QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lords of the Fallen è tanto rinfrescante quanto travagliato

Lords of the Fallen è tanto rinfrescante quanto travagliato

Giorni di punta per i masochisti e per coloro che sono benedetti (o maledetti?) con un’anima oscura. In attesa dell’imminente espansione dell’Elden Ring, i cosiddetti Soulslike continuano a piovere. Wo Long: Fallen Dynasty e Lies of P hanno sicuramente avuto successo quest’anno, ma Lords of the Fallen era ancora in cima alla nostra lista dei desideri.

Tuttavia, il film originale Lords of the Fallen del 2014 è stato un flop. Ma Hexworks Games, fondata nel 2020, è composta da oltre 75 appassionati follower di software che hanno fatto tutto il possibile per farti dimenticare questo problema. La buona notizia: hanno avuto molto successo con questo riavvio. Il cattivo: devi sopportare alcuni inconvenienti.


Anime oscure IV?

Esteticamente, Lords of the Fallen, con il suo mondo cupo, gotico e pieno di creature, è sospettosamente vicino alla sua ispirazione. Infatti, se ci aveste detto in anticipo che avremmo ottenuto Dark Souls IV, vi avremmo creduto. Soprattutto perché l’interfaccia utente, i controlli e il modo sfocato di raccontare storie sembrano molto familiari ai veterani. No, Hexworks non era accurato, ma conosciamo tutti l’espressione: meglio rubare bene che inventare male.

Tuttavia, Lords of the Fallen ha sicuramente un volto. Con la cosiddetta Umbral Light come uno dei punti salienti. Il tuo guerriero autocostruito ha sempre una misteriosa lampada a olio attraverso la quale puoi sbirciare o addirittura tuffarti nell’Umbral, il terrificante regno dei morti, una sorta di strato sotto il “normale” mondo di gioco Axiom. Quando c’è un blocco nell’assioma, potrebbe esserci un passaggio nel cordone ombelicale. Ciò porta a enigmi ambientali interessanti, persino invisibili, che in particolare danno all’esplorazione – una parte fondamentale del gameplay di Soulslike – un grande impulso.

READ  colonna | Diventa più intelligente - NRC

Recensione di Lords of the Fall 3

frustrazione

D’altra parte, Lords of the Fallen è molto generoso con i suoi nemici straordinariamente aggressivi, quindi i momenti di pace tanto necessari sono quasi inesistenti. No, non ci aspetteremmo una tranquilla passeggiata nel parco da un gioco del genere, ma l’equilibrio qui è un po’ sbilanciato. Se giri un angolo, non sorprenderti se… beh, giri un angolo dopo un’altra imboscata da parte di un piccolo esercito di mostri. Quindi a volte può sorgere frustrazione, anche se hai due vite.

Fortunatamente, la varietà del gameplay e del combattimento – chiaramente il fulcro di un gioco Soulslike – compensa tutto ciò. Come al solito, le battaglie sono una sorta di danza ritmica fatta di colpi, rotolamenti e prese. A livello base, ogni colpo con una qualsiasi delle tante armi disponibili, non importa quale, ha un impatto. L’animazione sembra fluida e la maggior parte degli incontri sono soddisfacenti, a condizione che tu sopravviva, poiché saranno sicuramente difficili. Ciò è particolarmente vero per le battaglie contro i boss, spesso epiche. Anche se va anche detto: alla fine il livello scende un po’.

Recensione di Lords of the Fallen 4

Cortesia

Hexworks è felice di commercializzare Lords of the Fallen come “il primo gioco Soulslike di nuova generazione”, alimentato dal motore Unreal 5 incredibilmente potente. Sebbene terrificante, il mondo di gioco è sicuramente bello, ma ciò è compensato da prestazioni deludenti. Su PlayStation 5 abbiamo visto il frame rate balbettare abbastanza spesso, al punto da risultare piuttosto fastidioso. Fortunatamente, lo sviluppatore è diligente nell’effettuare aggiornamenti regolari e i miglioramenti sono già evidenti.

Non è così per la parte multiplayer. Chi ama mettere in mostra le proprie abilità di slicing o di magia contro un compagno di squadra dovrebbe tornare a Elden Ring, ad esempio, perché il PvP è estremamente deludente a causa di fastidiosi problemi di connettività. La modalità cooperativa funziona senza intoppi, anche se il progresso spetta esclusivamente al giocatore principale e il partner contattato deve accontentarsi di un magro premio di consolazione. Una strana scelta progettuale che non applaudiamo affatto.

READ  Queste sono davvero le 12 ore più belle del 2021

Nel caso non fosse chiaro: qui abbondano sentimenti contrastanti. Fortunatamente, il concetto è abbastanza chiaro e le critiche di cui sopra possono essere affrontate con qualche lavoro di intonacatura. Stai leggendo, Hexworks?