QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Rinascimento creato in Italia

Rinascimento creato in Italia

In vista del Gran Premio dell’Emilia-Romagna del prossimo fine settimana, ripercorriamo l’edizione dello scorso anno sul circuito di Imola. Questo era in un momento in cui tutti pensavano ancora che la Ferrari potesse competere seriamente con piloti e costruttori per il campionato del mondo. Per la primavera del 2022, sul Rinascimento Made in Italy.

Anche se il tempo in vista del Gran Premio dell’Emilia-Romagna non è stato molto favorevole e la prestazione della Ferrari non ha davvero scaldato i cuori a Imola, la primavera sembra insistere su chiunque voglia dare un cuore caldo al motorsport italiano .

L’indizio chiave, ovviamente, è la resurrezione della Ferrari. Nonostante i sesti ritiri di Carlos Sainz e Charles Leclerc a Imola, la scuderia di Maranello ha costruito per la prima volta una vettura pronta a competere per i premi più alti. Entusiasti della prospettiva, i fan italiani sono recentemente tornati in massa allo sport, osserva Carlo Platella, giornalista di Formulapassion.it.

“La grande differenza tra la cultura del motorsport italiana e quella britannica è che in Italia i fan in realtà supportano la Ferrari, piuttosto che essere fan dello sport. Quindi l’interesse per lo sport dipende dai risultati della Scuderia. Con le prestazioni deludenti degli ultimi decenni, l’interesse è precipitato. Un’intera generazione è cresciuta senza la Formula 1. Ma ora sta tornando”.

Due Gran Premi

Se il ritrovato interesse per la Formula 1 è in gran parte da attribuire alla Scuderia, non è questa l’unica spiegazione del ritorno di Defosi. Aiuta anche il fatto che l’Italia possa organizzare due Gran Premi all’anno per le prossime tre stagioni.

“È interessante che ora abbiamo una gara in più nel centro del paese (Imola) e non solo il Gran Premio nel nord (Monza) perché attira anche i fan del sud”, spiega Plattella. È interessante notare che due gare sono state assegnate all’Italia, soprattutto perché più Gran Premi europei (Belgio, Francia) potrebbero dover temere per il loro futuro e la Formula 1 sceglie spesso nuove destinazioni esotiche come Miami o Las Vegas. E un sacco di soldi.

READ  In Italia il dibattito sulla guerra in Ucraina è amaro

Il contratto è stato prorogato

Il contratto con il regolare Gran Premio d’Italia a Monza era già stato prorogato di un anno lo scorso anno. Dallo scorso marzo, la gara di Imola – Gran Premio del Made in Italia e del’ Emilio-Romagna – resta saldamente in calendario fino al 2025. Imola paga Liberty Media 25 milioni di dollari all’anno per organizzare la gara, molto meno di quanto qualsiasi altro nuovo Gran Premio debba mettere sul tavolo.

‘Imola è un luogo storico, ma ha bisogno di restauro’

Gian Carlo Minardi

Il nuovo accordo per Imola arriva grazie a Liberty Media per il supporto del circuito alla Formula 1 durante la pandemia di coronavirus. Imola – situata in una delle regioni europee più colpite dal COVID – dove gli eventi sportivi globali e le gare di F1 sono stati cancellati nella primavera del 2020 – afferma Gian Carlo Minardi. L’ex team principal del team Minardi F1 ora domina l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari. “Abbiamo organizzato con successo due Gran Premi di riserva. In effetti, sono stati gli unici momenti salienti durante la pandemia. Questo ci ha permesso di dimostrare alla Formula 1 che siamo forti dal punto di vista imprenditoriale e organizzativo. Meritiamo un posto fisso nel calendario”.

(Il testo continua sotto la foto)

Il tricolore italiano, Ferrari di nuovo in gara davanti: l’atmosfera in griglia a Imola nel 2022 era buona. (Peter von Egmond)

Ora che la Formula 1 è ospite a Imola per le prossime tre stagioni, prosegue Minardi, è tempo di fare un po’ più di giri. “Il Grand Prix di quest’anno è stato un enorme successo con oltre 130.000 biglietti venduti negli ultimi tre giorni. Ma è chiaro che c’è del lavoro da fare. Molte cose hanno bisogno di aggiornamento: Imola è un luogo storico, ma ha bisogno di restauro. Nei prossimi anni, la capacità del campus dovrebbe essere aumentata”, ha affermato.

READ  Goen Crook e Luke de Brooker portano l'Italia a Mariagerke (Kent)

Possibilità titolo Ferrari?

Quindi il tifoso italiano di Formula 1 è pronto per gli anni a venire. Manca davvero solo il titolo mondiale per la Ferrari. L’ultimo titolo Costruttori risale al 2008. E l’ultimo pilota a vincere un mondiale alla Ferrari è stato Kimi Raikkonen, nel 2007. Alla gente in Italia non piace parlare di eredi, dice ridendo Plattella. “Qui tutti credono che Charles Leclerc sarà campione del mondo, ma devi sapere che gli italiani sono molto superstiziosi, quindi non li senti facilmente dire che possono vincere il titolo mondiale”, ha detto.

Diffidente anche la Minardi, soprattutto dopo la sfortunata domenica della Ferrari sul ‘loro’ circuito. “Dal 2007 aspettiamo una Ferrari in cui un pilota possa diventare campione. A diciannove gare dalla fine di Imola, sarà una stagione lunghissima: incrociamo le dita e speriamo che la Ferrari possa continuare il buon lavoro.

Valle dei Motori

La Ferrari non è sola in questo tour de force. La Scuderia è supportata dalle conoscenze acquisite nel corso del tempo nella motor valley italiana. Estendendosi da Piacenza nel nord-ovest fino a Rimini sulla costa adriatica, la regione ospita aziende come Ferrari, Dallara e Ducati, nonché i campus di Imola, Misano e Modena e le università di Bologna e Birmania.

“Alla Motor Valley si tengono consultazioni tra varie aziende, industrie e scuole coinvolte nello sport automobilistico. E funziona”, spiega Platella. “Aziende fornitrici come Brelli – anche se tecnicamente non nella Motor Valley – Sparco, Brembo, Magneti Marelli sono state molto focalizzate su se stesse in passato. Non vogliono condividere informazioni e conoscenze tra loro. Ora capiscono che se condividono la conoscenza tra loro, possono ottenere molto di più.

READ  Uomo d'affari | Gazprom riprenderà le forniture di gas all'Italia

Una delle persone dietro al progetto è Gian Paolo Dallara. Ha fondato una società con lo stesso nome che ha fornito i telai alla Haas. “Non siamo più per competere, ma per essere primi. La voglia di essere protagonisti. Lo spirito olimpico dice che basta partecipare, ma in realtà vincere è divertente. I risultati di questa collaborazione si vedono già”, dice Plattella. Qui in Italia non si parla solo del successo della Formula 1. . Le cose stanno andando bene per l’intera industria automobilistica e del motorsport”.

Perfettamente made in Italy.

La Minardi è orgogliosa di Alfadauri

Gian Carlo Minardi guarda con grande gioia ai successi della Ferrari e al futuro dei Gran Premi nella sua terra d’origine. Il capo dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari ha un posto speciale nel suo cuore per l’AlphaTauri. È il fondatore della squadra di Fenza. “Sono orgoglioso di aver fondato il team Minardi nel 1979. L’ho guidata in Formula 1 per vent’anni tra il 1985 e il 2005″, racconta Minardi, oggi 74enne. “Sono sicuro di aver lasciato la squadra in buone mani alla Toro Rosso, conosciuta come Alfa Douri. La fabbrica è triplicata rispetto a com’era il team Minardi. Le prestazioni sono migliorate grazie al continuo supporto della Red Bull.

Questa storia è apparsa nel numero 6 di Formula 1 nel 2022