QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pim Rönnhaar non si aspetta di poter aiutare Van der Poel: “Non c'è coda per chiedere aiuto”

Pim Rönnhaar non si aspetta di poter aiutare Van der Poel: “Non c'è coda per chiedere aiuto”

Zeiger Shekin


Domenica 4 febbraio 2024 alle 8:30

colloquio Domenica Pim Rönehaar correrà per il suo secondo campionato del mondo maschile d'élite. L'anno scorso è arrivato solo 16° a Hoogerheide, e ora spera – giustamente – di fare ancora di più a Tabor. “Cercherò di ottenere il massimo. Se questo è il quinto posto, ne sono soddisfatto”, dice Ronhaar in una conversazione con lui. Ciclismo.

Il giovane olandese ha avuto una buona stagione. Ha vinto due gare di Coppa del Mondo, è salito sul podio altre tre volte in Coppa del Mondo ed è diventato vice-campione dei Paesi Bassi. Questo lo rende uno dei favoriti delle World Series a Tabor.


Ascolta anche il podcast quotidiano della Coppa del Mondo di Tabor:


Sono andato ad allenarmi per un terzo posto a Hoogerheide. Come andrebbe?
“Bene. Ti sei allenato molto e il tempo era bello. Quando torni a casa e il tempo è brutto, capisci perché sei andato in Spagna. Sono stati dieci giorni buoni con Lars van der Haar, Joris Nieuwenhuis e David Havertings. Abbiamo lavorato tante ore, era anche l'ultimo minuto della stagione quando era ancora possibile, abbiamo anche fatto dei blocchi più intensi, cosa che di solito è difficile da fare durante la settimana.

Devi ancora recuperare prima del Mondiale?
“No, in realtà non è poi così male. Tutto quello che fai in allenamento è allenarti per quattro ore al giorno. Stai a letto per il resto della giornata. Quindi puoi recuperare abbastanza bene.”

Cosa farai la settimana prima dei Mondiali?
“Non molto in realtà. Fondamentalmente cerco di essere il più rilassato possibile. Eviterò anche il contatto con luoghi affollati e cose del genere. Perché sì, c'è il rischio di ammalarsi. Ovviamente non puoi usarlo ai Mondiali, per il resto rilassatevi il più possibile e poi godetevi la domenica.

READ  I fan senza biglietto cercano di prendere d'assalto Wembley prima dell'inizio della finale del Campionato Europeo | Campionato europeo di calcio (11 giugno - 11 luglio)

I tuoi risultati precedenti su Tabor non ti dicono necessariamente se questo tour è adatto a te. Come lo vedi tu stesso?
“Oh mio Dio, è un periodo dell'anno completamente diverso adesso. Di solito la Coppa del Mondo a Tabor è all'inizio della stagione. Quindi non so davvero come sarà la superficie. È comunque un tour molto duro . Inoltre non credo di aver mai cavalcato al Tabor nelle condizioni in cui sono adesso. Quindi è difficile dire se riuscirò o meno. Ma se sono realista e guardo alle settimane passate, ho una buona requisiti per un buon risultato, poi parlo di teatro.

Domenica sarà connazionale e compagna di squadra di Mathieu van der Poel. D'altra parte, è anche il tuo concorrente. Lo vedi come un compagno di squadra o un concorrente?
“L'anno scorso, durante le discussioni della Coppa del Mondo a Hoogerheide, abbiamo discusso del fatto che non dovremmo intralciarci a vicenda. Questa è la sostanza. Correremo tutti con la maglia arancione. Se Matteo può fare quello che vuole, lo farà mi allontano subito e allora “non vado a Tabor ad aiutarlo. Ma non ne ha bisogno neanche lui.”

A Koksijde ti abbiamo visto provare a colmare il divario con Van der Poel. Thibaut Ness ha provato la stessa cosa a Benidorm e Hoogerheide. Ci riproverai questo fine settimana o non vuoi rischiare in vista delle medaglie?
“Corro sempre per vincere la gara e correre il più possibile. Ho avuto una bella giornata a Koksijde, quindi ho fatto un tentativo. Non mi sono fermato. Se ho la sensazione di avere una brutta giornata domenica non proverò a seguirlo, ma se avrò un'altra bella giornata, perché no?

READ  Jan Baklantis: L'uccello non sta facendo primavera per il ciclismo in Africa | piattaforma

Chi sono i corridori che ti vengono in mente guardando il percorso?
“Michael Vanthornhout. Sarebbe molto bello. Anche Eli Iserbyt sarebbe molto bravo in linea di principio in un Tour del genere. Anche Lars era lì molto bene. E sì Matteo, ovviamente. In realtà posso citarne altri tre o quattro. Penso che solo il I corridori corrono sempre davanti, anche se non darò a Michael Vanthourenot qualche possibilità in più.

Hai questa barra rialzista con le barre. È davvero questo il bar dove succede sempre?
“Sì, assolutamente. Di solito ci sono queste tavole da Coppa del Mondo e sono ottime per saltare. Ma ho visto che ora ci sono altre razze lì dentro, quelle di qualche anno fa. Sono molto più alte e più difficili su cui saltare. Quindi , sì, Michael Vanthornhout è uno dei migliori “Il nostro salto. E ovviamente a Tabor. Lì troverà un percorso di allenamento pensato apposta per lui.”

“Dopo il gruppo va oltre. Normalmente anche questo farà la differenza quest'anno. Generalmente è un crossover in cui vedrai sforzi più lunghi piuttosto che accelerazioni brevi. Questo è qualcosa che mi deve sicuramente piacere.”

Ho appena parlato dal palco. È questo l'unico risultato che ti farà piacere domenica?
“Ho vinto due Coppe del Mondo e non sono mai stato fuori dalle prime quattro nelle ultime settimane, tranne che a Benidorm. Quindi, sì, in una buona giornata, dovrei farlo… No, non devo farlo “Qualsiasi cosa. Con una buona prestazione potrei riuscire a finire la corsa per il podio. Ma cercherò di sfruttarlo al massimo. Se questo è un podio, ne sono molto soddisfatto. Ma se questo è quinto, Anche di questo sono molto soddisfatto.

READ  Anderlecht attacca anche YLA per il titolo nazionale | Punteggio Premier League 2021/2022

Sei una persona che si sente nervosa in vista di questo Mondiale? Faccio fatica ad apprezzarti.
“Non sono molto nervoso, ma mi sento sano e nervoso. Anche se spesso cerco qualche conferma del cross. Soprattutto se si tratta di un testacoda veloce, perché è qualcosa in cui non sono bravo. Poi ottengo un un po' più preoccupato per me stesso.Devi sempre essere impegnato a centrarti in “Come questo ciclo ed è questo che mi rende nervoso. Ma se è una croce in cui devi usare la tua forza, non sono così nervoso.”

E nei tornei? Il nervosismo sta diventando più evidente?
“Ai campionati nazionali ho notato che ero un po' più nervoso. Poi sono anche un po' più vicino al mio entourage, perché poi ho tanta voglia di fare tutto bene nella preparazione. In quei giorni capisci davvero che sta arrivando l'ora in cui tutto deve succedere e con “Questo, come pilota, devi essere in grado di affrontarlo, e sono migliorato in questo nel corso degli anni. Spero che non sia poi così male domenica.”