QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sam Altman (OpenAI) parla agli investitori delle loro fabbriche di chip |  Internet

Sam Altman (OpenAI) parla agli investitori delle loro fabbriche di chip | Internet

Sam Altman è in trattativa con investitori del Medio Oriente, tra gli altri, per finanziare una rete di fabbriche di chip. Secondo fonti di Bloomberg News e del quotidiano britannico “Financial Times”, il CEO di OpenAI, società madre di ChatGPT, vorrebbe raccogliere miliardi di dollari per poter produrre chip per l'intelligenza artificiale (AI).

Secondo fonti informate, Altman avrebbe parlato con investitori degli Emirati Arabi Uniti, tra cui Sheikh Tahnoun bin Zayed Al Nahyan. Controlla la società di intelligenza artificiale G42 con sede ad Abu Dhabi. Si dice anche che Altman abbia parlato con il gruppo tecnologico giapponese SoftBank.

Creando una rete di proprie fabbriche di chip, Altman può garantire la sicurezza delle forniture di semiconduttori per la tecnologia AI e ridurre la dipendenza dai chip AI della società americana Nvidia. La domanda di chip AI è molto alta.

TSMC

Il CEO avrà anche colloqui con il gruppo taiwanese di chip TSMC sulla cooperazione nella produzione di chip. TSMC è il principale fornitore di chip AI di Nvidia. I chip AI dell'azienda statunitense sono ampiamente considerati i migliori per l'addestramento di modelli di big data, come il modello principale di ChatGPT.

Aspetto. Chi è Sam Altman (37 anni), CEO di OpenAI?

Non è chiaro se la società di chip che Altman vuole fondare entrerà a far parte di OpenAI o sarà gestita separatamente. Pertanto, OpenAI dovrebbe diventare il cliente più importante dell'azienda di chip.

Microsoft è uno dei principali azionisti di OpenAI. Il gruppo software sarebbe interessato ai piani di Altman per le fabbriche di chip.

READ  "Questo è il mio peggior investimento di sempre."

Leggi anche: Come ChatGPT ha cambiato il mondo in un anno: “Tutto accade così in fretta” (+)