QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Podcast con Tom Dumoulin: “Avrei fatto la stessa cosa di Wout van Aert? Sì!”  |  Il podcast del Tottenham

Podcast con Tom Dumoulin: “Avrei fatto la stessa cosa di Wout van Aert? Sì!” | Il podcast del Tottenham

L’estate scorsa, Tom Dumoulin (32) ha finalmente frenato. L’ex vincitore del Giro scopre la vita dopo la gara e inizia anche a lavorare come analista presso NOS. Christophe Vandeguerre ha parlato con Dumoulin in una nuova puntata del podcast Sporza Koers sui successi e la carriera di Jumbo-Visma, Remco Evenepoel e il Giro.

Tom Dumoulin si è trasferito alla Jumbo-Visma nel 2020, ma Dumoulin era ancora l’ombra del pilota da turismo che era negli anni precedenti e ha optato per il pensionamento (anticipato) la scorsa estate.

Dumoulin, ovviamente, definisce la cucina interna con il suo insieme giallo e nero. Guarda anche con grande ammirazione il modo in cui la squadra ha battuto tutto e tutti in trasferta questa primavera.

“Richard Plug e Merrin Zeman hanno costruito una squadra quasi dal nulla e hanno messo insieme ottime persone. Non solo i corridori, ma anche lo staff”, spiega Dumoulin.

Tutto è in perfette condizioni alla Jumbo-Visma e questo crea una sensazione di invincibilità sulle articolazioni. Questa squadra lo irradia e i risultati lo rafforzano ancora di più.

Tom Dumulin

“Non conosco una squadra che faccia un lavoro migliore al momento. Insistono su un sentimento di gruppo, ma creano anche automaticamente quel sentimento. Va tutto bene”.

“Tutto è in perfetto ordine e questo crea la sensazione di non essere in grado di battere le articolazioni. Come: ‘Abbiamo la migliore app di cibo, le migliori ruote e abbiamo avuto il miglior palco.'” “Questo è ciò che questa squadra irradia e i risultati gli danno solo una spinta in più”.

Ci sono molti galli in un cortile. Come conciliate tutte queste ambizioni? “Se si rafforzano a vicenda, è bellissimo.”

READ  Gili Vossen porta Zulte Wargem alla vittoria nel derby contro Dinzi con due gol | Lega professionistica Challenger 2023/2024

“Guarda il Tour: se dici a Wout van Aert che dovrebbe semplicemente farsi avanti, non è un buon pilota. Ma se può fare qualcosa come l’anno scorso e deve aiutare la squadra in certi giorni, allora fantastico”.

“Se la gente avesse corso solo per lui l’anno scorso, non credo che avrebbe necessariamente vinto di più al Tour”.

“Aumenta anche il morale: il ciclismo non è solo una scienza. Tutti si aiutano a vicenda e con quello puoi fare le tue cose.”

Tom Dumoulin e Jumbo Visma durante il Tour 2020.

“Jumbo-Visma è sulla buona strada. Poi mi diverto”

E così Jumbo-Visma sta dominando la primavera dal basso in questo momento. “Nessuno se lo aspettava”, ammette Tom Dumoulin.

“Avevano davvero una buona squadra e poi hanno attirato i migliori piloti. Hanno anche un grande appeal. Questi piloti vedono anche che tutti hanno una possibilità. Quindi è meglio correre con la squadra migliore”.

“Inoltre non è come abbiamo visto in anni di cielo. Sono usciti davanti, hanno battuto tutti gli altri e il migliore ha vinto. Ma Jumbo-Visma ne fa una gara. Poi mi diverto.”

“Se sarebbe molto interessante per uno spettatore imparziale, non credo”, ride l’ex vincitore del Grand Tour. “Preferirei vedere un casino io stesso.”

Avrei fatto lo stesso a Gent-Wevelgem? SÌ. Ho anche corso con Christophe Laporte al Jumbo-Visma per un altro anno. È veramente un guerriero leale e devoto.

Tom Dumulin

Gli appassionati di ciclismo hanno avuto una svolta accattivante domenica con la finale a Gent-Wevelgem. Ciò ha sollevato molte opinioni.

“Van Aert sotto una lente d’ingrandimento in Belgio. A volte è difficile avere a che fare con 101 opinioni, soprattutto quando un grande ex pilota come Tom Boonen dice qualcosa con cui non sei d’accordo. Questo può essere scatenante”.

L’olandese ha risposto con fermezza: “Avrei fatto lo stesso a Wevelgem? Sì”. “Ho anche guidato con Christophe Laporte al Jumbo-Visma per un altro anno. È davvero un guerriero leale e devoto”.

“Per quanto ne so, non ha mai messo in discussione il piano tattico in cui deve sacrificare le sue possibilità. Era sempre in linea”.

“Se la situazione si presenta, è giusto che un capitano come Van Aert dica: ‘Sono molto contento del lavoro che hai già fatto per me. Questa vittoria è per te e per la squadra’”.

“Ovviamente non rinuncerebbe a Rond e capisco la discussione, ma a merito di Van Aert come pilota e come persona. Penso che avrei fatto lo stesso”.

Ma i suoi compagni di squadra possono anche diventare rivali in seguito. “In questo modo puoi cercare qualcosa dietro a tutto. Non dimenticare inoltre: è possibile che Laporte correrà dietro a Van Aert a una velocità leggermente inferiore rispetto a un altro pilota in seguito, ad esempio, in Coppa del Mondo”.

Wout van Aert e Christophe Laporte sul podio a Gent-Wevelgem.

Ascolta il podcast completo con le storie su Remco Evenepoel, il Giro e il suo addio: