QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Perché alcune persone sembrano immuni al COVID-19?

Perché alcune persone sembrano immuni al COVID-19?

Le persone che non si ammalano di infezione da SARS-CoV-2 hanno risposte cellulari diverse dopo la prima esposizione al virus, rispetto alle persone che si ammalano. Ciò potrebbe spiegare perché alcune persone ottengono l’immunità al coronavirus anche se non sono vaccinate.

Gli scienziati hanno fatto quello che viene chiamato sfidaUno studio su persone esposte intenzionalmente al coronavirus. Di conseguenza, ora comprendiamo meglio perché alcune persone sembrano immuni al COVID-19. La ricerca è stata condotta nel 2021 da un gruppo di ricercatori che ora hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista scientifica natura.

SARS-CoV-2

Sedici soggetti hanno partecipato allo studio. Non avevano problemi di salute, non erano risultati positivi al SARS-CoV-2 e non erano stati vaccinati contro il virus. Per eseguire il test, i ricercatori hanno prelevato campioni nasali e di sangue dai soggetti del test. Hanno quindi iniettato nel naso la versione originale del virus SARS-CoV-2.

Leggi anche

File: Il segreto dell’uomo

Il nostro corpo contiene molti segreti. Esaminiamo quelli più sorprendenti e discutiamo le intuizioni speciali a cui portano.

Entro 28 giorni dall’esposizione al virus, il gruppo di ricerca ha prelevato da sei a sette ulteriori campioni nasali e di sangue dai soggetti del test. In totale, i ricercatori hanno analizzato più di 600.000 cellule del sangue e del naso di tutti i soggetti del test messi insieme. I soggetti del test dovevano anche sottoporsi al test SARS-CoV-2 due volte al giorno.

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi, dice il membro del team e biologo Sarah Tishman Dal Cambridge Stem Cell Institute nel Regno Unito. In un gruppo, sei persone sono risultate positive ad entrambi i test giornalieri per più di due giorni. Presentavano anche sintomi di Covid-19. In un altro gruppo, tre partecipanti sono risultati positivi in ​​uno dei test due volte al giorno per due giorni, ma non negli altri. Non presentavano sintomi di Covid-19. Nel gruppo finale, sette persone sono risultate costantemente negative al coronavirus.

Interferone

I ricercatori hanno esaminato tra l’altro la presenza dei cosiddetti interferoni nei campioni nasali e di sangue. L’interferone è una proteina che aiuta il sistema immunitario a combattere le infezioni. È stato scoperto che le persone dei gruppi due e tre producevano interferone nel sangue prima che fosse prodotto nel rinofaringe, dove venivano raccolti campioni nasali. Quando la risposta all’interferone si è verificata nel rinofaringe, è stata più forte nei soggetti del secondo gruppo rispetto al terzo gruppo, afferma Teichman. Questi gruppi inoltre non presentavano infezioni attive nelle cellule T e nei macrofagi, entrambe cellule immunitarie, afferma il membro del team e pneumologo. Marko Nicolic Dall’University College di Londra.

I risultati suggeriscono che alti livelli di attività di un gene del sistema immunitario chiamato HLA-DQA2 prima dell’esposizione a SARS-CoV-2 hanno contribuito a prevenire l’infezione a lungo termine.

Vaccini

Nikolic afferma: Speriamo che questi risultati portino a una migliore comprensione delle risposte cellulari che proteggono dal Covid-19. Ciò potrebbe aiutare nello sviluppo di vaccini e trattamenti.

Questo studio è una fonte unica di conoscenza sui partecipanti che non erano stati precedentemente infettati da SARS-CoV-2 grazie alla sua progettazione attentamente controllata e alla conoscenza del momento preciso in cui si è verificata l’infezione, al fine di misurare le risposte immunitarie. “Che segue, segue”, dice il biologo. Josè Ordovas Montanes Dall’Harvard Stem Cell Institute nel Massachusetts.

Tuttavia, la maggior parte delle persone è stata ora esposta a un “vero mosaico di varianti SARS-CoV-2”, non solo alla variante originale utilizzata in questo studio. Dice che i risultati potrebbero quindi non riflettere le risposte cellulari che si stanno verificando ora al di fuori di questo studio.

READ  Allergia: la reazione dopo il primo ictus del virus corona spesso non è allergica