistema missilistico HIMARS, secondo il servizio di notizie Euroattivo Troppo lontano per arrivare in città. La città è a circa 100 chilometri dietro il fronte. Le nuove armi che l’Occidente ha promesso di fornire potrebbero raggiungere Melitopol.

Melitopol si trova nel sud dell’Ucraina e fa parte di un ponte terrestre che collega la Russia alla Crimea, occupata dal 2014. Questo la rende un luogo importante per l’approvvigionamento e il rafforzamento dell’esercito russo. La città si trova anche a 120 chilometri a sud-est della centrale nucleare di Zaporizhia, visitata lo stesso giorno da Rafael Grossi, direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

READ  L'Ucraina estende la legge marziale e la mobilitazione per altri tre mesi | Guerra Ucraina e Russia