QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nuove forti prove che Venere è ancora vulcanicamente attiva

Nuove forti prove che Venere è ancora vulcanicamente attiva

Una foto del febbraio 1991 mostrava l’apertura come una struttura circolare di circa 1,6 miglia quadrate nell’area. Nell’immagine dell’ottobre 1991, l’apertura è di forma irregolare e misura circa 3,9 chilometri quadrati.

Inoltre, nella foto successiva, i lati del buco erano poco profondi e il buco era riempito quasi fino all’orlo. I ricercatori ritengono che negli otto mesi tra le due immagini si sia formato un lago di lava nella bocca. Se quella lava fosse ancora liquida o raffreddata e solidificata, non lo sapevano.

“Quello che possiamo mostrare indiscutibilmente è che uno sfiato si è allargato e sembra essere passato da conico e profondo centinaia di piedi a un piatto interno quasi riempito dall’interno”, ha detto Herrick.

“La nostra interpretazione è che ci sia stato un nuovo deflusso di magma in una camera sotto la bocca, e questo ha creato una caldera più ampia e irregolare che conteneva ancora un lago di lava attivo quando è stata scattata la seconda immagine”, ha detto Herrick. Una caldera è una grande cavità che si forma quando un vulcano erutta e collassa.

“Sebbene sia possibile che il collasso della bocca non sia stato associato al vulcanismo attivo, un collasso di questa portata sulla Terra è solitamente associato a qualche forma di movimento del magma, quindi pensiamo che sia probabilmente il caso anche qui. Il caso”, ha detto Scott Hensley, scienziato, ricercatore presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, specializzato in immagini radar ed è il secondo autore del nuovo studio.

READ  Apple condivide un aggiornamento di emergenza a causa di una falla di sicurezza su Mac, iPad e iPhone