QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Perché i bambini non ascoltano?  Ecco 8 motivi!

Perché i bambini non ascoltano? Ecco 8 motivi!

Quando diventi padre o madre, ti assumi la responsabilità di crescere un figlio. Questo è un fatto. Allevare un figlio a volte può essere difficile o confondere. A volte non sai da dove cominciare. Soprattutto quando i tuoi figli non ascolteranno più.

Se hai ottime mele di ascolto, puoi smettere di leggere ora. Non hai bisogno di questo oggetto, lo fai perfettamente!

Ma ti chiedi regolarmente perché i bambini non ascoltano e hai mai condannato una o più delle seguenti affermazioni nei confronti dei tuoi figli? (Non sto parlando del ragazzo per un momento).

– “Quante volte devo dirlo?”

– “Ciao, qualcuno mi sente? Sto parlando con il muro?”

– “Perché non ascolti?”

– “Non hai sentito quello che sto dicendo?”

Allora sei del tutto normale! Insegnare ai bambini ad ascoltare sembra una battaglia senza fine e chiedersi: “Lo sto facendo bene?” E anche se stai andando alla grande, c’è probabilmente un motivo per cui i tuoi figli non ti ascoltano. Ci sono esperti che dicono quanto segue.

Perché i bambini non ascoltano?

1. Tu stesso non ascolti il ​​contatore. Quando tuo figlio ti dice qualcosa, ascolti davvero? O stai guardando il tuo telefono nel frattempo? Non è facile ascoltare le infinite e spesso noiose storie su Dino e altri argomenti monotoni che tuo figlio inventa. Ma devi renderti conto che le tue storie sono noiose per loro. Questo potrebbe essere il motivo per cui i bambini non ascoltano.

2. Inizia le tue frasi con “tu”, “se” o “perché”. Se inizi la frase con una di queste parole, tuo figlio è sordo dell’India orientale. Non hanno interesse per ciò che hai da dire e ciò potrebbe essere dovuto a questo:

  • Può essere considerato offensivo iniziare una frase con il pronome “tu”. “Non fare quello che dico!” (Si sente già attaccato perché tutti i punti iniziano con “tu”?)
  • Iniziare un’affermazione con “se” può essere visto come una minaccia o un ricatto. “Se non fai quello che dico adesso, allora…”
  • Quando inizi un’affermazione con “perché” (“Perché non mi ascolti?”), Ti aspetti una risposta, spesso senza speranza, perché il bambino non può e non vuole affatto spiegare il suo comportamento.
READ  Il calo globale delle risorse disponibili per combattere la tubercolosi

3. Inizi a parlare senza che nessuno presti attenzione. Potrebbero sentirti, ma ignorarti per un po ‘perché non eri chiaro con chi stavi parlando esattamente. Se vuoi che tuo figlio ascolti, attira prima la sua attenzione. Come farlo varia in base al livello di età. Con i bambini piccoli, devi prima cercare il contatto visivo e con i bambini più grandi, è sufficiente pronunciare il suo nome. Ma aspetta la conferma prima di far saltare in aria il resto.

4. Non parli, gridi. La maggior parte dei genitori arrabbiati viene spesso soffocata da forti urla. Ma più forte urli, più silenziosi diventano gli auricolari dei tuoi figli. Quindi il consiglio è: parla più piano, non più forte. Vorrei aggiungere me stesso: con una voce molto spaventosa. Ma penso che gli esperti non siano d’accordo.

5. Parli troppo. Sarà questo il motivo per cui i bambini non ascoltano? Comunque, questo è il motivo per cui il tizio si chiude regolarmente.

Prova a fare quello che vuoi dire entro 10 secondi. Dal momento che potresti finalmente essere in grado di attirare l’attenzione di tuo figlio, anche lui se ne andrà in men che non si dica.

6. Fai troppe richieste. Prova a fare una domanda invece di una richiesta. Un buon consiglio, ma il pericolo che ne deriva è che ti viene data anche una scelta. “Vuoi finire il tuo piatto adesso?” Dai anche a tuo figlio l’opportunità di rispondere “no”. Ma hey, ti ha ascoltato! Ed è di questo che tratta questo articolo, giusto?

7. Vuoi attenzione nel momento sbagliato, che è un altro motivo per cui i bambini non ascoltano. Quando tuo figlio è impegnato con qualcosa, è logico che non voglia essere disturbato. Per prima cosa controlla cosa sta facendo tuo figlio prima di chiedere attenzione. Dopotutto, vuoi che facciano lo stesso per te.

READ  Colonna: l'esclusione basata sullo stato di vaccinazione è moralmente riprovevole

8. Non dai chiare conseguenze. Puoi tranquillamente attribuire conseguenze a determinate azioni, purché non inizi la frase con un “se”.
Non: “Se non mangi il tuo cibo adesso, non puoi guardare la TV”.
Bene: “Capisco che vuoi guardare la TV, ma prima devi mangiare”.

Il risultato è chiaro. E se vuoi che i tuoi figli ti ascoltino, devi anche essere coerente. Ma questo non vale certo per lo slogan “Sempre conflitto è anche coerente?

Potrei non essere un esperto, ma ho anche un’idea del perché i bambini non ascoltano. Forse i tuoi figli sono solo un mucchio di cretini? Sì, questo è probabilmente il motivo principale. Tuo figlio è un idiota!


Immagine: shutterstock
2018/2023