QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Possibile trattamento per l’HIV nelle donne di colore – New Scientist

Possibile trattamento per l’HIV nelle donne di colore – New Scientist

L’infezione da HIV di una donna americana sembra essersi risolta dopo aver ricevuto cellule staminali resistenti all’HIV. Il trattamento è il primo: è la prima volta che un cosiddetto trattamento per la leucemia da HIV viene eseguito utilizzando cellule staminali dal sangue del cordone ombelicale.

leucemia e virus dell’immunodeficienza umana (HIV)Virus della deficienza immunitaria) Allo stesso tempo, questa non è una buona combinazione per nessuno. Tuttavia, c’è anche un piccolo lato positivo, perché il trattamento per la leucemia a volte richiede un trapianto di cellule staminali. Se il donatore di queste cellule staminali viene scelto correttamente, il trapianto può curare l’HIV. che esso Potrebbe succedere In una donna sieropositiva con leucemia dagli Stati Uniti.

La donna, conosciuta come la paziente di New York, ha subito un trapianto di cellule staminali nel 2017 perché malata di leucemia. Normalmente, queste cellule staminali provengono da un donatore di midollo osseo adulto, ma in questo trapianto parte delle cellule staminali proviene dal sangue del cordone ombelicale. Questo era necessario perché queste cellule in particolare hanno una rara mutazione che le rende resistenti all’HIV.

Leggi anche

Quanto è salutare un bagno di ghiaccio?

Esporsi al freddo estremo per un breve periodo fa bene al corpo e alla mente, secondo gli allenatori della salute. Quindi sempre più persone stanno entrando in un bagno di ghiaccio o…

Dopo 37 mesi, la donna ha smesso di prendere gli inibitori dell’HIV. Questo per vedere se il virus è ancora presente nel suo corpo. Questo non sembra essere il caso: da quando la donna ha smesso di prendere gli inibitori dell’HIV trenta mesi fa, non è stata misurata in lei alcuna nuova attività dell’HIV.

Genetica

Diverse persone hanno preceduto la donna nella remissione dell’HIV, ma hanno ricevuto un trattamento diverso. Le cellule staminali utilizzate nel loro trattamento provenivano dal midollo osseo, non dal sangue del cordone ombelicale. Ma la stessa versione resistente all’HIV del gene CCR5 era presente sia nelle cellule staminali del midollo osseo che nelle cellule staminali del sangue del cordone ombelicale. Questa cosiddetta mutazione delta 32 impedisce all’HIV di raggiungere le cellule sane.

Nei trapianti di cellule staminali, deve esserci una buona corrispondenza tra il tipo di tessuto donatore e ricevente. Ciò riduce il rischio che il sistema immunitario del ricevente attacchi le nuove cellule staminali.

Poiché i tipi di tessuto sono ereditari, la razza di una persona influisce sulle sue possibilità di trovare una corrispondenza. La mutazione genetica che porta alla resistenza all’HIV è molto rara. Si trova solo in circa l’1% dei bianchi nel Nord Europa ed è molto raro in altre popolazioni.

Cellule staminali inesperte

Per trovare un donatore per il paziente di New York, che è di origini miste, i medici hanno esaminato un’altra fonte di cellule staminali. Invece del midollo osseo, hanno usato cellule staminali dal sangue del cordone ombelicale. Il ricevente non deve corrispondere esattamente al tipo di tessuto del donatore per poter beneficiare di queste cellule staminali.

medico Jingmei Hsu del New York Presbyterian Hospital spiega perché. Nel caso del sangue del cordone ombelicale, le cellule immunitarie del donatore che vengono con un trapianto di cellule staminali hanno meno “esperienza” (hanno incontrato meno virus e batteri) rispetto alle cellule del midollo osseo di donatori adulti, dice. Di conseguenza, queste cellule interagiscono meno violentemente con le cellule del corpo del ricevente.

Quando le cellule immunitarie del donatore, che entrano durante il trapianto, interagiscono violentemente con il corpo del ricevente, si parla di Malattia del trapianto contro l’ospite (GvHD). Il rischio di GvHD è inferiore nei trapianti di cellule staminali del cordone ombelicale rispetto ai trapianti di cellule staminali del midollo osseo.

Mescolate con cellule staminali del cordone ombelicale, un paziente di New York ha ricevuto cellule staminali del midollo osseo da un membro della famiglia. È difficile filtrare un numero sufficiente di cellule staminali dal sangue del cordone ombelicale per un trapianto completo di cellule staminali. Mescolando le cellule staminali, le cellule staminali del cordone ombelicale hanno iniziato meglio, dice il dottore Yvonne Bryson dell’Università della California, Los Angeles, uno dei principali investigatori.

Combinazione rara

Il trapianto di cellule staminali non è un buon modo per trattare tutti con l’HIV. Dopo il trapianto regolare di cellule staminali, il 15-20% dei pazienti muore. Questo è mentre l’HIV non deve essere una malattia mortale in questi giorni, se stai assumendo antivirali.

Pertanto, i trapianti di cellule staminali sono solo un’opzione terapeutica per l’HIV in casi molto specifici. Devi essere in buona forma, perché un trapianto di midollo osseo è difficile. Devi anche avere un tipo molto specifico di leucemia, dice lo specialista in malattie infettive. Casper Rocks dell’Erasmus Medical Center di Rotterdam. Tale è stato il caso del paziente di New York, che ora è in remissione sia dall’HIV che dalla leucemia.

Per un trapianto di cellule staminali, le cellule nel midollo osseo vengono prima distrutte. Dopo il trapianto, al ricevente vengono somministrati farmaci che sopprimono il sistema immunitario. Questo per ridurre il rischio che il sistema immunitario del ricevente attacchi le nuove cellule staminali.

Poiché si inizia con un piccolo numero di cellule staminali del sangue del cordone ombelicale, ci vuole più tempo perché le nuove cellule staminali siano in grado di produrre nuovamente nuove cellule del sangue. “Sei molto suscettibile alle infezioni durante il periodo in cui il tuo midollo osseo sta ancora guarendo”, afferma Rokx. Questa è una procedura molto rischiosa e può essere utilizzata solo in circostanze molto specifiche. Quindi è fantastico che un caso così specifico possa essere identificato in questo modo.

READ  I processi che circondano la formazione di nuovi vasi sanguigni