QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Live (2° giorno del festival): Fuoco amico

Live (2° giorno del festival): Fuoco amico

Live (2° giorno del festival): Fuoco amico

© CPU – Stijn Verbruggen

La terza edizione di Live/s Live è iniziata venerdì con artisti di punta come Tamino, Ben Howard e The National, e anche sabato c’erano molte cose fantastiche nello show. Dal primo spettacolo belga di Sheryl Crow in oltre vent’anni al millesimo grande concerto belga dei Liberators; Ci è stato offerto tutto sotto il sole a Middenvijver, sulla riva sinistra.

Absynthe Minded al palco principale

© CPU – Stijn Verbruggen

Alle 12:20, il secondo giorno del festival è iniziato con Absynthe Minded e questa si è rivelata subito una buona scelta. La chitarra acustica estiva e impennata che suona nelle prime canzoni ha immediatamente creato un’atmosfera rilassata e allegra per adattarsi al sole caldo. Con “My Heroics, Part One” abbiamo ottenuto una delle migliori canzoni della band dopo poco più di dieci minuti, dopodiché eravamo completamente lanciati e più di mille persone presenti hanno applaudito durante “Jokes and Curses”. Con “Envoie”, l’altro successo, abbiamo lavorato bene fino alla fine, perché sono state le nuove canzoni a rimanere davvero impresse. Gli Absynthe Minded erano la band perfetta per iniziare una giornata di festival come questa con una nota felice.

Trombone Shorty e Orleans Avenue al palco principale

© CPU – Stijn Verbruggen

Trombone Shorty e Orleans Street furono costruiti per la prima festa nelle prime ore della giornata. I fiati sensuali che erano in prima linea durante tutto il set fornivano un suono felice e pieno di sentimento, che occasionalmente acquisiva un tocco tagliente e sexy attraverso riff serrati e alcuni assolo di chitarra estesi qua e là, come durante “Let’s Go Crazy”. La cover strumentale di “Brain Stew” dei Green Day ha fatto alzare in aria parecchie braccia verso la fine. Brevemente; Se vuoi divertirti, Trombone Shorty & Orleans Avenue è il posto giusto.

Lord Huron al palco principale

© CPU – Stijn Verbruggen

Con Lord Huron siamo andati più verso l’indie rock, e ora la band americana ha anche una discreta discografia da cui attingere attraverso i loro quattro album. Ciò ci ha permesso di non ascoltare una sola brutta canzone e di non annoiarci per un momento in un set molto breve di cinquanta minuti. Il carisma contagioso di Ben Schneider, il suo cappello da cowboy e il modo in cui rende ogni canzone facile da ascoltare, rendono il set divertente. La canzone di chiusura è stata ovviamente l’insolita canzone di Lord Huron, “The Night We Met”, probabilmente l’unica canzone che la maggior parte del pubblico conosceva, ma questo non ha impedito loro di partecipare con entusiasmo durante tutto il set.

READ  La famosa star di YouTube scomparsa da Internet appare nelle foto del matrimonio, i fan stanno impazzendo | Famoso

Sheryl Crow al palco principale

© CPU – Stijn Verbruggen

Alle cinque e mezza ci è stata presentata quella che forse è la più grande star internazionale del festival, Sheryl Crow. Il nove volte vincitore del Grammy non ha perso tempo e ha aperto la canna del colpo una volta riscaldato e poi non ha mai guardato indietro. Con “Run Baby Run” ha fatto sì che la folla ondeggiasse con lei e “All I Wanna Do” cantava davvero insieme senza che lei dovesse fare molto. Lo stesso vale per la cover ancora bellissima di Cat Stevens di “The First Cut Is the Deepest” dopo tutti questi anni, cantata così potentemente che era impossibile non avere la pelle d’oca. Crowe ha intrecciato le canzoni insieme durante tutto il suo set e ha concluso di conseguenza, con un’altra canzone molto potente di “If It Makes You Happy” e una canzone finale di “Every Day Is A Winding Road”. Abbiamo dovuto aspettare più di vent’anni per questo, ma Sheryl Crow ha valso più che la pena aspettare.

iskandar mon@dagirad

© CPU – Stijn Verbruggen

Sul piccolo palco del Dagerad abbiamo assistito ad un concerto di Skander Moon in cui il cantante belga alternava chitarra acustica e pianoforte, ma alternava anche momenti bellissimi e momenti in cui eravamo completamente persi. Moon ha una bella voce, su questo non c’è dubbio, ma quando si è fatto avanti non abbiamo capito bene il perché. Moon dava il meglio di sé quando manteneva le cose semplici ad alta voce, come spesso accadeva.

Magazzino @ Teatro Principale

© CPU – Stijn Verbruggen

Dopo l’alba, a volte può cadere la pioggia e, anche se fortunatamente non era proverbiale, l’inizio del Warhaus è stato segnato da molti partecipanti al festival che si recavano sul retro dell’area del festival per cercare gli impermeabili. Ciò non ha rovinato il divertimento, perché Warhouse era solido come sempre. In particolare “Beaches”, che segue “Love is Strange”, ha fatto ballare la gente grazie ai suoi riff di chitarra. Il fatto che quasi tutti rimanessero in piedi quando la “finestra aperta” si chiudeva invece di cercare un alloggio più asciutto era forse il più grande complimento che Warhouse avrebbe potuto ricevere. La band ha messo su uno spettacolo come abbiamo visto molte volte, ma è comunque semplicemente buono.

READ  La morte dell'autore del thriller Mo Haider | L'arte e la letteratura

Paolo Nutini @ Teatro Principale

A Paolo Nutini sono bastati appena cinque minuti per tenere lontana la pioggia. Sfortunatamente, gli ci è voluto dieci volte più tempo per arrivare a un momento davvero avvincente. Non ha aiutato il fatto che il pubblico fosse docile e prevedibile come lo stesso Nutini, anche se per fortuna ci sono stati alcuni sfoghi con canzoni come “Acid Eyes” e “Through the Echoes” ancora fresche nella memoria di tutti. L’elettronica era un po’ troppo presente e le immagini orribili facevano sì che anche una voce come quella di Nutini non potesse compensare qualcosa del genere, sempre con alcune eccezioni. La canzone acustica “Candy” si è rivelata un punto culminante per la sua assoluta semplicità, proprio come “Iron Sky” fa ad ogni concerto di Nutini. Oggi non è stato diverso, anche se questa volta con una bellissima introduzione a cappella. Il suono di Nutini è uno su mille, ma la sua estensione spesso serpeggia semplicemente senza direzione, anche se per fortuna ci sono alcuni valori anomali.

Redattori al Teatro Principale

© CPU – Stijn Verbruggen

Dopo l’esibizione degli Editors allo Sportpaleis lo scorso marzo, ci siamo chiesti ad alta voce se il matrimonio da sogno tra la band britannica e il nostro piccolo paese belga fosse diventato realtà. Il giorno dopo quel concerto, Live/s Live annunciò che la band sarebbe stata l’ultima headliner, quindi sapevamo che a quella domanda avrebbe potuto essere data risposta prima di quanto inizialmente ci aspettassimo. Il fatto che gli editori siano ancora in grado di dirigere questi festival significa che la domanda c’è ancora, ma l’offerta è ancora buona?

Gli editori avrebbero potuto essere migliori, ma su Live/s Live, la fiamma dell’amore tra la band e il pubblico belga si è trasformata di nuovo in un fuoco più grande. Il set si è aperto immediatamente alla grande con una serie di successi come “An End Has A Start”, “Sugar” e “Bones” che hanno fatto alzare le mani e cantare insieme al pubblico. Questa volta non c’era distanza tra il pubblico e il cantante Tom Smith, perché il cantante si muoveva come un matto quando non c’era la chitarra intorno a lui e baciava il suo microfono in ogni occasione per distrarre tutto il pubblico dai baci. Tuttavia, “A Ton of Love” mancava di brio, proprio come l’inizio di “Ocean of Night” poco dopo, ma questo è tutto.

© CPU – Stijn Verbruggen

Visivamente eravamo ancora affamati per un po’, ma questo è stato compensato con un sacco di fuoco e abbiamo potuto usarlo dopo la pioggia nel Warhaus. Smith ha eseguito l’assolo di “Smokers Outside the Hospital Doors” e, come spesso accade quando Smith suona un assolo, mi ha fatto venire la pelle d’oca. Questa volta i coriandoli sono volati in aria e l’intera band si è unita mentre i fan si godevano i coriandoli. A volte la felicità è nelle piccole cose, come il fuoco e i dolci, a quanto pare. In cambio, avremo un altro “momento rilassante per Smith” con “No Sound But The Wind”, che non ci stancheremo mai di ascoltare. “Papillon” ha concluso il tutto con più fuoco e un bellissimo outro guidato dall’elettronica.

READ  I fan pensano che Kate Beckinsale stia impazzendo: "Non è rimasto nessun capitolo"

Questa volta non abbiamo cucinato né arrostito come il giorno dell’apertura del festival, ma gli dei della pioggia non sono stati contenti di noi per poco più di un’ora. La giornata è iniziata in modo felice con Absynthe Minded, mentre abbiamo fatto una festa nelle prime ore della giornata con Trombone Shorty & Orleans Avenue. Tra i grandi nomi, Sheryl Crow e The Editors in particolare hanno ottenuto buoni risultati, mentre Paolo Nutini come headliner sembrava perso sul grande palco e riusciva a convincere solo in rari momenti. Fu fuoco al sole nelle prime ore, poi nei classici e nella voce di Sheryl Crow, e finì dopo il vero fuoco degli ultimi amici belgi degli editori.

Ti piacciono le foto? A noi Instagram C’è molto di più!

Potete trovare un resoconto del primo giorno del festival qui.