QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Questo è il prezzo di una combinazione di ignoranza e grande arroganza”.

“Questo è il prezzo di una combinazione di ignoranza e grande arroganza”.

Lo scorso anno Elon Musk ha sventato un attacco alla flotta russa nel Mar Nero. Ad esempio, secondo un nuovo libro, avrebbe rifiutato di consentire all’Ucraina di utilizzare una rete satellitare per guidare i suoi droni. Questa rivelazione (ancora una volta) solleva interrogativi sul potere globale del miliardario e sui suoi legami con la Russia.

Vittoria Kim E Richard Pérez Peña e Andrew E. Kramer

Le forze armate ucraine hanno fatto molto affidamento sui satelliti Starlink della società SpaceX di Musk per le comunicazioni dopo l’invasione russa. Ma lo scorso settembre, Musk non ha consentito che la rete venisse utilizzata in un attacco di droni navali contro la base navale russa a Sebastopoli in Crimea, il territorio ucraino che la Russia ha illegalmente sequestrato e poi annesso nel 2014.

Al momento del tentato attacco, Musk ha parlato con l’ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov, che gli ha detto che l’attacco alla Crimea “potrebbe portare a una risposta nucleare”. Ciò è stato affermato nella biografia di Musk scritta dallo storico e giornalista Walter Isaacson. Una copia del libro è già stata consegnata New York Times È stato ritirato in una libreria, anche se non sarà in vendita fino a martedì.

Musk conferma elementi della vicenda, scrivendo sui suoi social network

Pochi giorni dopo la massiccia invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, Musk ha iniziato a inviare stazioni Starlink nel paese – alla fine più di 42.000 – in risposta alle richieste pubbliche dei funzionari ucraini. Durante la guerra, la connettività fornita da Starlink fu essenziale per l’esercito ucraino per coordinare gli attacchi dei droni e raccogliere informazioni. Ha inoltre aiutato ospedali, aziende e organizzazioni umanitarie in tutta l’Ucraina.

READ  Le celebrità celebrano l'inizio del Ramadan

Il resoconto di Isaacson ha lasciato diverse domande senza risposta, come chi ha avviato la conversazione tra Musk e Antonov e se Musk abbia rivelato l’attacco pianificato all’ambasciatore russo. Il libro afferma che Musk si è consultato con Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Joe Biden, e con il generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore congiunti, ma non dice se i funzionari statunitensi lo abbiano esortato a procedere con l’attacco.

Sotto l’influenza del Cremlino

Musk contesta parte del resoconto di Isaacson, in cui si afferma che Musk “ha incaricato gli ingegneri di Starlink di disattivare la copertura entro 60 miglia dalla Crimea”. Musk dice che non avrebbe mai potuto esserci una tale copertura. Dice che la richiesta che ha rifiutato era quella di espandere la portata della rete per consentire l’attacco.

Le autorità ucraine e americane sono da tempo preoccupate per l’importante posizione occupata da Musk, considerato la persona più ricca del mondo, in Ucraina. Ammette di essere in contatto da mesi con funzionari russi e ucraini, sollevando preoccupazioni di essere influenzato dalle opinioni del Cremlino. È anche noto per la sua imprevedibilità e per aver proposto elementi per una soluzione pacifica alla guerra che i funzionari ucraini hanno rifiutato come una resa all’aggressione.

Gli ucraini a Kherson utilizzano l’antenna satellitare Starlink per connettersi a Internet (13/11/22).Foto del New York Times

Musk ha dichiarato lo scorso ottobre che non avrebbe potuto finanziare l’uso di Starlink da parte dell’Ucraina “a tempo indeterminato” e poi ha improvvisamente cambiato rotta. Successivamente il Pentagono cominciò a pagare almeno una parte dei costi del servizio. Ma poiché Starlink è un prodotto commerciale piuttosto che un tradizionale appaltatore della difesa, Musk potrebbe prendere decisioni che potrebbero non essere in linea con gli interessi americani, dicono gli analisti.

L’Ucraina non ha alternative alla propria rete satellitare, che potrebbe dare a Musk un enorme potere durante una guerra, proprio come il governo degli Stati Uniti non ha alternative a SpaceX per mettere in orbita satelliti e persone. L’Ucraina ha consultato altri fornitori di servizi Internet via satellite, ma nessun altro servizio si avvicina alla portata di Starlink.

La Russia sta usando le sue navi per lanciare missili da crociera in Ucraina, spesso contro obiettivi civili, e alcuni ucraini ora sostengono che un attacco alla flotta del Mar Nero non sarebbe altro che un atto di autodifesa.

Rabbia a Kiev

Mykhailo Podolyak, consigliere senior del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, accusa Musk di consentire l’aggressione russa. Ha scritto su X che la decisione di Musk “ucciderà civili e bambini. Questo è il prezzo di una combinazione di ignoranza e grande arroganza”.

Lo scorso febbraio, Musk ha dichiarato che la sua azienda non avrebbe consentito all’Ucraina di utilizzare Starlink per lanciare attacchi a lungo raggio. Inoltre, un dirigente di SpaceX ha affermato che Starlink ha adottato misure per limitare l’uso della tecnologia da parte dell’Ucraina per controllare i droni, facendo arrabbiare i funzionari ucraini.

Alcuni droni avanzati si affidano a collegamenti satellitari per la navigazione e sono autonomi o controllati da un operatore remoto. Senza questa comunicazione satellitare, i droni utilizzati nel tentato attacco a Sebastopoli “andrebbero alla deriva senza causare alcun danno”, ha scritto Isaacson.

“Penso che se gli attacchi ucraini fossero riusciti ad affondare la flotta russa, sarebbe stato come una mini-Pearl Harbor, e avrebbero portato ad una grande escalation”, dice Musk nel libro. “Non volevamo farne parte.”

© New York Times

Walter Isaacson Elon MuskSpettro, 704 pp., € 29,99.