QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Måneskin @ Rock Werchter 2024: divertimento stupido

Måneskin @ Rock Werchter 2024: divertimento stupido

Måneskin @ Rock Werchter 2024: divertimento stupido

©CPU – Chris Stesens

L’annuncio dei Måneskin come headliner dei Rock Werchter è stato a dir poco una sorpresa. Perché ci sarà una band più grande che suonerà dopo gli italiani, giusto? Sottotitolo, ma non una vera conclusione? Da anni si sente un grido di rinnovamento e innovazione nella lineup, soprattutto quando si tratta di grandi nomi. E ora si scopre che le cose non vanno così bene per il veterano Werchtergoer. Tuttavia, il nostro tempo nella scena musicale ci ha insegnato ad essere aperti al cambiamento, perché alla fine c’è qualcosa da dire sulla scelta di chiudere un quartetto. Non solo Damiano David e il suo entourage sono molto popolari tra i giovani, ma i Maniskin semplicemente non sono più “quella band che ha vinto l’Eurovision Song Contest”. Lo dimostra il fatto che i biglietti per il secondo giorno del festival sono stati completamente esauriti nel mese di marzo.

Il fatto che circolino voci secondo cui i Måneskin si scioglieranno presto per un periodo indefinito ci ha fatto sospettare in anticipo che la band coglierà questa opportunità per conquistare il primo posto con entrambe le mani – ma anche con un sacco di campanelli e fischietti. Tuttavia, al Pinkpop è apparso chiaro che due ore erano troppe per gli italiani, quindi fortunatamente ieri si sono limitati a un’ora e mezza. Perfetto, come si è scoperto, perché la track list di quindici brani era composta quasi esclusivamente da successi, anche se alla fine va detto che Yesterday’s Devil era principalmente nella testa, mentre in coda si trattava principalmente di stupido divertimento.

©CPU – Chris Stesens

Ad ogni modo, Maniskin ha iniziato con una serie di deliziose patatine fritte in faccia. Non appena i membri si sono alzati uno dopo l’altro al suono di “I Don’t Wanna Sleep”, è stato subito chiaro che non solo gli italiani stavano presentando una produzione massiccia con pannelli luminosi mobili, ma anche i loro pantaloni erano pieni di entusiasmo. Le note confluiscono prepotenti in “GOSSIP”, seguita da “ZITTI E BUONI”, grande successo all’Eurovision Song Contest. In altre parole, il pubblico era ai suoi ordini e mangiava maliziosamente dalle mani di Damiano e dei membri della sua band. È stato subito evidente che, sebbene i Måneskin fossero cresciuti incredibilmente rapidamente in breve tempo, la sua presenza scenica sembrava incredibilmente naturale e comprensiva. Camminare un po’ avanti e indietro portava sempre alle mani in aria.

READ  Mariah Carey accenna a una collaborazione con la star di 'Stranger Things' Millie Bobby Brown | Gente famosa

Alla fine i successi continuavano ad arrivare: con “HONY (ARE YOU COMING)” il cantante è rimasto chiaramente colpito dalla grandezza del pubblico, la maggior parte del quale ha catturato anche con “SUPERMODEL”. Mi sentivo come se la fase successiva del gruppo fosse iniziata. “GASOLINE” suonava più cupa di qualsiasi altra cosa prima e con “Beggin’” la cover finalmente si è insinuata nel set. Il che alla fine ci porta al grande lato negativo della serata: i Måneskin ora avevano canzoni che avrebbero dovuto superare l’accusa di essere una cover band, ma avevano grandi difficoltà a svolgere quel ruolo. Ad esempio, “For Your Love” è stata prolungata da diversi assoli di chitarra e Damiano, come Warhouse, ha messo sotto i riflettori i suoi compagni di band con una lampada, mentre poco dopo ha eseguito un assolo di basso e uno di batteria per rallentare completamente lo slancio. .

©CPU – Chris Stesens

Bene, nel mezzo abbiamo avuto un successo con “I Wanna Be Your Slave”, con un sit-down, ma perché la stessa canzone dovesse essere eseguita di nuovo esattamente nello stesso modo alla fine… rimane un mistero noi. Non ha aiutato il fatto che le canzoni non migliorassero. La canzone “MAMMAMIA” è diventata particolarmente memorabile per una parte del pubblico perché l’attaccante si è tolto la maglietta, e “IN NOME DEL PADRE” è sprofondata nella monotonia. Beh, potrebbe essere davvero bello far parte dei “KOOL KIDS” sul palco come fan, ma alla fine questa era solo una versione debole di IDLES, che suoneremo qui più tardi.

Giovedì è emersa anche una foto del chitarrista Thomas Raggi con Lenny Kravitz e i membri dei Greta Van Fleet, che sembrava volesse portare il meglio di entrambi i mondi sul palco dei Måneskin. Il risultato è stato un assolo di chitarra di quasi dieci minuti che ha spinto parte del pubblico a lasciare il prato, ma “THE LONELIEST” in sé alla fine non ha toccato le emozioni che avrebbe dovuto suscitare.

©CPU – Chris Stesens

In breve, Maniskin ha sparato molta polvere da sparo all’inizio del suo set. Gli italiani hanno brillato attraverso il Werchter per 45 minuti, ma da soli hanno distrutto il gruppo. Dopotutto, Manskin merita di essere l’headliner di un festival come Rock Werchter? Ieri lo ha dimostrato, anche se l’offerta non è necessariamente per tutti. Dal divertimento impressionante al divertimento stupido: la band ha aperto con rabbia, ma alla fine è sprofondata troppo nel proprio mondo, anche se gran parte del pubblico non lo ha permesso. In ogni caso, il fatto che gli italiani abbiano semplicemente posto fine al fatto di essere ridicolizzati merita credito nel cappello da cowboy di Damiano.

READ  Amici famosi vanno allo spettacolo teatrale Eric Van Looy: "Ci sono già 60 nuovi spettacoli in programma per il 2023" | Spettacolo

Ti piacciono le foto? A noi Instagram C’è molto di più!

Potete leggere la nostra recensione della seconda giornata del festival qui.
Puoi leggere tutte le nostre recensioni su Rock Werchter 2024 qui

Fai la lista:

non voglio dormire
pettegolezzo
Bonnie oleosa
Caro (vieni?)
Top model
benzina
L’inizio (copertina di Le quattro stagioni)
Per il tuo amore
Voglio essere il tuo schiavo
mamma mia
Nel Nome del Padre
Bla bla bla
Grandi ragazzi

Il più solitario
Voglio essere il tuo schiavo