QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Scoperto un nuovo tipo di galassia piena di giovani stelle blu

Le macchie blu non durano a lungo, ma sono incredibili. Gli scienziati hanno scoperto fino a cinque galassie con queste giovani stelle blu.

Gli scienziati dell’Università dell’Arizona sostengono che le galassie blu sono fondamentalmente diverse dai tipi precedentemente conosciuti. È pieno di giovani stelle blu ed è sorprendentemente lontano da altre galassie.

I “punti blu” isolati, come li chiamano affettuosamente gli astronomi, sono relativamente piccoli. La nebulosa a cinque stelle ha le dimensioni di un piccolo sistema nano e si trova nell’ammasso della Vergine. I potenziali vicini sono distanti più di 300.000 anni luce, il che rende difficile sapere come si sono formati.

Scoperta olandese
La scoperta era in parte possibile prima Istituto olandese di radioastronomia (ASTRON). Guidata dalla ricercatrice Elizabeth Adams, sono state ottenute una vasta informazione sulle nuvole di gas – i luoghi in cui sono nate le stelle – nell’universo. Utilizzando questi dati, è stato sintetizzato un elenco di potenziali nuove galassie e la loro posizione. Dopo aver pubblicato questo catalogo Astron, vari gruppi di ricerca hanno funzionato con i dati. Ad esempio, David Sand, professore di astronomia all’Università dell’Arizona, e il suo team ha cercato star speciali in queste nuvole di gas interstellare.

Sand pensava che stesse guardando le nuvole di gas nella nostra Via Lattea, ma si scopre che alcuni cluster a stelle, come secc1, non erano affatto dietro l’angolo. Con loro sorpresa, la misteriosa nebulosa blu era lontana nel gruppo Vergine.

“SECCO1 è una bolla blu molto speciale”, ha affermato Michael Jones, esperto di giovani galassie presso lo Steward Observatory in Arizona. “Nella nostra professione è importante essere aperti. Aspettati l’inaspettato. Quando fai le tue ricerche, non sempre trovi quello che stavi cercando. A volte ti imbatti in qualcosa di completamente diverso, che si rivela molto interessante”. Questo risulta essere il caso in questo caso.

READ  Recensione di Nintendo Switch Sports (Switch) - Jurjen Swipes di nuovo

H1 e H2
Il team ha analizzato i dati di Hubble e dei Large Space Telescopes del New Mexico e del Cile. Insieme, hanno concluso che la maggior parte delle stelle in queste nuove galassie sono molto piccole e molto blu. È anche degno di nota il fatto che nelle stelle non si trovi quasi nessun gas di idrogeno atomico (H1). Questo è meraviglioso, perché una stella si forma solitamente sotto l’influenza dell’idrogeno atomico. Questo viene lentamente convertito in dense nubi di gas idrogeno molecolare (H2) prima che si formi la stella. “Vediamo che queste galassie difficilmente contengono alcun idrogeno atomico, ma ciò non significa che non esistono. Dovrebbe essere, poiché le stelle sono ancora formate. Jones ha detto che la presenza di giovani stelle e una mancanza di gas significa che loro hanno perso il gas di recente.

“Le stelle rosse hanno una massa più piccola e quindi vivono più a lungo delle stelle blu. Bruciano duramente e muoiono rapidamente. Le stelle rosse svaniscono e le stelle blu esalano tutto il loro carburante a una velocità rapida, lasciandole senza gas per formare nuove stelle.” Jones spiega le differenze tra i due tipi di stelle.

Le galassie blu sembrano aver preso il loro carburante, costituite da nuvole di gas molecolare, da altre galassie. Poiché le galassie più vicine sono a centinaia di migliaia di anni luce di distanza, ciò avrebbe probabilmente comportato una grande esplosione e una grande velocità.

Due modi per rubare il gas
Ci sono due modi in cui una galassia può rubare gas da un’altra galassia:

1. Stripping di marea: lo stripping di marea si verifica quando due grandi sistemi si sfregano l’uno contro l’altro. Sotto l’influenza della gravità, si scambiano nubi di gas e stelle.
2. Stripping della pressione dell’ariete: una galassia si scontra con un’altra galassia. Il tiro del gas viene espulso con grande forza. Quindi questo comando si connette all’altro sistema. Può essere paragonato a “fare una bomba” in piscina.

READ  Recensione: Beyond Blue (Switch) - NWTV

Le bolle blu nell’ammasso della Vergine sembrano essere una “bomba” intergalattica. L’elevata velocità con cui una galassia si scontra con un’altra è caratteristica dello stress stripping dell’ariete. Questo spiega la posizione altamente isolata dei sistemi.