QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Stato di emergenza in Ecuador dopo la fuga del famigerato signore della droga: “Non negoziamo con i terroristi” |  al di fuori

Stato di emergenza in Ecuador dopo la fuga del famigerato signore della droga: “Non negoziamo con i terroristi” | al di fuori

Lunedì il presidente ecuadoriano Daniel Noboa ha dichiarato lo stato di emergenza dopo la fuga del noto criminale della droga “Vito”. Secondo il quotidiano spagnolo El Pais, Vito è in carcere da dodici anni.

Secondo il giornale non è la prima volta che scappa. Secondo il quotidiano El Pais, Vito è considerato uno dei criminali della droga più pericolosi dell'Ecuador. È sospettato di coinvolgimento nell'assassinio del candidato alla presidenza Fernando Villavicencio lo scorso agosto.

Foto d'archivio. Il famigerato signore della droga José Adolfo Macías Villamar, detto Vito, durante il trasferimento. (23/12/08) © Agenzia France-Presse

Vito, il cui vero nome è Jose Adolfo Macias Villamar, è scomparso per 15 ore in una prigione nella città costiera di Guayaquil, nel sud dell'Ecuador. Successivamente le autorità ecuadoriane sono state costrette ad ammettere che era fuggito. È il leader di Los Choneros, il ramo ecuadoriano del cartello messicano di Sinaloa. Dopo la fuga di Vito, scoppiarono disordini in diverse carceri. Secondo il presidente, le rivolte sono il risultato della decisione del governo di prendere il controllo del sistema carcerario. Fino a poco tempo fa, secondo Noboa, i criminali erano liberi di farlo.

“Ho appena dichiarato un'emergenza nazionale in modo che le forze armate abbiano pieno sostegno politico e legale nelle loro azioni”, ha detto il presidente Noboa su Instagram. “Il tempo in cui i trafficanti di droga, gli assassini e la criminalità organizzata imponevano la legge al governo è finito”, ha detto Noboa.

Nel suo videomessaggio invita a sostenere le forze di sicurezza, alle quali grazie allo stato di emergenza sono stati conferiti più poteri. Il presidente afferma che “le leggi attuali non sono sufficienti per vivere in pace”. Noboa dice fermamente nella sua lettera: “Non negozieremo con i terroristi”.

READ  C'è opposizione al progetto di un enorme complesso di scimmie negli Stati Uniti: "Non credo che nessuno voglia 30.000 scimmie nella porta accanto" | al di fuori

34 anni di carcere

Vito, 44 ​​anni, è stato processato e condannato in quattordici processi per vari reati, tra cui rapina, criminalità organizzata, possesso di armi e omicidio, per un totale di 34 anni di carcere. Ora ne ha serviti dodici.

Non è la prima volta che scappa. Nel febbraio 2013, Vito e altri 15 detenuti della banda Los Choneros, compreso l'allora leader del gruppo, Jorge Luis Zambrano, sono riusciti a fuggire dal carcere di massima sicurezza di La Roca, che si trova nello stesso complesso carcerario di Guayaquil. Per dieci mesi furono i criminali più ricercati del Paese, finché la polizia non li trovò.

Dopo l'omicidio di Zambrano nel dicembre 2020, poco dopo il suo rilascio, Vito è diventato il leader dei Los Choneros.

Aspetto. 4.000 soldati pesantemente armati portano in prigione il capobanda Vito in Ecuador