QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Non esiste ancora una buona cura contro l’epatite B

L'epatite B si trasmette attraverso il contatto sangue-sangue e il contatto sessuale

Erasmus MC conduce numerosi studi nazionali (internazionali) sull'epatite D, una rara forma di epatite virale. L'obiettivo è identificare il più rapidamente possibile tutti i pazienti affetti da epatite D, per conoscere meglio questa malattia rara. Pertanto i pazienti dovrebbero poter ricevere le migliori cure.

Il ricercatore medico Leslie Patmore ne ha già dozzine nel mirino. “È importante raccogliere quante più informazioni possibili per stimare il rischio di insufficienza epatica e di cancro al fegato per ciascun paziente. Questo rischio è molto più elevato con l'epatite D che con l'epatite B o C. Inoltre, siamo sul punto di una rivoluzione: sembra che siano disponibili buone cure.” finalmente!

Sul retro
L'epatite D è una condizione speciale, afferma Patmore, che sta conducendo lo studio con il medico della MLD Milan Sonnefeld. “È un piccolo virus che non può entrare nelle cellule del fegato umano a meno che non siano attaccate al virus dell’epatite B”. Pertanto, le persone vaccinate contro l’epatite B non possono contrarre l’epatite D. Le persone con l’epatite D contraggono quasi sempre anche l’epatite B.

La malattia è stata identificata per la prima volta nel 1977 come malattia virale contagiosa a pieno titolo, sebbene richieda che la sua sorella B entri nel corpo umano. “Ora esiste un trattamento efficace per l'epatite cronica B, ma spesso non è possibile eliminare completamente il virus. Il trattamento previene l'epatite e riduce il rischio di insufficienza epatica e cancro al fegato. Sfortunatamente, i farmaci per l'epatite B non funzionano bene contro l'epatite D. Quindi se hai anche l’epatite D, continuerai a contrarre l’epatite.

READ  Il Centers for Disease Control and Prevention afferma che il numero di casi di vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti è raddoppiato nell'ultima settimana a 20.

Problemi di coagulazione
Le conseguenze di contrarre l'epatite D non sono piacevoli: l'epatite provoca cicatrici sul fegato o cirrosi e di conseguenza non funziona più correttamente. I pazienti sviluppano insufficienza epatica, che si manifesta con affaticamento, problemi di coagulazione del sangue, ritenzione di liquidi nell'addome, confusione e varici esofagee.

Le persone con epatite D hanno anche un alto rischio di sviluppare il cancro al fegato. “Sulla base dei primi dati olandesi, sembra che la metà dei pazienti affetti da epatite D abbia sviluppato un cancro al fegato entro 10 anni dalla diagnosi, abbia richiesto un trapianto di fegato o sia morto per insufficienza epatica.” Per questo motivo ritengo sia importante che i medici di medicina generale, i gastroenterologi e gli internisti effettuino test anche per l'epatite B sui pazienti per verificare la presenza di D. L'epatite D può non causare alcun sintomo, ma può causare danni inosservati al fegato.

Effetti collaterali
Nei Paesi Bassi non si può ancora fare molto contro l’epatite D. Il trattamento con peginterferone aiuta solo una percentuale molto piccola di pazienti e ha molti effetti collaterali. Ma una speranza c'è: all'Erasmus Medical Center è possibile curarsi con farmaci sperimentali. C'è anche un nuovo medicinale che è stato approvato per l'uso in Europa e speriamo che diventi presto disponibile anche nei Paesi Bassi.

Quindi diamo il benvenuto ai pazienti con epatite D. “Recentemente è stata emanata una nuova linea guida europea che raccomanda che tutti i pazienti con epatite cronica C debbano essere testati almeno una volta per la co-infezione da epatite. Quindi spero che internisti e medici di base facciano questo. Pazienti può farlo anche tu.” Chiedere al proprio medico curante di effettuare un test, perché le opzioni terapeutiche cominciano ad apparire!

READ  Primo caso confermato di vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti, dozzine di casi sospetti in Canada

A proposito di epatite B e D
L'epatite B si trasmette attraverso il contatto sangue-sangue e il contatto sessuale. La madre può trasmettere la malattia infettiva al bambino anche durante il parto. L’epatite D si diffonde allo stesso modo. Queste malattie sono particolarmente diffuse nei paesi che circondano il Mediterraneo, il Medio Oriente, l’Asia centrale, l’Africa e l’Europa orientale.

La vaccinazione contro il virus dell’epatite B fa ora parte del programma di vaccinazione nazionale e molte persone sono state vaccinate a causa della loro posizione nel settore sanitario o perché devono affrontare lunghi viaggi. L'epatite B – e quindi anche l'epatite D – si manifesta soprattutto nei Paesi Bassi tra gli immigrati (lavoratori). I richiedenti asilo vengono ora sottoposti a screening per l’epatite B.

Circa il 2% dei pazienti affetti da epatite B ha anche un’infezione da epatite D. L’infezione di entrambi i tipi può verificarsi contemporaneamente. Ma è anche possibile che un malato di epatite B venga infettato successivamente dal virus D.

fonte: Erasmo MC


Tag per questo articolo: