QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Mentre cresce la carenza di medici generici, c’è un surplus in altre specialità mediche.  Qui sta parte della soluzione

Mentre cresce la carenza di medici generici, c’è un surplus in altre specialità mediche. Qui sta parte della soluzione

Bart Eckott è il commentatore principale.

Bart Ecot

Ci sono alcune sorprendenti somiglianze tra la carenza di insegnanti e la carenza di medici. Quest’ultima riceve meno attenzione della prima, anche se la carenza di medici, e certamente anche di medici generici, non è affatto una novità. Porta a tempi di inattività del paziente e liste di attesa talvolta pericolosamente lunghe per alcuni trattamenti. L’afflusso di medici provenienti da altri paesi non ha potuto compensare la carenza.

La prima analogia con la carenza di insegnanti risiede nella fonte demografica del problema. Nell’istruzione, la carenza è stata storicamente dovuta all’invecchiamento della facoltà, che è in conflitto con l’avanzamento di gruppi più ampi di studenti. L’invecchiamento della popolazione e l’afflusso della professione stanno aumentando anche nella pratica del medico. Lì è in contrasto con la popolazione che sta anche invecchiando e quindi avrà bisogno in media di più cure. I medici più giovani, spesso donne, hanno una visione diversa e più equilibrata dell’equilibrio tra lavoro e vita privata, il che significa che lavorano meno.

Ciò che è frustrante è che il governo ha risposto così tardi sia ai fenomeni attesi che a quelli pienamente attesi. Troppo tardi. Da moltissimo tempo sono state fissate quote abbastanza ristrette per chi vuole studiare medicina o per chi vuole lavorare come medico. Solo ora il ministro fiammingo dell’Istruzione Ben Wits (Northern Virginia) e il ministro federale della Sanità Frank Vandenbroek (Voruet) hanno aperto un po’ di più le porte nel loro campo. Sentiremo l’effetto di questi interventi solo tra qualche anno. Troppo tardi, di nuovo.

READ  Solo ora diventa chiaro quanto sia profondo il buco del debito dietro l'azienda di moda della baronessa morta

Un’altra somiglianza tra la carenza di insegnanti e medici è nella visione mutevole della società di entrambe le professioni. Proprio come un “maestro” o un “insegnante”, anche il medico ha perso molto status nella società. Questo fa la differenza nell’attrattiva della professione. Inoltre, sia l’insegnante che il medico, in quanto interlocutori di prim’ordine per molte persone, spesso affrontano cambiamenti sociali o, in senso stretto, problemi che esulano dal loro campo di competenza e richiedono molto tempo di lavoro.

Come per l’insegnante, anche per il medico va fatta una rivalutazione. Un nuovo accordo del ministro Vandenbroek offre un vantaggio, anche se arriva un po’ in ritardo. Ma anche la stessa educazione medica offre parte della soluzione. Perché mentre cresce la carenza di medici generici e di alcune altre specialità, sembra esserci un surplus in altre specialità. Così la domanda e l’offerta possono essere abbinate meglio. Ma – ed è un punto dolente – il divario crescente nelle aspettative retributive per i medici di base e alcune specialità deve essere in una certa misura colmato.

È sicuramente meglio dell’idea apparentemente semplice di eliminare tutte le classi per aspiranti medici. Perché ciò può avere lo sfortunato effetto collaterale dell’eccessivo consumo di medicinali, facendo così deragliare i già crescenti costi sanitari.