QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

recensione | Re Artù: Il racconto di un cavaliere

  • Dark prende la leggenda di Arthur
  • Gestire e rafforzare la tua base e le unità ha profondità
  • Il combattimento diventa monotono
  • piccoli conflitti
  • recitazione vocale

Quando King Arthur: Knights Tale è stato rilasciato nell’aprile di quest’anno, ho subito richiesto una chiave di revisione. Il TRPG è uno dei miei generi preferiti, ma di solito viene fornito con un tocco di anime o come uno dei tanti titoli di Warhammer. Così ho subito visto un gioco che adotta un approccio completamente diverso.

Questa chiave di recensione non è arrivata a GameQuarter fino ad agosto a causa di un problema tecnico. Non esattamente in tempo per una revisione della 1.0 come avevamo inizialmente previsto, ma è anche un peccato che non se ne sia fatto nulla. Quindi diamo un’occhiata a come appare il gioco ora che ha raggiunto la versione 1.2.2.

Non l’eroe di Re Artù

Nelle leggende arturiane, Re Artù è l’eroe. Non sorprende, ovviamente, dato il nome. Tuttavia, era tutt’altro che perfetto, dato che era nato bastardo con la sua sorellastra. Questo bastardo era Mordred, un cavaliere soprannominato il Terrore Terrore e in molte leggende colui che quasi uccise Artù.

Non è diverso in Knight’s Tale, solo i due pesi massimi si stanno uccidendo a vicenda nella loro ultima battaglia. Arthur, in quanto eroe della mitologia, viene quindi trasportato ad Avalon per ottenere il meritato riposo nell’aldilà. Almeno così sarebbe dovuto andare. In effetti, Sua Altezza non è in grado di venire a patti con la sua morte e, di conseguenza, l’intero impero è precipitato nel caos.

La Signora del Lago, un’entità semidivina in queste leggende, decise che non poteva lasciare che questo facesse il suo corso. Ma anche con tutti i suoi talenti, non è in grado di fermare la caduta del futuro re e futuro re. Nella sua disperazione, si concentra quindi sull’unico guerriero che potrebbe mettere in pericolo la vita di Arthur: Sir Mordred. Il nostro eroe discutibile morale in questa storia.

READ  macOS 11.5.1 risolve una grave vulnerabilità di sicurezza, le versioni precedenti sono ancora vulnerabili

tavolo senza angoli

Anche con Lady Wisdom al suo fianco, il risorto Mordred non è un esercito di un solo uomo che può sfidare senza sforzo le forze oscure di Arthur. Pertanto, il tuo obiettivo in questa facile avventura di settanta ore è diventare più forte, creare la tua tavola rotonda, ricostruire Camelot e guadagnare terra. Per raggiungere questo obiettivo, dovrai approvare leggi, raccogliere risorse e intervenire nel conflitto per far prosperare il regno, oltre a nominare amici, recuperare cavalieri feriti e altro ancora. Ma piccola passo dopo passo.

Può sembrare una critica, ma sicuramente non è inteso in questo modo. L’idea che costruire il tuo esercito per il cambiamento sia qualcosa di più che radunare persone e macinare livelli è davvero allettante per me. La guerra è, nella maggior parte dei casi, una battaglia prolungata in cui la terra viene persa o poco guadagnata. Quindi tradurlo in un videogioco suonava come musica per le mie orecchie. Nella traduzione, tuttavia, qualcosa è perso da qualche parte.

gioca alla guerra

Nell’apertura di King Arthur assistiamo a una grande battaglia. Due eserciti guidati da alcuni illustri cavalieri e maghi si scontrano. Questo non è ciò che il gioco offre allora. Invece, sei partito con quattro cavalieri per combattere interi eserciti di zombi, banditi e mostri sulla tua spada come veri carri armati. Dimentica le grandi lotte. Nella maggior parte dei casi, il nuovo re di Camelot deve partire per liberare un villaggio o esplorare le foreste.

Se questo fosse stato messo in un maglione fresco e parlato tra loro con un filo comune, questo non sarebbe stato affatto un problema. Ma è qui che la scarpa viene pizzicata. Tutto in King Arthur: Knight’s Tale è consegnato con grandi parole e melodramma, ma la portata degli eventi non lo riflette. Inoltre, in alcuni casi, la recitazione vocale è così eccitante che continuavano a venire in mente Monty Python e il Santo Graal. Lo stesso Mordred è molto ben espresso, ma lo stesso non si può dire dell’intero cast.

READ  Samsung Galaxy S21 Ultra è lo smartphone preferito dal 2021

Immergiti nel volume

Ovviamente, non è giusto imporre le mie aspettative sul gioco. Solo perché sento che questo campo di battaglia deve essere più grande non significa automaticamente che lo sviluppatore NeoCore abbia fatto qualcosa di sbagliato seguendo un percorso diverso. Tuttavia, c’è una ragione per cui molti TRPG ti consentono di controllare molte unità o di formare quelle unità in piccoli eserciti. L’ambito più ampio ti offre più opzioni strategiche e un campo di battaglia più eccitante da implementare. Il campo di gioco che quattro cavalieri possono sfidare a piedi è intrinsecamente molto limitato al dischetto. E questo interrompe il racconto di Knight, secondo me, dopo circa dieci ore.

Le battaglie si trasformano quindi in schermaglie che completi in pochi minuti, con oltre una dozzina di nemici costituiti principalmente da unità deboli come normali zombi o miscredenti. Ci sono conflitti interessanti con nemici unici e avvincenti, ma sono come aghi in un pagliaio costituiti principalmente da collisioni monotone su mappe ripetitive. Mappe che puoi esplorare nel mezzo, ma era meglio rimuoverle completamente per passare dalla grande resa dei conti alla grande resa dei conti.

conclusione

Sulla carta, Re Artù avrebbe potuto essere qualcosa di veramente interessante. Una diversa interpretazione di miti familiari e un approccio lento e realistico creano una storia oscura che richiede tempo per essere costruita. Sfortunatamente, il padding mina in parte questa configurazione, grazie a dossi che non rendono giustizia alla configurazione in termini di dimensioni e intensità.