QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Meccanici in Italia: ‘Lavoriamo fino a mezzanotte’

Meccanici in Italia: ‘Lavoriamo fino a mezzanotte’

Quattro meccanici di Eindhoven non sopportavano più le immagini dei passeggeri bloccati in Italia. Il maltempo ha distrutto molte auto, roulotte e tende. Gli uomini hanno deciso di caricare la nuova auto su un furgone con finestrini in vetro e di attraversarla. “La gente ci ha chiamato per disperazione.”

Gli uomini sono partiti sabato pomeriggio. La notte successiva arrivarono a Lasis, in Italia. Vadim Sipilevsky, proprietario della MGS Autoglas di Eindhoven, ha dichiarato: “Siamo arrivati ​​alle cinque e mezza e abbiamo iniziato a preparare la prima macchina alle nove. Alle sei di domenica sera avevano già cambiato tredici vetri per auto. “Continueremo fino a mezzanotte. Vogliamo aiutare quante più persone possibile affinché possano tornare a casa.”

La comproprietaria Yvonne Sipilewski è rimasta nei Paesi Bassi per costruire rapporti con i clienti e mantenere l’attività in funzione. “Quando abbiamo sentito le segnalazioni di maltempo, abbiamo sentito che dovevamo fare qualcosa”, dice. “Abbiamo già ricevuto alcune chiamate da persone bloccate in Italia.”

“La gente vuole tornare a casa il più velocemente possibile.”

L’azienda ha lanciato un appello su Facebook chiedendo ai passeggeri interessati se avessero bisogno di nuovi finestrini per l’auto. “Il nostro telefono e la nostra posta elettronica sono esplosi”, afferma Yvonne. “Non volevamo intraprendere questa strada solo per tre finestre, ma nel giro di un’ora avevamo già fissato venti appuntamenti. Tutti erano alla disperata ricerca di un modo per far riparare la propria auto.”

I tecnici hanno effettuato complessivamente più di cinquanta appuntamenti a Lazise e Peschiera. “Avevo fatto crescere uomini in fila che erano più vicini al pianto che al riso. È stato intenso”, dice Yvonne.

READ  Il sistema Zero cambia percorso all'ultimo livello di montagna ...

“Alcuni viaggiatori sono vestiti di sacco e di cenere.”

Sabato gli uomini hanno montato gli specchietti retrovisori delle auto su due autobus. Tutti i clienti annotavano quale macchina avevano e sapevano quali finestrini togliere. “Hanno anche aperto alcune finestre di emergenza in modo da poter aiutare altre persone lì.”

Tutti e quattro completano tutti gli appuntamenti in quattro giorni. “Domani saranno in un accampamento dove tutte le macchine si mettono in fila. Questo è il modo più veloce per cambiare i finestrini. Alcuni passeggeri sono in tasca e vogliono tornare a casa velocemente.” Sperano che i tecnici tornino a casa entro la fine di mercoledì.

Per saperne di più:

Bart bloccato in Italia con la famiglia: ‘auto distrutta dalla grandine’

Vacanzieri colpiti dalla grandine in Italia: “Tutte le finestre sono chiuse”