QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ostaggi di Hamas per 98 giorni: La soluzione è fuori portata per Leri, Karina, Daniela e Ajam |  Il conflitto israelo-palestinese

Ostaggi di Hamas per 98 giorni: La soluzione è fuori portata per Leri, Karina, Daniela e Ajam | Il conflitto israelo-palestinese

La paura della morte si legge sui loro volti. Queste giovani donne sono ostaggio di Hamas da quasi 100 giorni. Liri Albag (18 anni), Karina Arif (19 anni), Daniela Gilboa (19 anni) e Agam Berger (19 anni) facevano parte dell'esercito israeliano e quindi sono considerati a tutti gli effetti “prigionieri di guerra”. La soluzione per loro è più lontana che mai. Il Daily Mail ha parlato con i loro genitori sbalorditi. “Immagina se tua figlia fosse quella che è finita nelle loro grinfie. Quali scenari catastrofici potresti avere in mente?”

Le ragazze sono state rapite con la forza dal loro campo a Nahal Oz durante il sanguinoso raid lanciato da Hamas il 7 ottobre. Poche ore dopo sono emerse immagini video inquietanti: tutti e quattro erano seduti contro un muro con le mani legate dietro la schiena. Anche Arif e Berger hanno ricevuto duri colpi, come testimonia il sangue sui loro volti. Da allora non c’è stato alcun segno di vita da parte loro.

Aspetto. Questo è quello che è successo il 7 ottobre

Le giovani donne erano di vedetta al confine con la Striscia di Gaza. La loro missione era denunciare le azioni sospette di Hamas ai loro superiori il più rapidamente possibile. Naturalmente non avevano scelta nemmeno contro le centinaia di combattenti armati.

Karina Arif, 19 anni, è riuscita ancora a contattare i suoi genitori durante il raid di Hamas. Li ha esortati a continuare con le loro vite, qualunque cosa le fosse accaduta. ©RV

Dopo diversi scambi di prigionieri, Hamas detiene ancora 136 ostaggi, tra cui 14 donne. Ora che Israele ha ucciso Saleh Al-Arouri, il numero due dell'organizzazione terroristica, sembra che ogni speranza nel loro rilascio sia andata perduta.

READ  La Slovacchia invia 13 aerei da combattimento in Ucraina, ma la Russia non ne risente: "Tutti questi aerei saranno distrutti"

Il Quartetto è ben consapevole che la pupilla dei loro occhi verrà trattata più duramente dei cittadini comuni. “Immagina se tua figlia fosse quella che è finita nelle loro grinfie. Quali scenari di disastro hai in mente?”, dice la madre di Gilboa. “Abbiamo visto tutti cosa hanno fatto il 7 ottobre. Se tutto ciò fosse stato possibile in un periodo di tempo così breve, non oso immaginare cosa abbia dovuto sopportare finora mia figlia.

Leri Albag ha intenzione di viaggiare in tutto il mondo.
Leri Albag ha intenzione di viaggiare in tutto il mondo. ©RV

Anche il padre di Albag ha una visione negativa. “Immagina di non comunicare con tua figlia per un giorno, sapendo che è nelle mani sbagliate. Ora siamo a 98 giorni. Questo ci sta uccidendo, ogni minuto sembra un'ora.”

I genitori si cercano reciprocamente sostegno. La madre di Albag aggiunge: “Parliamo e piangiamo spesso insieme e ci capiamo”.

Ajam Berger maneggia bene il violino.
Ajam Berger maneggia bene il violino. ©RV

Nel frattempo, sempre più storie dell’orrore emergono dai sopravvissuti. “Naturalmente riceviamo anche tutte queste terribili testimonianze di violenza sessuale. Come padre non puoi immaginarlo. “Ha lasciato la nostra famiglia distrutta”, ha detto il padre di Berger.

La madre di Arif era così emozionata che non riusciva a parlare. Suor Sasha ha parlato al suo posto. “Qui è tutta una miseria. Mia madre è in una situazione terribile e non ha idea di come aiutare Karina.

Daniela Gilboa sognava di diventare una cantante.
Daniela Gilboa sognava di diventare una cantante. ©RV

Chen Goldstein-Almog, 49 anni, è stata rilasciata dopo 51 giorni, insieme alla figlia Agam, 17 anni, e ai figli Gal, 11, e Tal, 9. Ha parlato con alcune ragazze mentre lei stessa era detenuta in un appartamento a Gaza. “Hanno più o meno la stessa età di mia figlia e li ho abbracciati forte.”

READ  1.428 delfini sono stati uccisi in nome della tradizione nelle Isole Faroe | gli animali

Alcune vittime hanno trascorso quasi tutto questo tempo da sole. “Se avessero pianto, i loro rapitori li avrebbero confortati”, ha testimoniato Goldstein-Almog. Sono stati accarezzati e toccati in modo inappropriato, il che è pura aggressione. Anche la violenza sessuale – sotto la minaccia delle armi – era comune”.

Chen Goldstein-Almog è stata rilasciata dopo 51 giorni, insieme alla figlia e ai due figli.  La sua seconda figlia non è stata rapita.
Chen Goldstein-Almog è stata rilasciata dopo 51 giorni, insieme alla figlia e ai due figli. La sua seconda figlia non è stata rapita. ©Reuters

“Alcune ragazze hanno riportato ferite gravi, tra cui ferite da arma da fuoco e hanno perso gli arti. Tuttavia, non hanno ricevuto cure mediche adeguate. Mi hanno detto che potevano convivere con la loro disabilità, ma non con il fatto di subire costantemente abusi.

La donna ammira il coraggio delle quattro giovani donne citate. “Sono forti e non hanno ancora perso la speranza. Tuttavia, quando ho dovuto lasciarli, erano sul filo del rasoio. Hanno bisogno di essere rilasciati. Ogni giorno che devono restare lì è troppo.