QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Niente più radiazioni dopo il cancro al seno a basso rischio?

Niente più radiazioni dopo il cancro al seno a basso rischio?

Le donne che si sottopongono a un intervento di chirurgia conservativa del seno spesso ricevono la radioterapia per ridurre la possibilità che il tumore si ripresenti. Tuttavia, la radioterapia è complessa, costosa e presenta effetti collaterali a breve e lungo termine. Quindi i ricercatori volevano sapere se una combinazione di due fattori – rischio clinicamente basso (≥ 55 anni, T1N0, grado 1 o 2) e cancro al seno luminale di sottotipo A – conferisse un rischio inferiore di recidiva nelle donne che erano state trattate anche con ormoni postoperatori. . trattare. Quindi la radioterapia non sarà necessaria.

I canadesi hanno condotto un’analisi retrospettiva di uno studio precedente in cui le donne sottoposte a chirurgia conservativa del seno e che avevano ricevuto tamoxifene erano state randomizzate a ricevere o meno la radioterapia. Ora hanno analizzato il rischio di recidiva solo in quest’ultimo gruppo (N inglese J Med. 2023;389:612-9). I partecipanti erano donne con dimensioni del tumore ≥ 2 cm, ER positive (≥ 1%), PR positive (> 20%) e HER2 negative. I ricercatori hanno considerato accettabile un tasso di recidiva <5%. I ricercatori non erano interessati alla differenza nella strategia di trattamento, ma alla prognosi delle donne con questo tipo di cancro al seno.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 500 donne con un’età media di 67,1 anni. Il tasso di recidiva è stato del 2,3% (intervallo di confidenza al 90%: 1,3-2,8).

“In questo articolo mostrano che l’omissione della radioterapia dopo un intervento chirurgico conservativo del seno non porta ad un aumento del rischio di recidiva nelle pazienti di età superiore a 55 anni con tumori mammari piccoli e di basso grado sensibili agli ormoni”, ha concluso l’oncologa chirurgica Susan van der Velde. (Amsterdam (UMC) quando richiesto. “È uno studio interessante e si adatta bene alla politica palliativa seguita da anni per il trattamento del cancro al seno.”

READ  La studentessa di medicina Quinn ha una base sulla salute mentale: "È nata dalla propria esperienza" | Sistema operativo

Van der Velde sottolinea che ci sono alcune sottili differenze con la situazione olandese. “Ad esempio, in genere non diamo a queste donne la terapia antiormonale quotidiana con tamoxifene che hanno ricevuto tutti i pazienti dello studio. Quindi la questione pratica è se sceglieresti un lungo ciclo di terapia farmacologica piuttosto che cinque dosi di radiazioni. Abbiamo anche chiamare i tumori ER+ solo se più del 10% dei recettori sono positivi, ovvero sull’1% nello studio. Ciò porterebbe anche a una maggiore terapia ormonale. Esistono anche studi che mostrano un rischio di recidiva più elevato di quanto riportato qui. Ad esempio, lo studio PRIME ha mostrato -II dal Regno Unito con quasi lo stesso gruppo di pazienti con 10 anni di follow-up che presentavano un rischio di recidiva locale del 10% senza radioterapia e dell’1% con radioterapia dopo intervento di chirurgia conservativa del seno. attendere i dati dello studio olandese TOP-1. Nelle donne di età superiore ai 70 anni dopo un intervento di chirurgia conservativa la radioterapia viene omessa. Inoltre, nei Paesi Bassi stiamo conducendo una ricerca su questo gruppo di pazienti per verificare se una singola radioterapia prima l’intervento chirurgico è sufficiente, perché studi precedenti hanno dimostrato che in circa il 40% dei pazienti il ​​tumore scompare a seguito dell’irradiazione. Quindi questi sono risultati interessanti, che offrono alle pazienti con cancro al seno in stadio basso maggiori opzioni di trattamento.