QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“ Puntiamo a 40 ristoranti Ellis in Belgio ”

L’imprenditore Steve Mulmans, noto per il suo Pizza Hut, il panificio Paul e Wasbar, sta espandendo il suo impero dell’ospitalità. Con Top Brands, ha acquisito i rimanenti fondatori della catena di hamburger Ellis ed è diventato uno dei principali azionisti. “Vediamo la possibilità di 40 ristoranti in Belgio”.

Ellis ha iniziato dieci anni fa con un unico ristorante a Bruxelles dove hanno sviluppato “i migliori” hamburger con carni locali di qualità. Ellis è ora attiva in 16 sedi in Belgio, quattro nei Paesi Bassi e una in Francia.

Nel 2013, tre dei cinque fondatori hanno già lasciato l’azienda. Poi hanno lanciato il negozio di patatine di lusso Baraque Friture e la catena di pizze Otomat. Nel 2018, la società di investimento quotata Gimv e Top Brands si sono uniti come partner. Gli acquirenti hanno quindi intentato una causa contro i fondatori sostenendo di aver immaginato la situazione a Ellis più roseo di quanto non fosse in realtà. La controversia è stata risolta “in modo costruttivo” da tempo, afferma Steve Mullemans, CEO di Top Brands.


Abbiamo già assistito a una serie di crisi: gli attentati a Bruxelles, il morbo della mucca pazza e la crisi della diossina. Ma questa crisi era di un ordine diverso.

Steve Mullmans

CEO di Top Brands

Ora i restanti due fondatori – Thierry Canetta e Amaury Hendrix – stanno prendendo strade separate, a seguito dell’acquisizione da parte di Top Brands, che è diventato il maggiore azionista. C’era un’opportunità. Volevano spostare l’attenzione su altri progetti. Lavoriamo per l’azienda da molto tempo e vediamo il suo potenziale, nonostante la difficile situazione nel settore dell’ospitalità.

READ  Rumor: Apple sta considerando di realizzare iPad con schermi più grandi - tablet e telefoni - notizie phones

Negli ultimi 20 anni ha costruito un notevole impero dell’ospitalità, iniziato con un acquisto amministrativo della filiale belga Pizza Hut. Inoltre, è stato aggiunto il franchising belga della catena di panifici Paul’s. Questa è stata seguita da una vespa in un secondo momento, un incrocio tra una lavanderia a gettoni e un bar.

Wasbar finalmente decollò

Wasbar, un incrocio tra pub e lavanderia, è stato il vincitore nel 2013 del programma televisivo “Topstarter”. Due anni dopo, Top Brands ha acquistato il concetto, con l’ambizione di aprire dozzine di filiali in Belgio e anche all’estero.

Ma invece di crescere, ci è voluto molto tempo per trovare il concetto perfetto. Wasbar è oggi un luogo dove fare colazione, pranzo e pranzo con panini, insalate o antipasti con finger food o caffè con muffin. “È stato un inizio difficile, ma ora sta per iniziare”, sembra. È tempo di accelerare la nostra espansione “.

Anche durante la crisi Corona, Wasbar ha aperto quattro nuovi negozi, portando il totale a dieci. “E dal prossimo anno ci trasferiremo all’estero, forse Olanda e Francia”.

In totale, l’Impero Mullman ha 160 filiali, in parte di proprietà e in parte autorizzate. Nel 2019, quei 70 milioni di euro di fatturato consolidato e quasi 1 milione di euro di utile netto. Ma l’anno scorso la pandemia e il blocco hanno colpito duramente.

Abbiamo già assistito a una serie di crisi: gli attacchi a Bruxelles, il morbo della mucca pazza e la crisi della diossina. Ma questa crisi era di un ordine diverso. Ero ansioso, ma non siamo mai stati presi dal panico.


Ellis esiste da dieci anni ed è cresciuta rapidamente. È diventata la batteria del mercato degli hamburger di lusso. Quindi è necessario ripetere un po ‘la fonte e modificare il concetto.

Steve Mullmans

CEO di Top Brands

Ellis – che ha realizzato circa 25 milioni di euro di vendite Corona – ha cercato di risparmiare mobili lo scorso anno durante i mesi della crisi con asporto e consegna, ma ha visto un crollo del 60% delle vendite. Sono stati necessari “diversi milioni” di iniezioni per riempire il pozzo. Abbiamo riaperto tutte le filiali in Belgio alla fine della scorsa settimana. Hanno ampi balconi, il che aiuta. Attendiamo ora un’apertura completa a giugno.

Ellis ha approfittato della crisi per rivedere il concept e l’arredamento. Ellis esiste da dieci anni ormai, saltando nel vuoto del mercato in quel momento e crescendo rapidamente. Ora è il battito dei tamburi al mercato degli hamburger di lusso (Compresi Be Burger, Burgerij, Manhattn’s e ed.). Molti concorrenti si sono uniti. Quindi è necessario restituire un po ‘la fonte, dice Mullemans. Ecco perché la gamma di prodotti è stata ampliata per includere bistecca di tartaro, costolette e una selezione vegetariana.

l’essenza

  • Top Brands – noto per il suo Pizza Hut, Wasbar e Paul’s Bakery – è diventato il più grande contributore alla catena di ristoranti Ellis, con Gimv al suo fianco.
  • Prima della crisi, Ellis aveva circa 25 milioni di euro di vendite e aveva 16 filiali nel nostro paese. Ambizione 40 filiali in Belgio ed espansione in Olanda e Francia.
  • Top Brands ha 160 filiali. Nel 2019, ciò ha generato 70 milioni di euro di vendite e quasi 1 milione di euro di utili netti. L’epidemia ha colpito duramente tutte le parti dell’azienda.

“È giunto il momento ed è ora di fare un passo avanti”, ha detto Molmans, che sta valutando tre nuove filiali. A lungo termine, vedo la possibilità di 40 ristoranti Ellis in Belgio. Nei Paesi Bassi e in Francia introdurremo il concetto tramite franchising.