QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lunghe settimane lavorative hanno causato 745.000 vittime nel 2016

Lo studio di un team internazionale di ricercatori, tra cui il professor Lode Godderis di KU Leuven, ha rilevato che il rischio di ictus è del 35% più alto per coloro che lavorano 55 ore o più a settimana, rispetto a qualcuno che lavora da 35 a 40 ore. La possibilità di morire per un problema cardiaco è del 17% più alta.

L’Organizzazione mondiale della sanità e l’Organizzazione internazionale del lavoro stimano che nel 2016 398.000 persone siano morte per ictus e 347.000 per malattie cardiache a causa di lunghi orari di lavoro. Tra il 2000 e il 2016, il numero di decessi per malattie cardiache dovute a lunghe ore di lavoro è aumentato del 42% e il numero di ictus è aumentato del 19%.

Gli uomini sono principalmente colpiti: il 72% dei decessi registrati erano maschi. Anche le persone che vivono nel Pacifico occidentale, nel sud-est asiatico, di mezza età o più anziane hanno maggiori probabilità di avere un ictus o un problema cardiaco. La maggior parte dei decessi registrati ha coinvolto persone di età compresa tra 60 e 79 anni che hanno lavorato 55 ore o più a settimana tra i 45 ei 74 anni.

Il numero di persone che lavorano molte ore è in aumento. Attualmente, il 9% della popolazione totale del mondo lavora 55 ore o più ogni settimana. La tendenza al rialzo mette più persone a rischio di diventare disoccupati o di morire prematuramente.

READ  Contando i morti nelle favelas del Brasile: "come in guerra"